Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Gentiloni alla Conferenza internazionale per il rilancio di un ”Piano d’Azione” contro le violenze etniche e religiose in Medio Oriente

Il Ministro Paolo Gentiloni partecipa alla Conferenza internazionale che si svolge a Parigi, copresieduta da Francia e Giordania, sulle vittime delle violenze etniche e religiose in Medio Oriente. Gentiloni presiede una tavola rotonda dal titolo: ”Facilitare il rimpatrio sostenibile e in sicurezza degli sfollati e dei rifugiati”. La conferenza, alla quale partecipano i rappresentanti di 60 Paesi, L’Unione Europea, nonché organismi e personalità delle Nazioni Unite, si propone di lanciare un ”Piano d’Azione” sulle possibili risposte, in termini di sicurezza, umanitarie e di cooperazione, per arginare il fenomeno delle violenze e delle discriminazioni etniche e religiose nella regione mediorientale.

L’impegno dell’Italia

L’Italia conferma il suo impegno politico, di sicurezza , di assistenza umanitaria e di cooperazione allo sviluppo nonché di protezione e promozione dei diritti e delle libertà fondamentali nella regione mediorientale. Nel sottolineare la dimensione collettiva della libertà di religione e della sua difesa attiva, l’Italia ribadisce che la sopravvivenza delle minoranze etniche e religiose in Medio Oriente non risponde soltanto ad un imperativo etico-umanitario  ma è elemento essenziale per la pacificazione e la stabilizzazione della regione e per garantire le giuste condizioni per lo sviluppo di una cultura pluralista, aperta alle diversità e rispettosa delle libertà fondamentali.

Ti potrebbe interessare anche..