Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Statement by Foreign Minister Baerbock in her capacity as Chair of the G7 Foreign Ministers’ Meeting at the High-Level Week of the UN General Assembly

In today’s meeting in New York, the G7 Foreign Ministers of Canada, France, Germany, Italy, Japan, the United Kingdom, the United States of America, and the High Representative of the European Union, re-emphasised that all Members of the United Nations must refrain in their international relations from the threat or use of force against the sovereignty and territorial integrity of any state, or from behaving in any other manner inconsistent with the purposes of the United Nations. This principle is a fundamental part of international law, it is enshrined in the Charter of the United Nations, and protects each and every state.

The G7 Foreign Ministers and the High Representative strongly condemned Russia’s announcement to conduct sham referenda on sovereign Ukrainian territory, which is temporarily under Russian control. Any referenda held under conditions of Russian military presence, intimidation, and forced deportation cannot be free or fair. Any annexation of Ukrainian territory would be a gross violation of Ukraine’s sovereignty and the UN Charter. They called on all states to unequivocally condemn any referenda and not to recognize the results. The G7 will also pursue further targeted sanctions and are committed to sustained economic and political pressure on Russia. They deplored deliberate Russian escalatory steps, including the partial mobilization of reservists and irresponsible nuclear rhetoric. Russia must immediately stop its aggression, withdraw its troops and military equipment from Ukraine and respect Ukraine’s sovereignty and the territorial integrity within its internationally recognized borders. The G7 further called on Russia to immediately cease its filtration operations and forced deportations of Ukrainian civilians to Russia.

The G7 Foreign Ministers and the High Representative expressed their deep concerns in view of the latest reports of atrocities committed in parts of Ukraine recently liberated by Ukrainian Armed Forces, including in particular reports of numerous graves, crime scenes and torture facilities in the city of Izyum and in the Kharkiv region. The G7 Foreign Ministers and the High Representative agreed that the swift and thorough preservation of evidence on the ground is of utmost importance in order to hold the perpetrators accountable for crimes committed. Ukraine can rely on the support of the G7 in this regard.

The G7 Foreign Ministers and the High Representative reiterated Ukraine’s legitimate right to defend itself against Russia’s continued, unprovoked and unjustifiable war of aggression to regain full control of its territory, within its internationally recognized borders. They saluted the courage and successes of the Ukrainian Armed Forces on the current counter-offensive, which has allowed them to liberate significant portions of Ukrainian territory from Russian control.

The G7 Foreign Ministers and the High Representative were unanimous in their unwavering commitment to continue and sustain economic, financial, humanitarian, military and diplomatic support for Ukraine for as long as necessary and to the extent necessary, to ensure Ukraine’s path to freedom, peace, reconstruction and economic development.

Global consequences of Russia’s war against Ukraine

The G7 Foreign Ministers and the High Representative expressed deep concern about the global consequences of Russia’s war against Ukraine which particularly affect the most vulnerable countries. They committed to further coordination between G7 countries and beyond, to mitigate the consequences of Russia’s war, especially on international food and energy security. They recalled their significant contributions in that regard, e.g. in the field of humanitarian aid for the most vulnerable. They called on all members of the international community and potential donors to join the G7 global solidarity efforts with increased financial and humanitarian support.

The G7 Foreign Ministers and the High Representative noted with concern the economic challenges which rising inflation and elevated public debt levels pose particularly to the most vulnerable states. They underlined their solidarity with countries most negatively affected and highlighted the importance of working on solutions with partners, especially in Africa, the Middle East, Asia and Latin America. They underlined their continued ambition as responsive, attentive and responsible partners and firm supporters of effective and rules-based multilateralism. They also stressed their ongoing commitment as the largest supporters of UN appeals for humanitarian aid and assistance like the World Food Program and Global Fund.

The G7 Foreign Ministers and the High Representative acknowledged the need to strengthen and modernize the United Nations, with a view to making it more effective in the face of mounting global challenges and expressed their support for the UN Secretary-General’s Our Common Agenda.

Food Security

The G7 Foreign Ministers and the High Representative expressed deep concern about global food security and in particular the risk of famine and acute food insecurity faced by an increasing number of countries across the world. They reiterated that Russia’s destruction of agricultural and transport infrastructure in Ukraine and its months-long blockade of Ukraine’s Black Sea ports have greatly exacerbated global food insecurity.

The G7 welcomed the successful implementation of the Black Sea Grain Initiative, leading to agricultural exports via Ukrainian ports, which has been key to stabilizing global grain prices, thereby assisting not only the direct recipients of Ukrainian grain, but partners in the Global South more broadly. They noted that as part of the current arrangement, to date, far more than half of exported Ukrainian grain went to low and middle-income countries. They especially welcomed Ukraine’s support for the export of grain to the Horn of Africa. They called for continued commitment to the arrangement as facilitated by the United Nations and Turkey, including its automatic roll-over in November. Russia’s threat to end this arrangement directly undermines this key effort to ensure global food security and directly targets the world’s most vulnerable by again risking increasing grain prices.

The G7 Foreign Ministers and the High Representative commended other efforts, in particular the European Union’s EU-Ukraine Solidarity Lanes for moving grain by road, rail and barge to world markets. With more than 10 million tonnes shipped out of Ukraine via the Solidarity Lanes since March, these efforts have contributed to Ukraine’s substantially increased capacity to export grain. This has helped to stabilise global grain markets and to lower prices, thereby mitigating the impacts of the crisis for most vulnerable countries.

The G7 Foreign Ministers and the High Representative underlined once again that contrary to Russian disinformation, sanctions adopted by the G7 in response to Russia’s illegal war of aggression do not target exports of Russian food and agricultural products to third countries. They expressed their continued support to the Global Crisis Response Group on Food, Energy and Finance set up by the UN Secretary-General, and for supporting mechanisms and initiatives such as the Global Alliance for Food Security (GAFS), the Food and Agriculture Resilience Mission (FARM) and the Roadmap for Global Food Security – Call to Action, all of which have contributed to bringing countries together to tackle the effects of global food insecurity. They recalled their determination to increase the resilience of food systems globally through these efforts, notably by enhancing local and sustainable food production. We also underscore the importance of continued, increased humanitarian food assistance to protect the most vulnerable from hunger and malnutrition, including in the Horn of Africa.

Energy security

The G7 Foreign Ministers and the High Representative recalled their statement of 2 August, underlining in particular the G7’s resolve to mitigate the impact of energy supply disruptions globally, particularly for vulnerable groups. They reiterated their condemnation of Russia’s weaponisation of its energy exports and reaffirmed their intention to finalise preparations toward implemention of a price cap on Russian-origin crude oil and petroleum products, as announced by G7 Finance Ministers on 2 September. They underlined that the measure is specifically designed to reduce Russia’s ability to fund its war of aggression and limit the impact of Russia’s war on global energy prices, particularly for low and middle-income countries. Successful implementation of the price cap could thus also help to reduce food prices due to lower input costs. The G7 reaffirmed that their aim was to establish a broad coalition in order to maximize effectiveness and called on all countries that still seek to import Russian oil and petroleum products to commit to doing so only at prices at or below the price cap. The G7 underlined their overall commitment to increase coordination with partners in order to bolster efficiency, stability and transparency in energy markets, and to expedite the global clean energy transition.

The G7 Foreign Ministers and the High Representative expressed deep concern about nuclear safety and security in Ukraine, including the shelling near the Nuclear Power Plant South Ukraine. They also recalled their statement of 10 August on the seizure of Ukrainian nuclear facilities by Russia, in particular the Zaporizhzhya Nuclear Power Plant (ZNPP), and other related actions by Russian armed forces. They underlined that Russia must immediately withdraw its troops and military equipment from the ZNPP and hand back the control over the ZNPP to its rightful owner Ukraine. The G7 Foreign Ministers and the High Representative intend to continue to support the IAEA efforts to ensure nuclear security and safety, including through the IAEA nuclear safety and security assistance plan for Ukraine, in full respect of Ukraine’s sovereignty. They also welcomed the Director General’s work to follow-up on his visit of 1 September, and the proposals contained in his report.

The G7 Foreign Ministers and the High Representative stressed the overarching importance of nuclear safety and security and underlined their continued engagement and support for the IAEA´s efforts on this matter in close cooperation with partners worldwide.

China

The G7 Foreign Ministers and the High Representative discussed recent developments in China and the region. They opposed unilateral changes to the status quo. They reaffirmed the importance of peace and stability across the Taiwan Strait and encouraged the peaceful resolution of cross-Strait issues. There is no change in the basic positions of G7 members on Taiwan, including stated one China policies.

The G7 welcomed the recent publication of the OHCHR Assessment of human rights concerns in China’s Xinjiang Uyghur Autonomous Region. They remained deeply concerned by the serious human rights violations in Xinjiang and took note of the overall assessment of the report that some of these violations may constitute “international crimes, in particular crimes against humanity”. The G7 committed to continue to address these issues with partners, civil society and the international community. They underlined the importance of the United Nations following up on the OHCHR report. In line with China’s obligations under national and international law, they urged China to fully respect human rights.

The G7 also discussed concerns related to the imposition of measures by China which are not compliant with the Vienna Convention on Diplomatic Relations.

The G7 emphasized that despite the systemic differences with China, its members will continue to pursue cooperation in fields of mutual interest, in particular in addressing climate change, biodiversity loss, or global food security issues.

Indo-Pacific

The G7 Foreign Ministers and the High Representative reiterated the importance of maintaining a free and open Indo-Pacific which is inclusive and based on the rule of law, democratic values, territorial integrity, transparency, the protection of human rights and fundamental freedoms, and the peaceful resolution of disputes. They underlined their commitment to improve regional connectivity through quality infrastructure investments, and to strengthen sustainable free trade, enhance national resilience, and confront climate change and the loss of biodiversity. They expressed their intention to work together with ASEAN and other countries towards these aims.

 

*****

Traduzione di cortesia

 

Dichiarazione del Ministro degli Esteri Baerbock in qualità di Presidente della riunione dei Ministri degli Esteri del G7 alla settimana di alto livello dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite

Nella riunione di oggi a New York, i Ministri degli esteri del G7 di Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone, Regno Unito, Stati Uniti d’America e l’Alto Rappresentante dell’Unione Europea, hanno ribadito che tutti i membri delle Nazioni Unite devono astenersi, nelle loro relazioni internazionali, dalla minaccia o dall’uso della forza contro la sovranità e l’integrità territoriale di qualsiasi Stato, o dal comportarsi in qualsiasi altro modo incompatibile con gli scopi delle Nazioni Unite. Questo principio è parte fondamentale del diritto internazionale, è sancito dalla Carta delle Nazioni Unite e tutela ogni singolo Stato.

I Ministri degli esteri del G7 e l’Alto Rappresentante hanno condannato con fermezza l’annuncio della Russia di voler effettuare referendum “farsa” sul territorio ucraino sovrano, che è temporaneamente sotto il controllo russo. Qualsiasi referendum tenuto in condizioni di presenza militare russa, intimidazione e deportazione forzata non può essere libero o equo. Qualsiasi annessione del territorio ucraino sarebbe una grave violazione della sovranità dell’Ucraina e della Carta delle Nazioni Unite. Hanno invitato tutti gli Stati a condannare inequivocabilmente qualsiasi referendum e a non riconoscerne l’esito. Il G7 perseguirà inoltre ulteriori sanzioni mirate e si impegna ad esercitare una pressione economica e politica sostenuta sulla Russia. Hanno deplorato le deliberate azioni di escalation del conflitto da parte della Russia, tra cui la parziale mobilitazione dei riservisti e l’irresponsabile retorica nucleare. La Russia deve cessare immediatamente la sua aggressione, ritirare le truppe e le attrezzature militari dall’Ucraina e rispettare la sovranità e l’integrità territoriale dell’Ucraina all’interno dei suoi confini riconosciuti a livello internazionale. Il G7 ha inoltre invitato la Russia a cessare immediatamente le operazioni di filtraggio e le deportazioni forzate di civili ucraini in Russia.

I Ministri degli esteri del G7 e l’Alto Rappresentante hanno espresso profonda preoccupazione per le ultime notizie di atrocità commesse in alcune zone dell’Ucraina recentemente liberate dalle forze armate ucraine, tra cui, in particolare, quelle relative a numerose tombe, scene del crimine e strutture di tortura nella città di Izyum e nella regione di Kharkiv. I Ministri degli Esteri del G7 e l’Alto Rappresentante hanno convenuto che la conservazione rapida e approfondita delle prove sul campo è della massima importanza per far sì che i responsabili rispondano dei crimini commessi. L’Ucraina può contare sul sostegno del G7 a tale riguardo.

I Ministri degli esteri del G7 e l’Alto Rappresentante hanno ribadito il legittimo diritto dell’Ucraina di difendersi dalla continua, immotivata e ingiustificabile guerra di aggressione della Russia per riprendere il pieno controllo del proprio territorio, all’interno dei confini internazionalmente riconosciuti. Hanno ammirato il coraggio e i successi delle Forze armate ucraine nell’attuale controffensiva, che ha consentito loro di liberare parti significative del territorio ucraino dal controllo russo.

I Ministri degli esteri del G7 e l’Alto Rappresentante sono stati unanimi nel costante impegno a proseguire il sostegno economico, finanziario, umanitario, militare e diplomatico all’Ucraina per tutto il tempo e nella misura necessari a garantire il cammino dell’Ucraina verso la libertà, la pace, la ricostruzione e lo sviluppo economico.

Conseguenze mondiali della guerra della Russia contro l’Ucraina

I Ministri degli esteri del G7 e l’Alto Rappresentante hanno espresso profonda preoccupazione per le conseguenze mondiali della guerra della Russia contro l’Ucraina, che colpiscono in particolare i Paesi più vulnerabili. Si sono impegnati ad un ulteriore coordinamento tra i Paesi del G7 e gli altri paesi, per mitigare le conseguenze della guerra russa, soprattutto sulla sicurezza alimentare ed energetica internazionale. Hanno ricordato i loro significativi contributi a tale riguardo, ad esempio nel campo degli aiuti umanitari per i più vulnerabili. Hanno invitato tutti i membri della comunità internazionale ed i potenziali donatori a unirsi agli sforzi di solidarietà globale del G7 con un maggiore sostegno finanziario e umanitario.

I Ministri degli esteri del G7 e l’Alto Rappresentante hanno preso atto con preoccupazione delle sfide economiche che l’aumento dell’inflazione e gli elevati livelli di debito pubblico pongono in particolare agli Stati più vulnerabili. Hanno sottolineato la propria solidarietà nei confronti dei Paesi più colpiti ed evidenziato l’importanza di lavorare a soluzioni con i partner, soprattutto in Africa, Medio Oriente, Asia e America Latina. Hanno sottolineato la loro costante ambizione di partner reattivi, attenti e responsabili e di fermi sostenitori di un multilateralismo efficace e basato sulle regole. Hanno inoltre sottolineato il loro costante impegno come maggiori sostenitori degli appelli delle Nazioni Unite per gli aiuti umanitari e l’assistenza, quali il Programma alimentare mondiale e il Fondo globale.

I Ministri degli esteri del G7 e l’Alto Rappresentante hanno riconosciuto la necessità di rafforzare e modernizzare le Nazioni Unite, al fine di renderle più efficaci di fronte alle crescenti sfide mondiali e hanno espresso il loro sostegno all’Agenda comune del Segretario Generale delle Nazioni Unite.

Sicurezza alimentare

I Ministri degli esteri del G7 e l’Alto Rappresentante hanno espresso profonda preoccupazione per la sicurezza alimentare mondiale e, in particolare, per il rischio di carestia e d’insicurezza alimentare acuta cui è esposto un numero crescente di Paesi in tutto il mondo. Hanno ribadito che la distruzione delle infrastrutture agricole e di trasporto in Ucraina da parte della Russia e il blocco, durato mesi, dei porti ucraini sul Mar Nero hanno aggravato notevolmente l’insicurezza alimentare mondiale.

Il G7 ha accolto con favore il successo dell’Iniziativa per il grano del Mar Nero, che ha portato all’esportazione di prodotti agricoli attraverso i porti ucraini e che è stata fondamentale per stabilizzare i prezzi dei cereali a livello mondiale, aiutando così non solo i destinatari diretti del grano ucraino, ma anche i partner del Sud del mondo in senso più ampio. Hanno notato che, nell’ambito dell’attuale accordo, ad oggi più della metà del grano ucraino esportato è stato destinato a Paesi a basso e medio reddito. Hanno accolto con particolare favore il sostegno dell’Ucraina all’esportazione di cereali nel Corno d’Africa. Hanno chiesto un impegno costante nei confronti dell’accordo, come facilitato dalle Nazioni Unite e dalla Turchia, ivi compreso il suo rinnovo automatico a novembre. La minaccia della Russia di porre fine a questo accordo mina direttamente questo sforzo fondamentale per garantire la sicurezza alimentare mondiale e si rivolge direttamente ai più vulnerabili del mondo, rischiando nuovamente di far aumentare i prezzi dei cereali.

I Ministri degli esteri del G7 e l’Alto rappresentante hanno elogiato altri sforzi, in particolare i corridoi di solidarietà UE-Ucraina dell’Unione europea per il trasporto dei cereali su strada, ferrovia e su chiatte verso i mercati mondiali. Con oltre 10 milioni di tonnellate spedite dall’Ucraina attraverso le corsie di solidarietà da marzo, questi sforzi hanno contribuito ad aumentare notevolmente la capacità dell’Ucraina di esportare grano. Ciò ha contribuito a stabilizzare i mercati cerealicoli mondiali e a ridurre i prezzi, attenuando così l’impatto della crisi sui Paesi più vulnerabili.

I Ministri degli esteri del G7 e l’Alto Rappresentante hanno sottolineato ancora una volta che, contrariamente alla disinformazione russa, le sanzioni adottate dal G7 in risposta alla guerra di aggressione illegale della Russia non riguardano le esportazioni di prodotti alimentari ed agricoli russi verso i Paesi terzi. Hanno espresso il loro continuo sostegno al Gruppo di risposta alle crisi mondiali su cibo, energia e finanza istituito dal Segretario Generale delle Nazioni Unite e per il sostegno a meccanismi ed iniziative quali l’Alleanza mondiale per la Sicurezza Alimentare (GAFS), la Missione di Resilienza per l’Alimentazione e l’Agricoltura (FARM) e la Roadmap per la Sicurezza alimentare mondiale – Appello all’Azione, che hanno contribuito a riunire i Paesi per affrontare gli effetti dell’insicurezza alimentare mondiale. Hanno ricordato la loro determinazione ad aumentare la resilienza dei sistemi alimentari a livello mondiale tramite questi sforzi, in particolare potenziando la produzione alimentare locale e sostenibile. Hanno inoltre sottolineato l’importanza di una continua e maggiore assistenza alimentare umanitaria per proteggere i più vulnerabili dalla fame e dalla malnutrizione, anche nel Corno d’Africa.

Sicurezza energetica.

I Ministri degli esteri del G7 e l’Alto Rappresentante hanno ricordato la loro Dichiarazione del 2 agosto, sottolineando in particolare la volontà del G7 di mitigare l’impatto delle interruzioni dell’approvvigionamento energetico a livello mondiale, in particolare per i gruppi vulnerabili. Hanno ribadito la condanna dell’utilizzo delle esportazioni energetiche come arma da parte della Russia e hanno ribadito l’intenzione di finalizzare il lavoro preparatorio per l’attuazione di un tetto al prezzo del greggio e dei prodotti petroliferi di origine russa, come annunciato dai Ministri delle Finanze del G7 il 2 settembre. Hanno sottolineato che la misura è specificamente progettata per ridurre la capacità della Russia di finanziare la sua guerra di aggressione e limitare l’impatto della guerra russa sui prezzi mondiali dell’energia, in particolare per i Paesi a basso e medio reddito. Il successo dell’attuazione del tetto ai prezzi potrebbe quindi contribuire a ridurre i prezzi dei prodotti alimentari grazie alla diminuzione dei costi dei fattori di produzione. Il G7 ha ribadito che il suo obiettivo è quello di creare un’ampia coalizione per massimizzare l’efficacia e ha invitato tutti i Paesi che cercano ancora di importare il petrolio e i prodotti petroliferi russi ad impegnarsi a farlo solo a prezzi pari o inferiori al tetto massimo. Il G7 ha sottolineato l’impegno generale ad aumentare il coordinamento con i partner per rafforzare l’efficienza, la stabilità e la trasparenza dei mercati energetici e per accelerare la transizione mondiale verso un’energia pulita.

I Ministri degli esteri del G7 e l’Alto Rappresentante hanno espresso profonda preoccupazione per la sicurezza nucleare in Ucraina, ivi compresi i bombardamenti vicino alla centrale nucleare dell’Ucraina meridionale. Hanno inoltre ricordato la loro Dichiarazione del 10 agosto sul sequestro degli impianti nucleari ucraini da parte della Russia, in particolare la centrale nucleare di Zaporizhzhya (ZNPP), ed altre azioni correlate da parte delle forze armate russe. Hanno sottolineato che la Russia deve ritirare immediatamente le sue truppe e le sue attrezzature militari dalla centrale nucleare di Zaporizhya e restituire il controllo della centrale al suo legittimo proprietario, l’Ucraina. I Ministri degli esteri del G7 e l’Alto Rappresentante intendono continuare a sostenere gli sforzi dell’AIEA per garantire la sicurezza nucleare, anche tramite il piano di assistenza alla sicurezza nucleare dell’AIEA per l’Ucraina, nel pieno rispetto della sovranità dell’Ucraina. Hanno inoltre accolto con favore il lavoro del Direttore Generale per dare seguito alla sua visita del 1° settembre e le proposte contenute nel suo rapporto.

I ministri degli Esteri del G7 e l’Alto rappresentante hanno sottolineato l’importanza fondamentale della sicurezza nucleare e hanno ribadito il loro costante impegno e sostegno agli sforzi dell’AIEA in questo campo, in stretta collaborazione con i partner di tutto il mondo.

Cina

I Ministri degli esteri del G7 e l’Alto rappresentante hanno discusso i recenti sviluppi in Cina e nella regione. Si sono opposti a modifiche unilaterali dello status quo. Hanno ribadito l’importanza della pace e della stabilità nello Stretto di Taiwan e hanno incentivato la risoluzione pacifica delle questioni tra le due sponde dello Stretto. Le posizioni di base dei membri del G7 su Taiwan, ivi comprese le politiche dichiarate di una sola Cina, non sono cambiate.

Il G7 ha accolto con favore la recente pubblicazione della valutazione dell’OHCHR sui problemi dei diritti umani nella Regione autonoma cinese dello Xinjiang Uygur. I membri del G7 permangono profondamente preoccupati per le gravi violazioni dei diritti umani nello Xinjiang e hanno preso atto della valutazione generale del rapporto secondo cui alcune di queste violazioni potrebbero costituire “crimini internazionali, in particolare crimini contro l’umanità”. Il G7 si è impegnato a continuare ad affrontare queste questioni con i partner, la società civile e la comunità internazionale. Hanno sottolineato l’importanza che le Nazioni Unite diano seguito al rapporto dell’OHCHR. In linea con gli obblighi della Cina ai sensi del diritto nazionale e internazionale, hanno esortato la Cina a rispettare appieno i diritti umani.

Il G7 ha inoltre discusso le preoccupazioni legate all’imposizione di misure da parte della Cina non conformi alla Convenzione di Vienna sulle relazioni diplomatiche.

Il G7 ha sottolineato che, nonostante le differenze sistemiche con la Cina, i suoi membri continueranno a perseguire la cooperazione nei settori di reciproco interesse, in particolare per affrontare i cambiamenti climatici, la perdita di biodiversità e le questioni di sicurezza alimentare mondiale.

Indo-Pacifico

I Ministri degli esteri del G7 e l’Alto rappresentante hanno ribadito l’importanza di mantenere un Indo-Pacifico libero e aperto, inclusivo e basato sullo Stato di diritto, sui valori democratici, sull’integrità territoriale, sulla trasparenza, sulla tutela dei diritti umani e delle libertà fondamentali e sulla risoluzione pacifica delle controversie. Hanno sottolineato il loro impegno a migliorare la connettività regionale tramite investimenti infrastrutturali di qualità, a rafforzare il libero scambio sostenibile, a potenziare la resilienza nazionale e ad affrontare il cambiamento climatico e la perdita di biodiversità. Hanno espresso l’intenzione di adoperarsi insieme all’ASEAN e ad altri Paesi per conseguire questi obiettivi.

Ti potrebbe interessare anche..