Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Incontro del Ministro Antonio Tajani con l’omologo greco Nikos Dendias

Incontro del Ministro Antonio Tajani con l’omologo greco Nikos Dendias
Incontro del Ministro Antonio Tajani con l’omologo greco Nikos Dendias

Il Vice Presidente del Consiglio e Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, On. Antonio Tajani, ha ricevuto oggi alla Farnesina il Ministro degli Esteri greco Nikos Dendias. Un incontro definito dal Ministro Tajani in una conferenza stampa congiunta “non solo formalmente cordiale, ma anche molto positivo dal punto di vista politico. Abbiamo consolidato un’amicizia già profonda e una collaborazione economica nei tanti settori” che già vedono i due Paesi impegnati positivamente.

Con il collega Dendias, “ci siamo trovati d’accordo sulle grandi questioni, sulla necessità di lavorare insieme per la pace, per la stabilità dell’area del Mediterraneo e per lavorare insieme, anche a livello comunitario, per affrontare il tema dell’immigrazione clandestina”. “Italia e Grecia – ha osservato il Ministro – hanno una pressione migratoria fortissima”, rilanciando l’appello ad una solidarietà europea e a soluzioni europee volte a governare i flussi migratori che percorrono la rotta mediterranea e quella balcanica. “C’è una comunità d’intenti che si è manifestata queste settimane e la posizione dell’Italia non è polemica nei confronti di nessun paese dell’Unione. Chiediamo, e credo che la Grecia lo faccia insieme a noi, a gran voce una forte azione europea a breve, a medio e a lungo termine. Soprattutto guardando con un grande interesse all’Africa”.

Il Ministro Tajani ha tenuto a sottolineare il “clima disteso” che ha avvertito nella riunione di due giorni fa a Bruxelles con i colleghi europei: “Ho colto orecchie attente da parte di tutti i paesi dell’Ue, si vuole cercare una soluzione positiva”.

Anche in relazione alla stabilità del Mediterraneo, il Ministro Tajani ha affermato che “è fondamentale una presenza più forte dell’Ue”. Un percorso che, a suo avviso, ha bisogno di “lavorare ancora di più con i paesi del Nord Africa, di trovare soluzioni per sconfiggere il terrorismo e di garantire stabilità in Medio Oriente e nei Balcani”.

Con riferimento ai tragici fatti avvenuti ieri in Polonia, il Ministro Tajani ha affermato che la Farnesina segue con grande attenzione l’evolversi della situazione. Il Ministro ha infine ribadito il proprio impegno per una de-escalation del conflitto in Ucraina, col fine ultimo di raggiungere una pace basata sulla giustizia, la quale non può prescindere dall’indipendenza dell’Ucraina e dal rispetto del diritto internazionale.

Ti potrebbe interessare anche..