Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

G7 Foreign Ministers – Statement on Russia’s war against Ukraine

  1. We, the G7 Foreign Ministers of Canada, France, Germany, Italy, Japan, the United Kingdom, the United States of America, and the High Representative of the European Union, are steadfast in our solidarity with and our support for Ukraine as it defends itself against Russia’s unjustifiable, unprovoked and illegal war of aggression, a war in which Belarus is complicit. We are committed to helping Ukraine, a democracy and a UN member, uphold its sovereignty and territorial integrity, to defend itself and resist future attacks or coercion, choose its own future and prosper.
  2. In the presence of the Foreign Ministers of Ukraine and Moldova, we underscore Ukraine’s sovereignty, territorial integrity, independence and right for self-defence under the UN Charter. This war of aggression has reaffirmed our determination to reject outright attempts to redraw borders by force in violation of sovereignty and territorial integrity.
  3. We are providing significant humanitarian assistance to Ukraine and its neighbours to meet urgent protection and other lifesaving needs. We continue to make substantial financial and economic support available to Ukraine to strengthen the resilience of its economy. We reaffirm our commitment to support Ukraine, including in the reconstruction of the country, and call on all partners to join our efforts to ensure support for Ukraine in meeting its immediate humanitarian and financial needs and for Ukraine to rebuild its future. We will pursue our ongoing military and defense assistance to Ukraine as long as necessary.
  4. We reiterate our demand that Russia put an end to the war it started unprovoked and to end the tragic suffering and loss of life it continues to cause. We also continue to call on Belarus to stop enabling Russia’s aggression and to abide by its international obligations. We urge full compliance with international humanitarian law, allowing and facilitating rapid, safe and unimpeded humanitarian access as well as the humanitarian evacuation of civilians safeguarding evacuees’ freedom to choose their destination. We call on Russia to immediately comply with the legally binding order of the International Court of Justice of 16 March 2022 and to abide by the relevant resolutions of the UN General Assembly and stop its military aggression – to cease fire, and immediately and unconditionally withdraw its troops from the entire territory of Ukraine within its internationally recognised borders.
  5. Russia has violated the UN Charter, undermined the fundamental principles of the European security architecture as enshrined in the Helsinki Final Act and the Charter of Paris and will have to face consequences for its actions. We reject any notion of spheres of influence and any use of force that is not in compliance with international law. We will never recognize borders Russia has attempted to change by military aggression, and will uphold our engagement in the support of the sovereignty and territorial integrity of Ukraine, including Crimea, and all states. We condemn as irresponsible threats of use of chemical, biological or nuclear weapons or related materials by Russia and reiterate that any use of such weapons would be met with severe consequences.
  6. Russia’s war of aggression against Ukraine as well as its unilateral actions restraining Ukrainian agricultural exports, are leading to steep price rises in commodity markets and the threats we are now seeing to global food security. As global markets suffer from Russia’s war of choice by rising food and commodity prices, thus affecting the lives of people around the world and exacerbating existing humanitarian and protection needs, we are determined to contribute additional resources to and support all relevant efforts that aim to ensure availability and accessibility of food, energy and financial resources as well as basic commodities for all. We call on Russia to cease immediately its attacks on key transport infrastructure in Ukraine, including ports, so that they can be used for exporting Ukrainian agricultural products. We will address the causes and consequences of the global food crisis through a Global Alliance for Food Security, that is to be launched officially at the G7 Development Ministers meeting, and other efforts in close cooperation with international partners and organisations beyond the G7. We will closely cooperate with international parters and organisations beyond the G7, and, with the aim of transforming political commitments into concrete actions as planned by various international initiatives such as the Food and Agricultural Resilience Mission (FARM) and key regional outreach initiatives, including towards African and Mediterranean countries.
  7. We underscore that our sanctions and export controls against Russia do not and will not target essential exports of food and agricultural inputs to developing countries and to this end include measures to avoid any negative consequences for the production and distribution of food. We reaffirm our commitment to protect the most vulnerable countries and people suffering from Russia’s war against Ukraine and its global repercussions.
  8. We condemn and will systematically expose Russia’s policy of information manipulation and interference, including disinformation which it employs to justify and support its war of aggression against Ukraine and which deliberately aims at manipulating public opinions domestically and worldwide with a view to covering its responsibilities in the ongoing war. We will continue to work together to address this manipulative behavior, in particular within the G7 Rapid Response Mechanism, and promote the exercise of freedom of opinion and expression and access to reliable information from free, pluralistic and independent media, notably on the war and its consequences for the world.
  9. We stand united against Russia’s violation of the UN Charter and other fundamental principles of international law. We condemn in the strongest terms the ongoing attacks killing and wounding civilians and non-combatants, the systematic targeting of critical infrastructure and the extensive harm to healthcare personnel and facilities, as well as conflict-related sexual and gender-based violence in Ukraine. We will continue to support the ongoing investigations into violations of international law, including violations of international humanitarian law, and human rights violations and potential war crimes and crimes against humanity committed in Ukraine. We support investigations by the Prosecutor of the International Criminal Court, the Prosecutor-General of Ukraine, and other national prosecutors who are able to establish jurisdiction under national law. Further, we fully support the Commission of Inquiry mandated by the UN Human Rights Council, the UN Human Rights Monitoring Mission in Ukraine and efforts of civil society organizations to investigate violations and document potential war crimes. We commit to providing investigative support, technical expertise, funding and other assistance to work towards ensuring the accountability of those who are responsible for the atrocities and crimes committed.
  10. A number of countries have shown solidarity and provided safe haven for those who have fled from Russia’s war of aggression. We particularly commend Moldova’s remarkable efforts in hosting so many refugees, both in relative and absolute terms. Through the Moldova Support Platform launched in Berlin on 5 April and other formats, we will support Moldova to meet short-term needs and its longer-term development and reform programme. We express our concern regarding the recent attempts to destabilise the Transnistrian region and emphasize our support to Moldova’s stability, sovereignty and territorial integrity.
  11. We reaffirm our determination to further increase economic and political pressure on Russia, continuing to act in unity. We will do so, as underlined by G7 Leaders on 8 May, by imposing coordinated further restrictive measures on Russia‘s economy and financial system; by further targeting Russian elites including economic actors, the central government institutions and the military, that enable President Putin to lead his war of choice; and by isolating Russia from our economies, the international financial system, and within global institutions. We will broaden our sanctions measures to include sectors on which Russia has a particular dependence.
  12. We commend partners that have aligned with us, and encourage others to adopt measures to increase the cost of the war for Russia by isolating it, and Belarus for its support, from the global economy, and to prevent sanctions evasion, circumvention and backfilling. We will listen to and work with partners around the world through increased outreach to mitigate any impacts to their own economies caused by Putin’s war, and pledge our support in mitigating the costs.
  13. We will expedite our efforts to reduce and end reliance on Russian energy supplies as quickly as possible, building on G7 commitments to phase out or ban imports of Russian coal and oil. We will accelerate the energy transition and enhance energy efficiency in the context of the accelerated phasing out of our dependency on Russian energy, in accordance with our climate objectives and energy security imperatives, thereby steadily reducing foreign currency flows into Russia and restricting the financial means available to fund Russia’s war machinery. We will ensure that we do so in a timely and orderly fashion, and in ways that provide time for the world to secure alternative supplies.
  14. We deplore the domestic repressions in Russia and Belarus against independent media, civil society, the opposition and citizens who peacefully express their disapproval of Russia’s war against Ukraine. The Russians and Belarusians deserve better: They should be able to make full use of fundamental human rights, most basically the right to decide their own fate and the fate of their countries. We, the G7, are not at war with Russia or the Russian people. The Russian decision to attack Ukraine was taken by leaders who reject democratic responsibility. We lend our support to those who have fallen victim to repression. We reaffirm the right of Russians and Belarusians to seek, receive and impart fact-based information from free, pluralistic and independent media and condemn the Russian government’s and Belarusian regime’s recourse to censorship and other methods of hampering Russians’ and Belarusians’ access to independent media, including through restrictions on access to the internet and social media platforms.
  15. We condemn actions perpetrated by Russia, which compromise the safety and security of nuclear material and facilities in Ukraine and consequently pose serious risks to human life and the environment. We underline our full support for the efforts of the IAEA and its Director-General to ensure the nuclear safety and security of, and the application of safeguards to, nuclear material and facilities in Ukraine. We call on Russia to immediately withdraw its forces from Ukraine’s nuclear facilities and to return full control to legitimate Ukrainian authorities. We reiterate that the IAEA must be able to access all nuclear facilities in Ukraine safely and without any impediments.

    *****
    Traduzione di cortesia

    Ministri degli esteri del G7 – Dichiarazione sulla Guerra della Russia contro l’Ucraina

    1. Noi, Ministri degli Esteri del G7 di Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone, Regno Unito, Stati Uniti d’America e l’Alto Rappresentante dell’Unione Europea, siamo fermi nella nostra posizione di solidarietà e sostegno all’Ucraina che si difende dalla guerra di aggressione ingiustificata, immotivata ed illegale della Russia, una guerra di cui la Bielorussia è complice. Siamo impegnati ad aiutare l’Ucraina, una democrazia ed un paese membro delle Nazioni Unite, a sostenere la propria sovranità ed integrità territoriale, a difendersi ed a resistere a futuri attacchi o coercizioni, a scegliere il proprio futuro e a prosperare.
    2. Alla presenza dei Ministri degli Esteri di Ucraina e Moldavia, sottolineiamo la sovranità, l’integrità territoriale, l’indipendenza ed il diritto all’autodifesa dell’Ucraina, ai sensi della Carta delle Nazioni Unite. Questa guerra di aggressione ha riaffermato la nostra determinazione a respingere i tentativi di ridisegnare i confini con la forza, in violazione della sovranità e dell’integrità territoriale.
    3. Stiamo fornendo significativa assistenza umanitaria all’Ucraina e ai paesi suoi vicini per soddisfare le urgenti esigenze di protezione ed altre necessità al fine di salvare vite umane. Continuiamo a mettere a disposizione dell’Ucraina un consistente sostegno economico e finanziario per rafforzare la resistenza e la capacità di ripresa della sua economia. Ribadiamo il nostro impegno a sostenere l’Ucraina, anche nella ricostruzione del Paese, e chiediamo a tutti i partner di unirsi ai nostri sforzi per garantire all’Ucraina il sostegno atto a soddisfare le sue esigenze umanitarie e finanziarie immediate ed a ricostruire il suo futuro. Continueremo a fornire assistenza militare e di difesa all’Ucraina finché sarà necessario.
    4. Ribadiamo la nostra richiesta alla Russia di porre fine alla guerra che ha iniziato senza motivo e di porre fine alle tragiche sofferenze e perdite di vite umane che continua a causare. Continuiamo inoltre a chiedere alla Bielorussia di smettere di consentire l’aggressione della Russia e di rispettare i suoi obblighi internazionali. Chiediamo il pieno rispetto del diritto umanitario internazionale, consentendo e facilitando un accesso umanitario rapido, sicuro e senza ostacoli, nonché l’evacuazione umanitaria dei civili, salvaguardando la libertà degli evacuati di scegliere la propria destinazione. Chiediamo alla Russia di rispettare immediatamente l’ordinanza giuridicamente vincolante della Corte internazionale di giustizia del 16 marzo 2022, di attenersi alle relative risoluzioni dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite e di fermare la sua aggressione militare, nonché di cessare il fuoco e di ritirare immediatamente e incondizionatamente le sue truppe dall’intero territorio dell’Ucraina all’interno dei suoi confini internazionalmente riconosciuti.
    5. La Russia ha violato la Carta delle Nazioni Unite, ha minato i principi fondamentali dell’architettura di sicurezza europea sanciti dall’Atto finale di Helsinki e dalla Carta di Parigi e dovrà affrontare le conseguenze delle sue azioni. Rifiutiamo qualsiasi concetto di sfera d’influenza e qualsiasi uso della forza che non sia conforme al diritto internazionale. Non riconosceremo mai i confini che la Russia ha tentato di modificare con l’aggressione militare e manterremo il nostro impegno a sostegno della sovranità e dell’integrità territoriale dell’Ucraina, ivi compresa la Crimea, e di tutti gli Stati. Condanniamo come irresponsabili le minacce di utilizzo di armi chimiche, biologiche o nucleari o di materiali correlati da parte della Russia e ribadiamo che qualsiasi uso di tali armi porterebbe a gravi conseguenze.
    6. La guerra di aggressione della Russia contro l’Ucraina e le sue azioni unilaterali di restrizione delle esportazioni agricole ucraine stanno portando a forti aumenti dei prezzi sui mercati delle materie prime e alle minacce che stiamo registrando alla sicurezza alimentare mondiale. Poiché i mercati mondiali risentono della guerra innescata dalla Russia con l’aumento dei prezzi dei prodotti alimentari e delle materie prime, che si ripercuote sulla vita delle persone in tutto il mondo e aggrava i bisogni umanitari e di protezione esistenti, siamo determinati a contribuire con ulteriori risorse e a sostenere tutti i relativi sforzi volti a garantire la disponibilità di, e l’accessibilità a, generi alimentari, energia e risorse finanziarie, nonché a prodotti di base per tutti. Chiediamo alla Russia di cessare immediatamente gli attacchi alle principali infrastrutture di trasporto in Ucraina, ivi compresi i porti, in modo tale che possano essere utilizzate per l’esportazione dei prodotti agricoli ucraini. Affronteremo le cause e le conseguenze della crisi alimentare mondiale tramite un’Alleanza Mondiale per la Sicurezza Alimentare, che sarà varata ufficialmente in occasione della riunione dei Ministri dello Sviluppo del G7, nonché con altre azioni in stretta collaborazione con partner e organizzazioni internazionali al di là del G7. Collaboreremo strettamente con i partner e le organizzazioni internazionali al di là del G7, con l’obiettivo di trasformare gli impegni politici in azioni concrete, come previsto da varie iniziative internazionali quali la Missione di resilienza alimentare ed agricola (FARM) e le principali iniziative di sensibilizzazione regionale, anche nei confronti dei Paesi africani e mediterranei.
    7. Sottolineiamo che le nostre sanzioni e i controlli sulle esportazioni nei confronti della Russia non mirano e non mireranno alle esportazioni essenziali di prodotti alimentari ed input agricoli verso i Paesi in via di sviluppo e, a tal fine, includono misure per evitare qualsiasi conseguenza negativa per la produzione e la distribuzione di generi alimentari. Ribadiamo il nostro impegno a tutelare i Paesi e le persone più vulnerabili che soffrono a causa della guerra della Russia contro l’Ucraina e delle sue ripercussioni mondiali.
    8. Condanniamo e denunceremo sistematicamente la politica di manipolazione ed ingerenza dell’informazione russa, ivi compresa la disinformazione che la Russia impiega per giustificare e sostenere la sua guerra di aggressione contro l’Ucraina e che mira deliberatamente a manipolare le opinioni pubbliche a livello nazionale e mondiale, al fine di occultare le sue responsabilità nella guerra in corso. Continueremo ad operare insieme per affrontare questo comportamento manipolatorio, in particolare nell’ambito del Meccanismo di risposta rapida del G7, e promuoveremo l’esercizio della libertà di opinione e di espressione e l’accesso ad informazioni affidabili da parte di mezzi di comunicazione liberi, pluralistici e indipendenti, in particolare sulla guerra e sulle sue conseguenze per il mondo.
    9. Siamo uniti contro la violazione da parte della Russia della Carta delle Nazioni Unite e di altri principi fondamentali del diritto internazionale. Condanniamo con la massima fermezza gli attacchi in corso che uccidono e feriscono civili e non combattenti, così come l’attacco sistematico alle infrastrutture critiche e i notevoli danni al personale e alle strutture sanitarie, nonché la violenza sessuale e di genere legata al conflitto in Ucraina. Continueremo a sostenere le indagini in corso sulle violazioni del diritto internazionale, ivi comprese le violazioni del diritto umanitario internazionale, le violazioni dei diritti umani ed i potenziali crimini di guerra e contro l’umanità commessi in Ucraina. Sosteniamo le indagini del Procuratore della Corte penale internazionale, del Procuratore generale dell’Ucraina e di altri procuratori nazionali in grado di stabilire la giurisdizione in base al diritto nazionale. Inoltre, sosteniamo appieno la Commissione d’inchiesta incaricata dal Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite, la Missione di monitoraggio dei diritti umani delle Nazioni Unite in Ucraina e gli sforzi delle organizzazioni della società civile per indagare sulle violazioni e documentare i potenziali crimini di guerra. Ci impegniamo a fornire supporto investigativo, competenze tecniche, finanziamenti ed altre forme di assistenza per operare al fine di accertare la responsabilità di coloro che sono responsabili delle atrocità e dei crimini commessi.
    10. Vari Paesi hanno dimostrato solidarietà e fornito un rifugio sicuro a coloro che sono fuggiti dalla guerra di aggressione della Russia. Lodiamo in particolare i notevoli sforzi della Moldavia nell’accogliere così tanti rifugiati, sia in termini relativi che assoluti. Tramite la Piattaforma di sostegno alla Moldavia, varata a Berlino il 5 aprile, ed altre modalità, sosterremo la Moldavia per soddisfare le esigenze a breve termine ed il suo programma di sviluppo e riforma a lungo termine. Esprimiamo la nostra preoccupazione per i recenti tentativi di destabilizzazione della regione transnistriana e sottolineiamo il nostro sostegno alla stabilità, alla sovranità e all’integrità territoriale della Moldavia.
    11. Riaffermiamo la nostra determinazione ad aumentare ulteriormente la pressione economica e politica sulla Russia, continuando ad agire in modo unitario. Lo faremo, come sottolineato dai Capi di Stato e di governo del G7 lo scorso 8 maggio, imponendo ulteriori misure restrittive coordinate sull’economia e sul sistema finanziario della Russia, nonché prendendo ulteriormente di mira le élite russe, ivi compresi gli operatori economici, le istituzioni del governo centrale e le forze armate, che consentono al Presidente Putin di condurre la sua guerra ingiustificata, ed isolando la Russia dalle nostre economie, dal sistema finanziario internazionale e dalle istituzioni mondiali. Amplieremo le nostre misure sanzionatorie per includere i settori da cui la Russia dipende in modo particolare.
    12. Lodiamo i partner che si sono allineati sulla nostra posizione ed incentiviamo gli altri ad adottare misure per aumentare il costo della guerra per la Russia, isolandola dall’economia mondiale, insieme alla Bielorussia per il suo sostegno ad essa, ed al fine di prevenire l’aggiramento e l’elusione delle sanzioni ed il cosiddetto fenomeno del backfilling, vale a dire le iniziative di promozione commerciale che possano favorire la sostituzione dei prodotti sottoposti ad embargo. Ascolteremo e collaboreremo con i partner di tutto il mondo tramite una maggiore sensibilizzazione per attenuare ogni impatto sulle loro economie causato dalla guerra di Putin e ci impegniamo a fornire il nostro sostegno per mitigarne i costi.
    13. Accelereremo i nostri sforzi per ridurre e porre fine alla dipendenza dalle forniture energetiche russe il più rapidamente possibile, sulla base degli impegni assunti dal G7 per eliminare gradualmente o vietare le importazioni di carbone e petrolio russo. Accelereremo la transizione energetica e miglioreremo l’efficienza energetica nell’ambito di un’accelerata riduzione della nostra dipendenza dall’energia russa, conformemente ai nostri obiettivi climatici e agli imperativi di sicurezza energetica, riducendo così costantemente i flussi di valuta estera verso la Russia e limitando i mezzi finanziari disponibili per finanziare l’apparato bellico russo. Ci assicureremo di farlo in modo tempestivo ed ordinato, e con modalità che diano al mondo il tempo di assicurarsi forniture alternative.
    14. Deploriamo le repressioni interne in Russia e Bielorussia nei confronti dei mezzi di comunicazione indipendenti, della società civile, dell’opposizione e dei cittadini che esprimono pacificamente la loro disapprovazione nei confronti della guerra della Russia contro l’Ucraina. I russi e i bielorussi meritano di meglio: dovrebbero poter godere e fare pieno uso dei diritti umani fondamentali, soprattutto il diritto di decidere il proprio destino e quello dei loro Paesi. Noi del G7 non siamo in guerra con la Russia o con il popolo russo. La decisione russa di attaccare l’Ucraina è stata presa da Capi di Stato e di governo che rifiutano la responsabilità democratica. Forniamo il nostro sostegno a coloro che sono stati vittime della repressione. Ribadiamo il diritto dei russi e dei bielorussi di ricercare, ricevere e diffondere informazioni basate sui fatti da parte di mezzi di comunicazione liberi, pluralistici ed indipendenti e condanniamo il ricorso del governo russo e del regime bielorusso alla censura e ad altri metodi per ostacolare l’accesso dei russi e dei bielorussi ai mezzi di comunicazione indipendenti, anche tramite restrizioni all’accesso ad Internet ed alle piattaforme dei social media.
    15. Condanniamo le azioni perpetrate dalla Russia, che compromettono la sicurezza del materiale e degli impianti nucleari in Ucraina e, di conseguenza, comportano gravi rischi per la vita umana e l’ambiente. Sottolineiamo il nostro pieno sostegno agli sforzi dell’AIEA e del suo Direttore Generale per garantire la sicurezza nucleare e l’applicazione delle salvaguardie al materiale ed agli impianti nucleari in Ucraina. Chiediamo alla Russia di ritirare immediatamente le sue forze dagli impianti nucleari dell’Ucraina e di restituirne il pieno controllo alle legittime autorità ucraine. Ribadiamo che l’AIEA deve poter accedere a tutti gli impianti nucleari in Ucraina in modo sicuro e senza alcun impedimento.

Ti potrebbe interessare anche..