Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Partecipazione del Sottosegretario Maria Tripodi al VI Forum su Sovraccapacità Produttiva Siderurgica

Il Sottosegretario agli Affari Esteri e alla Cooperazione Internazionale, Maria Tripodi, è intervenuta oggi su delega del Vicepresidente del Consiglio e Ministro degli Affari Esteri, On. Antonio Tajani, alla VI Conferenza Ministeriale dei Paesi membri del Foro globale sulla sovraccapacità produttiva siderurgica – il Global Forum on Steel Excess Capacity (GFSEC), svoltasi presso il quartier generale dell’OCSE a Parigi,

Nato nel 2016 nel quadro del G20, il Global Forum ha l’obiettivo di promuovere la cooperazione multilaterale e lo scambio di informazioni tra i principali Paesi produttori di acciaio per affrontare, contenere e ridurre l’eccesso di capacità produttiva siderurgica e le sue conseguenze distorsive sui mercati mondiali.

“Il futuro del Forum risiede nel coraggio di un approccio ambizioso, con l’obiettivo di pervenire a una soluzione condivisa ed efficace per contenere l’incremento della capacità produttiva”, ha affermato il Sottosegretario Tripodi nel corso del suo intervento durante la tavola rotonda dei Ministri. Il Sottosegretario ha inoltre ribadito l’importanza di un allargamento della membership, quale condizione per poter affrontare efficacemente il problema su scala mondiale, ricordando l’importanza che l’industria siderurgica, tra le più energivore, si ponga ambiziosi obiettivi di sostenibilità avvalendosi delle nuove tecnologie.

Al termine della riunione, le delegazioni delle 28 economie aderenti hanno approvato una Dichiarazione Ministeriale, che riflette i risultati del dibattito della riunione odierna.

Nell’ambito della missione, il Rappresentante permanente d’Italia presso le Organizzazioni Internazionali, Ambasciatore Luca Sabbatucci, ha organizzato un incontro del Sottosegretario con la Vice Segretario Generale dell’Ocse Fabrizia Lapecorella e alcuni Direttori e Direttrici italiani dell’Organizzazione parigina.