Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Tirana: parte la nuova edizione YouthTrail

L’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (Osce), l’Italia e la Grecia lavorano in favore della gioventù albanese. Nel giorno internazionale della Gioventù, che l’Onu celebra il 12 agosto, per sottolineare il ruolo fondamentale che i giovani devono svolgere nella lotta comune per costruire un mondo migliore per tutti, è stato sottoscritto un progetto cofinanziato dall’Italia e dalla Grecia a sostegno dell’impegno dell’OSCE nell’inclusione dei giovani nella pace e sicurezza. Nell’editoriale pubblicato sul quotidiano Albanian Daily News, firmato dall’Ambasciatore Vincenzo Del Monaco (Capo della Presenza OSCE in Albania), dall’Ambasciatore d’Italia a Tirana Fabrizio Bucci e dall’Ambasciatrice della Grecia a Tirana Sophia Philippidou, si sottolinea l’impegno della Presenza Osce a Tirana per trovare, con i giovani, soluzioni ai problemi di sicurezza attraverso la formazione sulla risoluzione dei conflitti, l’estremismo violento, la violenza domestica e di genere. Per questo la gioventù albanese è stata coinvolta anche in progetti di educazione elettorale in vista delle elezioni generali di aprile 2021. Tutte le azioni fanno capo al progetto “YouthTrail” che ha avuto già tre edizioni dal 2017, 2018 e 2019 ed ha aiutato  Tirana a vincere il titolo di “Capitale europea della gioventù 2022”. I giovani albanesi di età compresa tra i 15 e i 29 anni rappresentano il 23,2% della popolazione totale, il che rende l’Albania una delle nazioni più giovani d’Europa. Per questo, dopo oltre un anno di pandemia, l’Osce ha rinnovato l’iniziativa YouthTrail, con il sostegno di Italia e Grecia. La nuova serie di iniziative YouthTrail inizierà il prossimo ottobre, riunendo giovani giornalisti della regione nel tentativo di aumentarne la comprensione, il ruolo e la collaborazione nel migliorare la libertà dei media di fronte alle nuove sfide e nella salvaguardia dei diritti dei giornalisti nella regione. Gli esiti dei lavori dei giovani giornalisti saranno poi esposti nel corso di una sessione speciale della Conferenza dei media dell’Europa sudorientale.


Guarda qui l’editoriale
 >>

Ti potrebbe interessare anche..