Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Visita in Italia di una Delegazione del Consiglio Atlantico della NATO – Incontro il 16 maggio con Il Vice Presidente del Consiglio e Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, On. Antonio Tajani

Da oggi al 16 maggio una Delegazione del Consiglio Atlantico della NATO si recherà in Italia per incontri istituzionali e per visitare le strutture dell’Alleanza nel Paese. Sarà presente anche  l’ Assistente Segretario Generale della NATO, Wendy Gilmour.

Il Vice Presidente del Consiglio e Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, On. Antonio Tajani, riceverà la Delegazione martedì 16 per un confronto sui principali temi di attualità che coinvolgono la NATO.

“L’Italia è in prima linea all’interno della NATO nella prevenzione e nella gestione delle crisi e nel costruire e rendere operativi i rapporti con i partner – in primo luogo UE e Nazioni Unite – cui ci legano valori e interessi comuni – ha dichiarato Tajani, aggiungendo che “la missione della Delegazione del Consiglio Atlantico darà ancora maggiore visibilità al contributo italiano alla NATO in una fase di profonda trasformazione dell’Organizzazione.”

La missione sarà utile anche per veicolare obiettivi e priorità italiane in tema di sicurezza, con particolare attenzione al sostegno all’Ucraina e alle sfide provenienti dal Fianco Sud e dall’Africa, e per contribuire al dibattito in preparazione del Vertice NATO di Vilnius (11-12 luglio) nel quale i leader dei 31 Paesi dell’Alleanza saranno chiamati ad adottare importanti decisioni sul futuro della cooperazione transatlantica.

Oltre a una serie di incontri a livello parlamentare, la Delegazione del Consiglio Atlantico si recherà in visita al Comando Interforze di Napoli – uno dei tre Comandi Interforze della struttura di comando NATO che, oltre ai tradizionali compiti di deterrenza e difesa, ha anche la missione di contribuire alla stabilità dell’area euroatlantica ed individuare opportunità di cooperazione in aree quali Nord Africa, Medio Oriente, Sahel – e alla base aerea di Sigonella, scelta dalla NATO come base operativa principale dell’Alliance Ground Surveillance (AGS), un sistema di intelligence particolarmente avanzato di sorveglianza aerea e ricognizione del terreno utile per l’intera gamma delle missioni NATO, comprese le operazioni di mantenimento della pace e di soccorso umanitario.

Ti potrebbe interessare anche..