Questo sito utilizza cookies tecnici (necessari) e analitici.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookies.

Nigeria: violenze inter-religiose, Boniver presto in Africa

La nuova domenica di sangue in Nigeria ha alzato tragicamente il livello dell’escalation delle violenze contro i cristiani. Secondo quanto annunciato dal Ministro Giulio Terzi l’’inviato per le Emergenze umanitarie del governo italiano, Margherita Boniver, si recherà “al più presto” in Africa per colloqui con le autorità locali sulla questione dei conflitti inter-religiosi. Terzi ha detto che “e’’ imprescindibile che il prossimo Consiglio degli affari esteri Ue discuta della tutela delle minoranze religiose, chiesta da Italia”.


Terzi ha aggiuntoche perfrenare le violenze interreligiose sono necessari tre livelli di intervento: inserire la tutela delle minoranze religiose nelle costituzioni, formazione sulla tolleranza, collaborazione contro il terrorismo’’. Questi temi sono stati al centro del colloquio che giovedi scorso il Ministro ha avuto alla Farnesina con il Segretario Generale della Lega Araba Nabil El Araby.



L’obiettivo degli estremisti islamici


I luoghi di culto cristiani in Nigeria sono diventati il principale obiettivo degli islamisti di Boko Haram, un gruppo legato ad Al Qaida, che si propone non solo di instaurare un califfato islamico nel nord del Paese, ma anche quello, più ambizioso e pericoloso, di innescare una guerra civile interreligiosa, mandando in frantumi i precari equilibri del Paese più popoloso dell’Africa. I circa 160 milioni di abitanti della Nigeria sono divisi a metà tra cristiani (più concentrati a Sud) e musulmani (maggioritari a Nord).

Ti potrebbe interessare anche..