Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

G7 Foreign Ministers’ Statement on Climate, Environment, Peace and Security

We, the G7 Foreign Ministers of Canada, France, Germany, Italy, Japan, the United Kingdom, and the United States of America, and the High Representative of the European Union, who are united in our resolve to keep the goal of limiting warming to 1.5°C in reach, to halt and reverse biodiversity loss by 2030 and to reach net zero emissions globally by mid-century:

  • Recognize that the impacts of the climate and biodiversity crises pose a threat to international peace and stability where people and ecosystems face existential perils, with disproportionate impacts on individuals in developing, lower-income, fragile and conflict affected states, and where the international order as we know it will be increasingly put to the test;
  • Understand that because we share the climate and ecosystems, each nation’s security is indelibly tied to that of others – the consequences of climate change and environmental degradation (both terrestrial and marine) know no borders;
  • Underscore that these challenges offer an opportunity for collective action (across different sectoral mandates) and multilateral cooperation to understand and address the peace and security implications of climate change and environmental degradation;
  • Warn that there is a vicious cycle in which the greater the impacts of climate change, biodiversity loss and environmental degradation the greater the risks to peace and stability, particularly in already fragile states, which in turn has the potential to impact greenhouse gas emissions, biodiversity loss and deforestation and hinder governments from effectively addressing these challenges;
  • Stress that peace and stability are often decisive in mitigating against and adapting to the consequences of climate change and environmental degradation and reducing the losses and damages caused by climate change, just as climate and environmental action is a critical aspect of sustainable peace.

Building on The Hague Declaration on Planetary Security, the Berlin Call for Action on Climate and Security and the work of the Group of Friends on Climate and Security in New York, we intend to work with like-minded partners to establish a “Climate, Environment, Peace and Security Initiative”. This group will advocate for and undertake concrete and operational actions, approaches and solutions to help tackle climate and environmental risks for peace and stability across the world. To that end, this declaration sets out a seven-point agenda for action to advance timely and effective responses to the risks posed by climate change and environmental degradation to stability and peace by:

  1. Aligning our policies and practices as a whole-of-government response to better understand and address peace and security implications of climate change; to fulfil the Paris Agreement and outcomes thereunder, including the Glasgow Climate Pact, as well as international environmental commitments, and conserve or protect at least 30 percent of our land and oceans by 2030, including terrestrial and inland waters and coastal and marine areas, notably pursuing efforts to limit the temperature increase to 1.5 °C and to halt and reverse biodiversity loss;
  1. Supporting those states and regions whose stability and peace are most affected by climate- and environment-related risks; mobilizing climate and biodiversity finance, while promoting resilience, gender equality, conflict prevention, peace and capacity-building in affected regions. This includes scaling up finance for adaptation in line with the Glasgow call to at least double the collective provision of adaptation finance from 2019 levels by 2025, in the context of achieving a balance between mitigation and adaptation in the provision of scaled-up financial resources, recalling Article 9, paragraph 4, of the Paris Agreement;
  2. Improving resilience and adaptation in the face of climatic and environmental change (and the wider security, economic, humanitarian, environmental and societal challenges it creates) globally by bringing climate security and environmental risk assessment, climate change adaptation, disaster risk reduction, and nature-based solutions into the heart of our operations, in addition to mitigation efforts, and utilizing data-driven, science-based, and comprehensive multisectoral approaches/analytical insights;
  3. Collaborating to improve operational responses to support stability and peace by firmly integrating climate change and environmental degradation and their impacts into early warning, mediation, peace-keeping and other peace support operations, in order to promote resilience and to avoid a vicious cycle where climate change and environmental degradation worsen drivers of conflict, which in turn increases vulnerability to climate change and environmental degradation impacts;
  4. Sharing experience and expertise (internationally and across national and subnational government departments) to shape and deliver coordinated policies and practices that are inclusive, context and conflict-sensitive, gender-responsive, and tailored to local conditions and needs of stakeholders;
  5. Advancing coherent and complementary approaches around climate, environment, peace and security and facilitating multilateral collaboration, for example through a regular meeting of supporting actors from governments and international organizations to civil society and the private sector, for example at the Berlin Climate and Security Conference;
  6. Assuring that the risks to stability and peace posed by climate change biodiversity loss and environmental degradation, as well as climate mitigation and adaptation, are raised to the highest levels of government.

*****

Traduzione di cortesia

Dichiarazione dei Ministri degli esteri del G7 su clima, ambiente, pace e sicurezza

Noi, Ministri degli Esteri del G7 di Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone, Regno Unito e Stati Uniti d’America, e l’Alto Rappresentante dell’Unione Europea, siamo uniti nella nostra determinazione a mantenere l’obiettivo di limitare il riscaldamento a 1,5°C, ad arrestare ed invertire il processo di perdita di biodiversità entro il 2030 ed a conseguire l’obiettivo di emissioni nette zero a livello mondiale entro la metà del secolo:

  • riconosciamo che l’impatto della crisi del clima e della biodiversità rappresenta una minaccia per la pace e la stabilità internazionale, ove le persone e gli ecosistemi si trovano ad affrontare pericoli per la loro stessa esistenza, con impatti sproporzionati sulle popolazioni nei paesi in via di sviluppo, a basso reddito, fragili e colpiti da conflitti, ed ove l’ordine internazionale, così come lo conosciamo, sarà sempre più messo alla prova;
  • comprendiamo che, poiché condividiamo il clima e gli ecosistemi, la sicurezza di ogni paese è indelebilmente legata a quella degli altri – le conseguenze del cambiamento climatico e del degrado ambientale (sia terrestre che marino) non conoscono confini;
  • sottolineiamo che queste sfide offrono un’opportunità di azione collettiva (attraverso diversi mandati settoriali) e di cooperazione multilaterale per comprendere ed affrontare le implicazioni per la pace e la sicurezza dei cambiamenti climatici e del degrado ambientale;
  • mettiamo in guardia sul fatto che esiste un circolo vizioso per cui quanto maggiore è l’impatto dei cambiamenti climatici, della perdita di biodiversità e del degrado ambientale, tanto maggiori sono i rischi per la pace e la stabilità, in particolare negli Stati già fragili, che a loro volta possono avere un impatto sulle emissioni di gas a effetto serra, sulla perdita di biodiversità e sulla deforestazione ed impedire ai governi di affrontare efficacemente queste sfide;
  • sottolineiamo che la pace e la stabilità sono spesso decisive per mitigare e adattarsi alle conseguenze dei cambiamenti climatici e del degrado ambientale e per ridurre le perdite e i danni causati dai cambiamenti climatici, proprio come l’azione per il clima e l’ambiente è un aspetto importante della pace sostenibile.

Sulla base della Dichiarazione dell’Aia sulla sicurezza planetaria, dell’Appello di Berlino per l’azione sul clima e la sicurezza e del lavoro a New York del Gruppo Amici su clima e sicurezza, intendiamo collaborare con i partner che condividono le nostre stesse idee per istituire un’iniziativa su “Clima, Ambiente, Pace e Sicurezza”. Questo gruppo sosterrà ed intraprenderà azioni, approcci e soluzioni concrete ed operative per contribuire ad affrontare i rischi climatici ed ambientali per la pace e la stabilità di tutto il mondo. A tal fine, la presente dichiarazione definisce un’agenda d’azione in sette punti per promuovere risposte tempestive ed efficaci ai rischi posti dal cambiamento climatico e dal degrado ambientale per la stabilità e la pace:

  1. allineandole nostre politiche e prassi come risposta complessiva intergovernativa per meglio comprendere ed affrontare le implicazioni dei cambiamenti climatici per la pace e la sicurezza, rispettare l’Accordo di Parigi ed i suoi risultati, ivi compreso il Patto per il clima di Glasgow, nonché gli impegni internazionali in materia di ambiente, e preservare o tutelare almeno il 30% della nostra terra e degli oceani entro il 2030, ivi comprese le acque terrestri ed interne e le aree costiere e marine, in particolare proseguendo gli sforzi per limitare l’aumento della temperatura a 1,5°C e per arrestare e invertire il processo di perdita di biodiversità;
  2. sostenendo quegli Stati e quelle regioni la cui stabilità e pace sono maggiormente colpite dai rischi legati al clima e all’ambiente, mobilitando i finanziamenti per il clima e la biodiversità e promuovendo al contempo la resilienza, l’uguaglianza di genere, la prevenzione dei conflitti, la pace e lo sviluppo delle capacità nelle regioni colpite. Ciò comprende l’aumento dei finanziamenti per l’adattamento in linea con l’invito di Glasgow a raddoppiare almeno l’erogazione collettiva di finanziamenti per l’adattamento rispetto ai livelli del 2019 entro il 2025, nell’ambito del raggiungimento di un equilibrio tra mitigazione e adattamento nell’erogazione di risorse finanziarie potenziate, ricordando l’Articolo 9, comma 4, dell’Accordo di Parigi;
  3. migliorandola resilienza e l’adattamento rispetto ai cambiamenti climatici e ambientali (ed alle più ampie sfide di sicurezza, economiche, umanitarie, ambientali e sociali che ne derivano) a livello mondiale, mettendo la sicurezza climatica e la valutazione del rischio ambientale, l’adattamento ai cambiamenti climatici, la riduzione del rischio di catastrofi e le soluzioni basate sulla natura al centro delle nostre operazioni, oltre agli sforzi di mitigazione, ed utilizzando approcci/analisi multisettoriali, basati sui dati e sulla scienza;

4.collaborando per migliorare le risposte operative a sostegno della stabilità e della pace, integrando saldamente i cambiamenti climatici e il degrado ambientale ed il loro impatto nelle operazioni di allerta precoce, di mediazione, di mantenimento della pace ed in altre operazioni di sostegno alla pace, al fine di promuovere la resilienza ed evitare un circolo vizioso in cui i cambiamenti climatici e il degrado ambientale aggravano le cause scatenanti dei conflitti, che a loro volta aumentano la vulnerabilità all’impatto dei cambiamenti climatici e del degrado ambientale;

  1. condividendo l’esperienza e le competenze (a livello internazionale e tra i dipartimenti governativi nazionali e subnazionali) per definire e realizzare politiche e pratiche coordinate che siano inclusive, sensibili al contesto e ai conflitti, che rispondano alle esigenze di genere e che siano adattate alle condizioni locali ed alle necessità delle parti interessate;
  2. promuovendo approcci coerenti e complementari in materia di clima, ambiente, pace e sicurezza e facilitando la collaborazione multilaterale, ad esempio tramite un incontro periodico dei soggetti sostenitori, dai governi e dalle organizzazioni internazionali alla società civile e al settore privato, ad esempio in occasione della Conferenza di Berlino su clima e sicurezza;
  3. garantendo che i rischi alla stabilità e alla pace posti dal cambiamento climatico, dalla perdita di biodiversità e dal degrado ambientale, nonché la mitigazione e l’adattamento al clima, siano portati ai più alti livelli di governo.