Questo sito utilizza cookies tecnici (necessari) e analitici.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookies.

Italy – UN Joint Press Release | Stage set in Italy to take stock on progress towards the transformation of food systems across world at critical half-way point of the Sustainable Development Goals and Agenda 2030

ROME, 3 February— On behalf of The Secretary-General of the United Nations, the Deputy Secretary-General, Amina Mohammed, and the Deputy Prime Minister and Minister of Foreign Affairs and International Cooperation of Italy, Antonio Tajani, announced today the UN Food Systems Stocktaking Moment, will take place in Rome, Italy from 24 – 26 July 2023, at the premises of the Food and Agriculture Organization of the United Nations (FAO).

The high-level meeting will serve as the first global follow-up to the 2021 Food Systems Summit, where more than 50,000 people, including 77 Heads of State and Government, from 193 countries, committed to accelerate and deepen the transformative power of food systems, for the full realization of all 17 Sustainable Development Goals (SDGs). Italy hosted the Pre-Food Systems Summit in Rome in July 2021, an inclusive substantial preparatory event that gathered leaders and numerous stakeholders.

“I am looking forward to Italy’s leadership in bringing together stakeholders to create the evidence that food systems transformation is a critical SDGs accelerator,” said Ms Mohammed, stressing that “more sustainable, equitable, healthy and resilient food systems directly impact people’s lives and livelihoods as we strive for a better future for people and for the planet.”

The UN Food Systems Stocktaking Moment will be hosted by Italy, in collaboration with the Rome-based UN Agencies (FAO, IFAD, WFP), the UN Food Systems Coordination Hub and the wider UN system. The aim is to provide opportunities for countries to report on progress made at the national level since the UN Food Systems Summit in 2021 and their contributions to the achievement of the 2030 Agenda – despite a current global context that has substantially changed.

The number of people unable to afford a healthy diet increased by an additional 112 million between 2019 to 2020, to almost 3.1 billion, reflecting the impacts of rising consumer food prices during the pandemic.

“I strongly welcome the decision of the UN to accept Italy’s offer to host and co-organize in Rome the UN Food Systems Stocktaking Moment, together with the UN Rome-based agencies, the UN Food Systems Coordination Hub and the wider UN system”, said Minister Tajani. “Italy, with the strategic involvement of its strong and innovative agrifood sector, is committed to play an increasingly active role in supporting the efforts of the international community to promote food security and transformative and innovative solutions for sustainable and efficient food systems throughout the world. As one of oldest and most influential food cultures of the world, we intend to play our part in addressing one of the key challenges for the achievement of the 2030 Agenda”.

The three-day meeting will further highlight the central role of food systems transformations in overall SDG advancement ahead of the Sustainable Development Goals Summit in September 2023. It will also be a conducive space for countries to share stories of success and early signs of transformation and maintain the momentum for bold acceleration and bold action to further the resilience of food systems.

The FAO Director-General, QU Dongyu, expressed full support for the Stocktaking meeting for transformation of agrifood systems to be more efficient, inclusive, resilient and sustainable for better production, nutrition, environment and a life leaving no one behind.

The UN and Italy called on all countries and food systems actors to “prepare and seize the opportunity” of the Stocktaking Moment to reaffirm the world’s commitment to act with urgency, at scale and in line with the promise of the SDGs.

 

Note to Editor:

About the UN Food Systems Coordination Hub

UN Food Systems Coordination Hub was established in 2022 and is hosted by FAO on behalf of the UN System and supported by the International Fund for Agricultural Development (IFAD), the World Health Organization (WHO), the World Food Program (WFP), the UN Environmental Programme (UNEP), and the United Nations Development Coordination Office (UNDCO).

The Hub’s primary role is to support countries to develop further and implement their national agrifood systems transformation pathways.

To accelerate food systems transformations, the Hub takes an essential coordination role that brings together relevant UN agencies, coalitions, international financial institutions, the private sector and other supporting actors to galvanize food systems knowledge and expertise in support of countries’ action.

 

 

*****

Traduzione di cortesia

 

Comunicato stampa congiunto Italia-ONU | In Italia si fa il punto sui progressi compiuti nella trasformazione dei sistemi alimentari nel mondo, a metà strada degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile e dell’Agenda 2030

ROMA, 3 Febbraio— A nome del Segretario Generale delle Nazioni Unite, la Vice Segretaria Generale, Amina Mohammed, e il Vice Presidente del Consiglio e Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale italiano, Antonio Tajani, hanno annunciato oggi l’UN Food Systems Stocktaking Moment, che si terrà a Roma dal 24 al 26 luglio 2023, presso la sede dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura (FAO).

Il summit rappresenta il primo follow-up globale del Vertice sui Sistemi Alimentari del 2021, in cui più di 50.000 partecipanti, tra cui 77 capi di Stato e di Governo, provenienti da 193 Paesi, si sono impegnati ad accelerare e approfondire il potere trasformativo dei sistemi alimentari, per la piena realizzazione di tutti i 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs). L’Italia ha ospitato il pre-Vertice sui Sistemi Alimentari a Roma nel luglio 2021, un evento preparatorio inclusivo e di grande rilievo che ha riunito leader e numerosi attori internazionali.

“Non vedo l’ora che l’Italia guidi e riunisca gli attori internazionali per dimostrare che la trasformazione dei sistemi alimentari rappresenta un acceleratore essenziale degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile”, ha dichiarato Mohammed, sottolineando che “sistemi alimentari più sostenibili, equi, sani e resilienti hanno un impatto diretto sulla vita e sui mezzi di sostentamento della gente, dal momento che ci adoperiamo per un futuro migliore per le persone e per il pianeta”.

L’UN Food Systems Stocktaking Moment sarà ospitato dall’Italia, in collaborazione con le Agenzie delle Nazioni Unite con sede a Roma (FAO, IFAD, PAM), l’UN Food Systems Coordination Hub e il più ampio sistema delle Nazioni Unite. L’obiettivo è quello di offrire ai Paesi l’opportunità di riferire sui progressi compiuti a livello nazionale dal Vertice sui Sistemi Alimentari del 2021 e sui rispettivi apporti al raggiungimento dell’Agenda 2030, malgrado l’attuale contesto globale sia cambiato in modo significativo.

Il numero di coloro che non possono permettersi un’alimentazione sana è aumentato di altri 112 milioni tra il 2019 e il 2020, arrivando a quasi 3,1 miliardi di persone, il che riflette l’impatto dell’aumento dei prezzi dei generi alimentari al consumo durante la pandemia.

“Accolgo con entusiasmo la decisione delle Nazioni Unite di accettare l’offerta dell’Italia di ospitare e co-organizzare a Roma l’UN Food Systems Stocktaking Moment, insieme alle Agenzie ONU con sede a Roma, all’UN Food Systems Coordination Hub e al più ampio sistema delle Nazioni Unite”, ha dichiarato il Ministro Tajani. “L’Italia, con il coinvolgimento strategico del suo forte e innovativo settore agroalimentare, si impegna a svolgere un ruolo sempre più attivo a sostegno degli sforzi della comunità internazionale per promuovere la sicurezza alimentare e soluzioni trasformative e innovative per sistemi alimentari sostenibili ed efficienti in tutto il mondo. In qualità di una delle culture alimentari più antiche e influenti del mondo, intendiamo fare la nostra parte nell’affrontare una delle sfide chiave per la realizzazione dell’Agenda 2030”.

Il summit, della durata di tre giorni, metterà ulteriormente in evidenza il ruolo centrale delle trasformazioni dei sistemi alimentari nell’avanzamento generale degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile in vista del Vertice sugli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile del settembre 2023. Costituirà altresì uno spazio favorevole affinché i Paesi possano condividere esperienze positive e i primi segnali di trasformazione, mantenendo lo slancio verso un’accelerazione e azioni coraggiose per promuovere la resilienza dei sistemi alimentari.

Il Direttore Generale della FAO, Qu Dongyu, ha espresso il suo pieno sostegno al Stocktaking meeting per la trasformazione dei sistemi agroalimentari in sistemi più efficienti, inclusivi, resilienti e sostenibili per una migliore produzione, nutrizione, ambiente e una vita che non lasci nessuno indietro.

L’ONU e l’Italia hanno invitato tutti i Paesi e gli attori dei sistemi alimentari a “prepararsi a cogliere l’opportunità” del Stocktaking Moment per ribadire l’impegno globale ad agire con urgenza, su scala e in linea con la promessa degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile.

 

Nota per la stampa:

Informazioni sull’UN Food Systems Coordination Hub

L’UN Food Systems Coordination Hub è stato istituito nel 2022 ed è ospitato dalla FAO per conto del Sistema delle Nazioni Unite e supportato dal Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD), dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), dal Programma Alimentare Mondiale (PAM), dal Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEP) e dall’Ufficio di Coordinamento dello Sviluppo delle Nazioni Unite (UNDCO).

Il ruolo principale dell’Hub è quello di sostenere i Paesi nello sviluppo e nell’attuazione dei percorsi di trasformazione dei sistemi agroalimentari nazionali.

Per accelerare le trasformazioni dei sistemi alimentari, l’Hub assume un ruolo di coordinamento essenziale che riunisce le agenzie delle Nazioni Unite, le coalizioni, le istituzioni finanziarie internazionali, il settore privato e altri attori di supporto per convogliare le conoscenze e le competenze sui sistemi alimentari a sostegno dell’azione dei Paesi.