Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

G7 Japan 2023 Foreign Ministers’ Statement November 8, 2023, Tokyo

We, the G7 Foreign Ministers of Canada, France, Germany, Italy, Japan, the United Kingdom and the United States of America, and the High Representative of the European Union, are more united than ever in the pursuit of international peace, security, and prosperity. In this Foreign Ministers’ Meeting, we further enhance our cooperation to collectively respond to recent global and regional issues, building on our commitments by our leaders at the G7 Hiroshima Summit. We remain steadfast in upholding and strengthening the free and open international order based on the rule of law, respecting the United Nations (UN) Charter. We reiterate our strong opposition to any unilateral attempts to change the peacefully established status of territories by force or coercion anywhere in the world. Such attempts undermine the rule of law, which protects all nations, especially the vulnerable, as well as global security and human dignity. We also commit to further building international solidarity beyond the G7 to advance global economic development and address broader global challenges, such as climate change, nuclear disarmament, economic resilience and economic security, and gender equality including the Women, Peace and Security agenda. We remain deeply concerned about foreign interference, information manipulation, and other hostile actions designed to undermine our democracies. We call on all countries to respect their obligations under the Vienna Convention on Diplomatic Relations. We underscore the need to advance all of the Sustainable Development Goals to promote peace and prosperity for people and the planet, as reflected at the 2023 SDG Summit. We also take note of the Summit for a New Global Financing Pact. Our determination to meet our commitments on these issues is unwavering, and we will continue strengthening them towards the next year under the Italian Presidency.

1. Situation in Israel, Gaza, and the West Bank
We unequivocally condemn the terror attacks by Hamas and others across Israel that began on October 7, 2023, as well as ongoing missile attacks against Israel. We emphasize Israel’s right to defend itself and its people, in accordance with international law, as it seeks to prevent a recurrence. We call for the immediate release of all hostages without preconditions. We express our deepest sympathy and condolences to the victims of these attacks and their families, as well as all civilians, Palestinian, Israeli, and others, including our own citizens, who have died or been injured during this conflict. Israelis and Palestinians have an equal right to live in safety, dignity, and peace. We reject antisemitism and Islamophobia in any form in our own societies and anywhere in the world.
We stress the need for urgent action to address the deteriorating humanitarian crisis in Gaza. All parties must allow unimpeded humanitarian support for civilians, including food, water, medical care, fuel, and shelter, and access for humanitarian workers. We support humanitarian pauses and corridors to facilitate urgently needed assistance, civilian movement, and the release of hostages. Foreign nationals must also be allowed to continue to depart. We underscore the importance of protecting civilians and compliance with international law, in particular international humanitarian law. Since October 7, the G7 members have pledged an additional $500 million for the Palestinian people, including through the UN agencies and other humanitarian actors. We urge countries around the world to join us in this effort. We welcome the November 9 international conference in Paris on humanitarian issues.
The rise in extremist settler violence committed against Palestinians is unacceptable, undermines security in the West Bank, and threatens prospects for a lasting peace. The G7 members, along with partners in the region, are working intensively to prevent the conflict from escalating further and spreading more widely. We are also working together, including by imposing sanctions or other measures, to deny Hamas the ability to raise and use funds to carry out atrocities.
The G7 members are committed to working closely with partners to prepare sustainable long- term solutions for Gaza and a return to a broader peace process in line with the internationally agreed parameters. We underscore that a two-state solution, which envisions Israel and a viable Palestinian state living side by side in peace, security, and mutual recognition, remains the only path to a just, lasting, and secure peace.

2. Russia’s War of Aggression against Ukraine
Our steadfast commitment to supporting Ukraine’s fight for its independence, sovereignty, and territorial integrity will never waver. We continue to condemn in the strongest possible terms Russia’s ongoing aggression, and we commit to standing by Ukraine for as long as it takes, while increasing economic pressure and imposing robust sanctions and other restrictions against Russia. A just and lasting peace cannot be realized without the immediate, complete, and unconditional withdrawal of Russia’s troops and military equipment from the internationally recognized territory of Ukraine. We continue to support Ukraine in further developing President Volodymyr Zelenskyy’s Peace Formula. We are increasing our efforts to help Ukraine meet its winter preparedness needs, including by continuing to provide critical energy assistance.
Russia’s irresponsible nuclear rhetoric and its announced deployment of nuclear weapons in Belarus are unacceptable. Any use of chemical, biological, or nuclear weapons by Russia would be met with severe consequences. We deeply regret Russia’s decision to revoke its ratification of the Comprehensive Nuclear-Test-Ban Treaty. We strongly support the International Atomic Energy Agency’s (IAEA) continued presence and unfettered access at all of Ukraine’s civil nuclear sites. We will reinforce our coordination on sanctions to restrict Russia’s access to critical goods and technology. We will take further action to prevent the evasion and circumvention of our measures against Russia. We reiterate our call for third parties to immediately cease providing material support to Russia’s aggression, or face severe costs. In order to reduce the revenues that Russian extracts from its exports, we will accelerate our consultation on energy, metals, and all non-industrial diamonds, including those mined, processed or produced in Russia.
Russia must cease its aggression and must bear the legal consequences of all its internationally wrongful acts, including compensation for the damage caused to Ukraine. We are united in our determination to ensure full accountability. In light of the urgency of disrupting Russia’s attempts to destroy the Ukrainian economy and Russia’s continued failure to abide by its international law obligations, we are exploring all possible avenues to aid Ukraine, consistent with our respective legal systems and international law. We reaffirm that, consistent with our respective legal systems, Russia’s sovereign assets in our jurisdictions will remain immobilized until Russia pays for the damage it has caused to Ukraine. We reiterate our commitment to holding those responsible to account consistent with international law, including by supporting the efforts of international mechanisms, such as the International Criminal Court.
We recommit to supporting Ukraine’s immediate, medium, and long-term recovery and reconstruction in the face of Russia’s efforts to inflict immense suffering on the people of Ukraine. We are also working to involve our private sectors in the sustainable economic recovery of Ukraine. We welcome and underscore the significance of Ukraine itself continuing to implement domestic reform efforts, especially in the fields of anti-corruption, justice system reform, decentralization, and promotion of the rule of law, in line with the European path that Ukraine has embraced together with other partners, including Moldova, Georgia, as well as countries in the Western Balkans. We will continue to support efforts of the Ukrainian government and people in these endeavors. We will each advance, in close coordination, our work with Ukraine on specific, bilateral, long-term security commitments and arrangements in line with the G7 Leaders’ Joint Declaration of Support for Ukraine, which now has 31 signatories.
We reaffirm our commitment to address the growing needs of vulnerable countries and populations impacted by Russia’s aggression. Russia’s weaponization of food has compounded economic vulnerabilities, exacerbated already dire humanitarian crises, and escalated global food insecurity and malnutrition worldwide. We deplore Russia’s systematic targeting of Ukrainian Black Sea Ports and civilian infrastructure and welcome steps by Ukraine to strengthen export routes free of Russian control. We continue to support fully the export of Ukrainian agriproducts, including through the EU-Ukraine Solidarity Lanes, Danube ports, and its humanitarian maritime corridor. We reaffirm our aim to limit Russia’s energy revenues and future extractive capabilities, building on the measures we have taken so far. We continue to reduce our reliance on Russian energy, so that Russia is no longer able to weaponize its energy resources against us. We commit to working with nations around the world to enhance global food and energy security.

3. Indo-Pacific and the Region
Together with regional partners, including ASEAN and its Member States, South Asian countries as well as the Pacific Island countries, we will continue our endeavors towards a free and open Indo-Pacific, which is inclusive, prosperous, secure, and based on the rule of law, and that protects shared principles. We reaffirm our unwavering support for ASEAN centrality and unity. We continue to promote cooperation in line with the ASEAN Outlook on the Indo-Pacific and the Pacific Islands Forum’s 2050 Strategy for the Blue Pacific Continent respectively. We reiterate our commitment to support sustainable, inclusive, resilient and quality infrastructure in partner countries through the G7 Partnership for Global Infrastructure and Investment.
We welcome Japan’s safe, transparent, and science-based process, including the continued monitoring of the situation, to responsibly manage the discharge of Advanced Liquid Processing System treated water in proactively coordinating with scientists and partners, particularly across the Indo-Pacific region, as well as with the IAEA. We acknowledge the reported monitoring results after each discharge to date, showing that the concentration of nuclides including tritium in sea water and marine products are far below internationally recognized standards.
We strongly condemn North Korea’s continuing build-up of its unlawful weapons of mass destruction (WMD) and ballistic missile programs. We reiterate our call for the complete denuclearization of the Korean Peninsula and demand that North Korea abandon its nuclear weapons, existing nuclear programs, and any other WMD and ballistic missile programs in a complete, verifiable, and irreversible manner in accordance with all relevant UN Security Council resolutions (UNSCRs). We call on all UN Member States to fully and effectively implement all relevant UNSCRs and urge UNSC members to follow through on their commitments. In this context, we strongly condemn arms transfers from North Korea to Russia, which directly violate relevant UNSCRs. We urge Russia and North Korea to immediately cease all such activities. We deplore North Korea’s systematic human rights violations and its choice to prioritize its unlawful WMD and ballistic missile programs over the welfare of the people in North Korea. We also urge North Korea to resolve the abductions issue immediately.

4. China
We stand prepared to build constructive and stable relations with China, recognizing the importance of engaging candidly and expressing our concerns directly to China. We act in our national interests. We acknowledge the need to work together with China on global challenges as well as areas of common interest, and call on China to engage with us on these issues. Our policy approaches are not designed to harm China nor do we seek to thwart China’s economic progress and development. We are not decoupling or turning inwards. At the same time, we recognize that economic resilience requires de-risking and diversifying. With a view to enabling sustainable economic relations with China, and strengthening the international trading system, we will continue to push for a level playing field for our workers and companies. We will seek to address the challenges posed by China’s non- market policies and practices, which distort the global economy. We will counter malign practices, such as illegitimate technology transfer or data disclosure. We will foster resilience to economic coercion. We also recognize the necessity of protecting certain advanced technologies that could be used to threaten our national security without unduly limiting trade and investment. We call on China to act as a responsible member of the international community. In this regard, we welcome China’s participation in the Ukraine-led peace process. We further call on China not to assist Russia in its war against Ukraine, to press Russia to stop its military aggression, and to support a just and lasting peace in Ukraine.
We underscore that China has a responsibility to uphold the purposes and principles of the UN Charter in their entirety. We remain seriously concerned about the situation in the East and South China Seas, strongly opposing any unilateral attempts to change the status quo by force or coercion. We reemphasize the universal and unified character of the United Nations Convention on the Law of the Sea (UNCLOS) and reaffirm UNCLOS’s important role in setting out the legal framework that governs all activities in the oceans and the seas. We reiterate that the award rendered by the Arbitral Tribunal on July 12, 2016, is a significant milestone, which is legally binding upon the parties to those proceedings, and a useful basis for peacefully resolving disputes between the parties.
We reaffirm the importance of peace and stability across the Taiwan Strait as indispensable to security and prosperity in the international community and call for the peaceful resolution of cross- Strait issues. There is no change in the basic position of the G7 members on Taiwan, including stated one China policies. We reiterate our support for Taiwan’s meaningful participation in international organizations, including in the World Health Assembly and WHO technical meetings. We also remain concerned about the human rights situation in China, including in Xinjiang and Tibet. We further call on China to uphold its commitments under the Sino-British Joint Declaration and the Basic Law, which enshrine rights and freedoms and a high degree of autonomy for Hong Kong. We call on China to act in accordance with its obligations under the Vienna Convention on Diplomatic Relations and the Vienna Convention on Consular Relations and not to conduct interference activities, aimed at undermining the security and safety of our communities, the integrity of our democratic institutions, and our economic prosperity.

5. Central Asia and South Caucasus
We remain resolved to support the sovereignty, independence, and territorial integrity of Central Asian countries. We welcome the intensification of regional cooperation and people-to- people links, which can boost creation of more business opportunities and new innovations. We renew our determination to strengthen cooperation with Central Asian countries to address regional challenges, including the global consequences of Russia’s war of aggression, the destabilizing effect of the situation in Afghanistan, including the human rights violations by the Taliban, terrorism, water security, and climate change. Against the backdrop of growing geopolitical risk, the diversification and expansion of trade routes in Central Asian countries not only brings economic growth to the region, but also has potential to improve global supply chains, including energy security. In this regard, we recommit to fostering trade and energy links, sustainable connectivity and transportation, including the Middle Corridor, and associated projects to enhance regional resilience. We also recommit to supporting socio-economic and political reform efforts in Central Asian countries.
We are gravely concerned over the humanitarian consequences of the displacement of Armenians from Nagorno-Karabakh after the military operation conducted by Azerbaijan. We urge Azerbaijan to fully comply with its obligations under international humanitarian law and welcome international efforts to address urgent humanitarian needs for those who have been displaced. We underline our support for advancing a sustainable and lasting peace between Armenia and Azerbaijan based on the principles of non-use of force, respect for sovereignty, the inviolability of borders, and territorial integrity.

6. Iran
We call on Iran to refrain from providing support for Hamas and taking further actions that destabilize the Middle East, including support for Lebanese Hezbollah and other non-state actors, and to use its influence with those groups to de-escalate regional tensions.
We remain determined that Iran must never develop a nuclear weapon and reiterate that Iran must cease its unabated escalation of its nuclear program, which has no credible civilian justification and brings it dangerously close to actual weapon-related activities. We call on Iran to fulfill its legal obligations and political commitments regarding nuclear non-proliferation with prompt action, including the full and unconditional cooperation with the IAEA. We urge Iran to reverse the de-designations of the IAEA inspectors, which affects in a severe way the Agency’s ability to conduct effectively its inspections in Iran. A diplomatic solution remains the best way to resolve international concerns.
We express our grave concern regarding Iran’s other destabilizing activities, such as the development of ballistic missile programs, including under the guise of space launch vehicles, transfer of missiles, unmanned aerial vehicles and related technologies to state and non-state actors, as well as training and funding of non-state actors. Iran must stop supporting Russia’s war of aggression against Ukraine. Furthermore, we emphasize the importance of ensuring maritime security in the wider Gulf region’s waterways and call on Iran not to interfere with the lawful exercise of navigational rights and freedoms by all vessels.
We also express deep concern over the deteriorating human rights situation in Iran, including for women, girls, and minority groups, and condemn the targeting of individuals outside of Iran, including journalists and dissidents.

7. Africa
We remain steadfast in our commitment to deepening partnerships with African countries and regional and continental organizations. We welcome the African Union (AU) as a permanent member of the G20 as reflected in the G20 New Delhi Leaders’ Declaration. We will continue to support stronger African representation in other international fora, including the UNSC. We welcome the role of the AU and Regional Economic Communities and Mechanisms in promoting Agenda 2063 and mediating disputes and conflict. We express our concern over the deteriorating political, security, and humanitarian situation in some parts of the continent. We reiterate our commitment to support the preservation of peace, stability, and good governance and to promote sustainable growth and development in the entirety of Africa. We will continue to support governments in the region to tackle the underlying conditions conducive to the spread of conflict, terrorism, violent extremism, instability, persecution, irregular migration, and human suffering. We call for parties to conflicts to respect international humanitarian law and international human rights law; for safe, unhindered access for humanitarian actors to reach those in need; and for those responsible for atrocities committed during armed conflict to be held to account.
We reiterate our support to the UN in their efforts to advance the Libyan political process in order to hold genuine, free, fair, and inclusive elections without further delays. We encourage Tunisia to implement reforms in order to enhance its economic and institutional stability.

*****

Traduzione di cortesia

G7 2023 della Presidenza giapponese. Dichiarazione dei Ministri degli Esteri. Tokyo – 8 novembre 2023

Noi, Ministri degli Esteri del G7 di Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone, Regno Unito e Stati Uniti d’America, e l’Alto Rappresentante dell’Unione Europea, siamo più uniti che mai nel perseguire la pace, la sicurezza e la prosperità internazionali. In questa riunione dei Ministri degli Esteri, abbiamo ulteriormente rafforzato la nostra cooperazione per far fronte collettivamente alle recenti questioni globali e regionali, sulla base degli impegni assunti dai nostri Capi di Stato e di governo al Vertice G7 di Hiroshima. Restiamo saldi nel sostenere e rafforzare l’ordine internazionale libero e aperto basato sullo stato di diritto, nel rispetto della Carta delle Nazioni Unite (ONU). Ribadiamo la nostra ferma opposizione a qualsiasi tentativo unilaterale di modificare, con la forza o la coercizione, lo status dei territori, stabilito pacificamente, in qualsiasi parte del mondo. Tali tentativi minano lo stato di diritto, che tutela tutte le nazioni, specialmente quelle vulnerabili, nonché la sicurezza globale e la dignità umana. Ci impegniamo inoltre a costruire ulteriormente la solidarietà internazionale al di là del G7 per promuovere lo sviluppo economico mondiale e affrontare sfide globali più ampie, quali il cambiamento climatico, il disarmo nucleare, la resilienza e la sicurezza economica, l’uguaglianza di genere e l’agenda Donne, Pace e Sicurezza. Continuiamo ad essere profondamente preoccupati per le ingerenze straniere, la manipolazione delle informazioni e altre azioni ostili volte a minare le nostre democrazie. Chiediamo a tutti i Paesi di rispettare gli obblighi previsti dalla Convenzione di Vienna sulle relazioni diplomatiche. Sottolineiamo la necessità di far progredire tutti gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDG) al fine di promuovere la pace e la prosperità per le persone ed il pianeta, come emerso nel Vertice 2023 sugli SDG. Prendiamo inoltre atto del Vertice per un nuovo Patto di finanziamento globale. La nostra determinazione a rispettare gli impegni assunti su questi temi è incrollabile e continueremo a rafforzarli nel corso del prossimo anno di Presidenza italiana.

1.  Situazione in Israele, Gaza e Cisgiordania

Condanniamo inequivocabilmente gli attacchi terroristici di Hamas e di altri in tutto il territorio israeliano, iniziati il 7 ottobre 2023, e gli attacchi missilistici in corso contro Israele. Sottolineiamo il diritto di Israele di difendere se stesso e il suo popolo, in conformità con il diritto internazionale, nel tentativo di prevenire il ripetersi di tali attacchi. Chiediamo l’immediato rilascio di tutti gli ostaggi senza precondizioni. Esprimiamo la nostra più profonda solidarietà e le nostre condoglianze alle vittime di questi attacchi e alle loro famiglie, così come a tutti i civili, palestinesi, israeliani e di altri paesi, ivi compresi i nostri cittadini, che sono morti o sono stati feriti durante questo conflitto. Israeliani e palestinesi hanno lo stesso diritto di vivere in sicurezza, dignità e pace. Rifiutiamo l’antisemitismo e l’islamofobia in qualsiasi forma nelle nostre società ed ovunque nel mondo.

Sottolineiamo la necessità di un’azione urgente per affrontare il deterioramento della crisi umanitaria a Gaza. Tutte le parti devono consentire il libero sostegno umanitario ai civili, ivi compresi generi alimentari, acqua, cure mediche, carburante e ripari, nonché l’accesso agli operatori umanitari. Sosteniamo le pause umanitarie e i corridoi per facilitare l’assistenza urgente, la circolazione dei civili e il rilascio degli ostaggi. Anche i cittadini stranieri devono poter continuare a partire. Sottolineiamo l’importanza della protezione dei civili e del rispetto del diritto internazionale, in particolare del diritto umanitario internazionale. Dal 7 ottobre, i membri del G7 si sono impegnati a stanziare altri 500 milioni di dollari per il popolo palestinese, anche tramite le agenzie delle Nazioni Unite ed altri operatori umanitari. Chiediamo ai Paesi di tutto il mondo di unirsi a noi in questo sforzo. Accogliamo con favore la Conferenza internazionale del 9 novembre a Parigi sulle questioni umanitarie.

L’aumento della violenza dei coloni estremisti contro i palestinesi è inaccettabile, mina la sicurezza in Cisgiordania e minaccia le prospettive di una pace duratura. I membri del G7, insieme ai partner della regione, stanno adoperandosi intensamente per impedire un’ulteriore escalation del conflitto e una sua più ampia diffusione. Stiamo inoltre operando insieme, anche imponendo sanzioni o altre misure, per negare ad Hamas la possibilità di raccogliere e utilizzare fondi per compiere atrocità.

I membri del G7 si impegnano a lavorare a stretto contatto con i partner al fine di elaborare soluzioni sostenibili a lungo termine per Gaza e consentire il ritorno ad un più ampio processo di pace in linea con i parametri concordati a livello internazionale. Sottolineiamo che la soluzione dei due Stati, che prevede che Israele e uno Stato palestinese vitale vivano fianco a fianco in pace, sicurezza e riconoscimento reciproco, resta l’unica strada per una pace giusta, duratura e sostenibile.

2.  La guerra di aggressione della Russia contro l’Ucraina

Il nostro fermo impegno a sostenere la lotta dell’Ucraina per la sua indipendenza, sovranità e integrità territoriale non vacillerà mai. Continuiamo a condannare con la massima fermezza l’aggressione in corso da parte della Russia e ci impegniamo a rimanere al fianco dell’Ucraina per tutto il tempo necessario, aumentando al contempo la pressione economica e imponendo forti sanzioni e altre restrizioni nei confronti della Russia. Una pace giusta e duratura non può essere conseguita senza il ritiro immediato, completo e incondizionato delle truppe e delle attrezzature militari russe dal territorio ucraino riconosciuto a livello internazionale. Continuiamo a sostenere l’Ucraina nell’ulteriore sviluppo della Formula di pace del Presidente Volodymyr Zelenskyy. Stiamo accrescendo i nostri sforzi per aiutare l’Ucraina a soddisfare le sue esigenze di preparazione all’inverno, anche continuando a fornire assistenza energetica fondamentale.

L’irresponsabile retorica nucleare della Russia e l’annunciato dispiegamento di armi nucleari in Bielorussia sono inaccettabili. Qualsiasi uso di armi chimiche, biologiche o nucleari da parte della Russia avrebbe gravi conseguenze. Deploriamo profondamente la decisione della Russia di revocare la ratifica del Trattato sulla messa al bando totale degli esperimenti nucleari. Sosteniamo con forza la presenza costante dell’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica (AIEA) e il suo libero accesso a tutti i siti nucleari civili dell’Ucraina. Rafforzeremo il nostro coordinamento sulle sanzioni per limitare l’accesso della Russia a beni e tecnologie essenziali. Prenderemo ulteriori provvedimenti per impedire l’elusione e l’aggiramento delle nostre misure contro la Russia. Ribadiamo l’invito ai terzi a cessare immediatamente di fornire sostegno materiale all’aggressione russa, o ad affrontare gravi costi. Al fine di ridurre le entrate che la Russia ricava dalle sue esportazioni, accelereremo la nostra consultazione su energia, metalli e tutti i diamanti non industriali, ivi compresi quelli estratti, lavorati o prodotti in Russia.

La Russia deve cessare la sua aggressione e deve sostenere le conseguenze giuridiche di tutti i suoi atti illeciti a livello internazionale, ivi compreso il risarcimento dei danni causati all’Ucraina. Siamo uniti nella nostra determinazione a garantire la sua piena responsabilità. Alla luce dell’urgenza di porre fine ai tentativi russi di distruggere l’economia ucraina e al continuo mancato rispetto da parte della Russia dei suoi obblighi di diritto internazionale, stiamo esplorando tutte le possibili vie per aiutare l’Ucraina, in conformità con i nostri rispettivi sistemi giuridici e con il diritto internazionale. Ribadiamo che, in conformità con i nostri rispettivi ordinamenti giuridici, le attività ed i beni sovrani della Russia nelle nostre giurisdizioni rimarranno immobilizzati fino a quando la Russia non pagherà per i danni che ha causato all’Ucraina. Ribadiamo il nostro impegno a far sì che i responsabili rispondano del loro operato in conformità al diritto internazionale, anche sostenendo gli sforzi dei meccanismi internazionali, quali la Corte penale internazionale.

Ci impegniamo di nuovo a sostenere la ripresa e la ricostruzione immediata, a medio e lungo termine, dell’Ucraina di fronte agli sforzi della Russia d’infliggere immense sofferenze al popolo ucraino. Ci stiamo inoltre adoperando per coinvolgere il nostro settore privato nella ripresa economica sostenibile dell’Ucraina. Accogliamo con favore e sottolineiamo l’importanza del fatto che l’Ucraina stessa continui ad attuare sforzi di riforma interna, in particolare nei settori della lotta alla corruzione, della riforma del sistema giudiziario, del decentramento e della promozione dello stato di diritto, in linea con il percorso europeo che l’Ucraina ha intrapreso insieme ad altri partner, tra cui la Moldavia, la Georgia e i Paesi dei Balcani occidentali. Continueremo a sostenere gli sforzi del governo e del popolo ucraino in queste iniziative. Ciascuno di noi porterà avanti, in stretto coordinamento, il proprio lavoro con l’Ucraina su impegni e accordi di sicurezza specifici, bilaterali e a lungo termine, in linea con la Dichiarazione congiunta di sostegno all’Ucraina dei Capi di Stato e di governo del G7, che ora conta 31 firmatari.

Ribadiamo il nostro impegno a rispondere alle crescenti esigenze dei Paesi e delle popolazioni vulnerabili colpite dall’aggressione russa. L’utilizzo dell’arma alimentare da parte della Russia ha aggravato le vulnerabilità economiche, esacerbato crisi umanitarie già terribili e fatto crescere l’insicurezza alimentare e la malnutrizione a livello mondiale. Deploriamo il fatto che la Russia abbia sistematicamente preso di mira i porti ucraini sul Mar Nero e le infrastrutture civili e accogliamo con favore i passi compiuti dall’Ucraina per rafforzare le rotte di esportazione libere dal controllo russo. Continuiamo a sostenere appieno l’esportazione di prodotti agricoli ucraini, anche attraverso i corridoi di solidarietà UE-Ucraina, i porti sul Danubio e il corridoio marittimo umanitario. Ribadiamo il nostro obiettivo di limitare le entrate energetiche della Russia e le sue future capacità estrattive, sulla base delle misure adottate finora. Continuiamo a ridurre la nostra dipendenza dall’energia russa, in modo tale che la Russia non possa più utilizzare le sue risorse energetiche come arma contro di noi. Ci impegniamo a collaborare con le nazioni di tutto il mondo per migliorare la sicurezza alimentare ed energetica globale.

3.  La regione dell’Indo-Pacifico

Insieme ai partner regionali, tra cui l’ASEAN e i suoi Stati membri, i paesi dell’Asia meridionale e i paesi insulari del Pacifico, continueremo a impegnarci per un Indo-Pacifico libero e aperto, inclusivo, prospero, sicuro, basato sullo stato di diritto e che tuteli i principi condivisi. Ribadiamo il nostro incrollabile sostegno alla centralità e all’unità dell’ASEAN. Continuiamo a promuovere la cooperazione in linea con le Prospettive dell’ASEAN sull’Indo-Pacifico e con la Strategia 2050 del Forum delle Isole del Pacifico per il cosiddetto Blue Pacific Continent. Ribadiamo il nostro impegno a sostenere infrastrutture sostenibili, inclusive, resilienti e di qualità nei Paesi partner tramite il Partenariato del G7 per le infrastrutture e gli investimenti mondiali.

Accogliamo con favore il processo sicuro, trasparente e scientifico del Giappone, ivi compreso il costante monitoraggio della situazione, per gestire in modo responsabile lo scarico delle acque trattate con il cosiddetto Advanced Liquid Processing System, coordinandosi in modo proattivo con scienziati e partner, in particolare nella regione dell’Indo-Pacifico, e con l’AIEA. Prendiamo atto dei risultati del monitoraggio riportati dopo ogni scarico fino ad oggi, che dimostrano che la concentrazione di nuclidi, tra cui il trizio, nell’acqua di mare e nei prodotti marini è di gran lunga inferiore agli standard riconosciuti a livello internazionale.

Condanniamo con fermezza il continuo sviluppo da parte della Corea del Nord dei suoi programmi illegali di armi di distruzione di massa (WMD) e di missili balistici. Ribadiamo il nostro appello per la completa denuclearizzazione della penisola coreana e chiediamo che la Corea del Nord abbandoni le sue armi nucleari, i programmi nucleari esistenti e qualsiasi altro programma di armi di distruzione di massa e di missili balistici in modo completo, verificabile e irreversibile, in conformità con tutte le pertinenti Risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite (UNSCR). Chiediamo a tutti gli Stati membri delle Nazioni Unite di attuare appieno ed efficacemente tutte le Risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite e sollecitiamo i membri del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite a mantenere i propri impegni. In questo ambito, condanniamo con fermezza i trasferimenti di armi dalla Corea del Nord alla Russia, che violano direttamente le pertinenti Risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. Esortiamo la Russia e la Corea del Nord a cessare immediatamente tutte queste attività. Deploriamo le sistematiche violazioni dei diritti umani da parte della Corea del Nord e la sua scelta di dare priorità alle sue armi di distruzione di massa e ai missili balistici illegali. Chiediamo altresì alla Corea del Nord di risolvere immediatamente la questione dei rapimenti.

4.  Cina

Siamo pronti a costruire relazioni costruttive e stabili con la Cina, riconoscendo l’importanza di impegnarsi apertamente e con franchezza e di esprimere le nostre preoccupazioni direttamente alla Cina.  Agiamo nel nostro interesse nazionale. Riconosciamo la necessità di collaborare con la Cina sulle sfide globali e sulle aree di interesse comune e le chiediamo d’impegnarsi con noi su questi temi. I nostri approcci politici non mirano a danneggiare la Cina né a ostacolarne il progresso e lo sviluppo economico. Non stiamo procedendo ad un disaccoppiamento o rivolgendoci verso l’interno. Al contempo, riconosciamo che la resilienza economica richiede la riduzione e la diversificazione del rischio. Al fine di consentire relazioni economiche sostenibili con la Cina e di rafforzare il sistema commerciale internazionale, continueremo ad adoperarci per creare condizioni di parità per i nostri lavoratori e le nostre imprese. Cercheremo di affrontare le sfide poste dalle politiche e dalle pratiche non di mercato della Cina, che distorcono l’economia mondiale. Contrasteremo le pratiche malevoli, quali il trasferimento illegittimo di tecnologia o la divulgazione di dati. Promuoveremo la resilienza alla coercizione economica. Riconosciamo inoltre la necessità di tutelare alcune tecnologie avanzate, che potrebbero essere utilizzate per minacciare la nostra sicurezza nazionale, senza limitare indebitamente il commercio e gli investimenti. Chiediamo alla Cina di agire da membro responsabile della comunità internazionale. A tale proposito, accogliamo con favore la partecipazione della Cina al processo di pace guidato dall’Ucraina. Invitiamo inoltre la Cina a non assistere la Russia nella sua guerra contro l’Ucraina, a fare pressione sulla Russia affinché cessi l’aggressione militare e a sostenere una pace giusta e duratura in Ucraina.

Sottolineiamo che la Cina ha la responsabilità di sostenere gli obiettivi e i principi della Carta delle Nazioni Unite nella loro interezza. Continuiamo ad essere seriamente preoccupati per la situazione nel Mar Cinese orientale e meridionale, opponendoci con fermezza a qualsiasi tentativo unilaterale di modificare lo status quo con la forza o la coercizione. Ribadiamo il carattere universale e unitario della Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare (UNCLOS) e riaffermiamo l’importante ruolo dell’UNCLOS nel definire il quadro giuridico che regola tutte le attività negli oceani e nei mari. Ribadiamo che il lodo reso dal Tribunale arbitrale il 12 luglio 2016 è una pietra miliare significativa, giuridicamente vincolante per le parti del procedimento, e una base utile per risolvere pacificamente le controversie tra le parti.

Ribadiamo l’importanza della pace e della stabilità nello Stretto di Taiwan in quanto indispensabili per la sicurezza e la prosperità della comunità internazionale e chiediamo la risoluzione pacifica delle questioni relative allo Stretto. Non vi è alcuna modifica nella posizione di fondo dei membri del G7 su Taiwan, ivi comprese le politiche dichiarate di una sola Cina. Ribadiamo il nostro sostegno alla partecipazione significativa di Taiwan alle organizzazioni internazionali, tra cui l’Assemblea Mondiale della Sanità e le riunioni tecniche dell’OMS. Continuiamo inoltre ad essere preoccupati per la situazione dei diritti umani in Cina, anche nello Xinjiang e in Tibet. Chiediamo altresì alla Cina di mantenere gli impegni assunti con la Dichiarazione congiunta sino-britannica e con la Legge fondamentale, che sanciscono i diritti e le libertà e un alto grado di autonomia per Hong Kong. Chiediamo alla Cina di agire in conformità con gli obblighi previsti dalla Convenzione di Vienna sulle relazioni diplomatiche e dalla Convenzione di Vienna sulle relazioni consolari e di non effettuare attività d’ingerenza, volte a minare la sicurezza delle nostre comunità, l’integrità delle nostre istituzioni democratiche e la nostra prosperità economica.

5.  Asia centrale e Caucaso meridionale

Restiamo decisi a voler sostenere la sovranità, l’indipendenza e l’integrità territoriale dei Paesi dell’Asia centrale. Accogliamo con favore l’intensificazione della cooperazione regionale e dei legami tra persone, che possono favorire la creazione di maggiori opportunità commerciali e di nuove innovazioni. Rinnoviamo la nostra determinazione a rafforzare la cooperazione con i Paesi dell’Asia Centrale per affrontare le sfide regionali, tra cui le conseguenze mondiali della guerra di aggressione della Russia, l’effetto destabilizzante della situazione in Afghanistan, ivi comprese le violazioni dei diritti umani da parte dei Talebani, il terrorismo, la sicurezza idrica e il cambiamento climatico. In un contesto di crescente rischio geopolitico, la diversificazione e l’espansione delle rotte commerciali nei Paesi dell’Asia centrale non solo apporta crescita economica alla regione, ma ha anche il potenziale per migliorare le catene di fornitura mondiali, ivi compresa la sicurezza energetica. A tale proposito, ci impegniamo di nuovo a promuovere i collegamenti commerciali ed energetici, la connettività e i trasporti sostenibili, ivi compreso il cosiddetto Middle Corridor, e i progetti connessi per migliorare la resilienza regionale. Ci impegniamo inoltre a sostenere gli sforzi di riforma socio-economica e politica nei Paesi dell’Asia centrale.

Siamo seriamente preoccupati per le conseguenze umanitarie dello sfollamento degli armeni dal Nagorno-Karabakh a seguito dell’operazione militare condotta dall’Azerbaigian. Esortiamo l’Azerbaigian a rispettare appieno i suoi obblighi in materia di diritto umanitario internazionale e accogliamo con favore gli sforzi internazionali per affrontare le urgenti necessità umanitarie degli sfollati. Sottolineiamo il nostro sostegno all’avanzamento di una pace sostenibile e duratura tra l’Armenia e l’Azerbaigian basata sui principi del non utilizzo della forza, del rispetto della sovranità, dell’inviolabilità dei confini e dell’integrità territoriale.

6.  Iran

Chiediamo all’Iran di astenersi dal fornire sostegno ad Hamas e dall’intraprendere ulteriori azioni che destabilizzano il Medio Oriente, ivi compreso il sostegno agli Hezbollah libanesi e ad altri attori non statali, e di utilizzare la sua influenza su questi gruppi per attenuare le tensioni regionali.

Rimaniamo determinati sul fatto che l’Iran non dovrà mai sviluppare un’arma nucleare e ribadiamo che l’Iran deve cessare l’incessante escalation del suo programma nucleare, che non ha alcuna giustificazione civile credibile e lo avvicina pericolosamente a vere e proprie attività connesse alle armi. Chiediamo all’Iran di adempiere ai suoi obblighi giuridici e ai suoi impegni politici in materia di non proliferazione nucleare con un’azione tempestiva, tra cui la piena e incondizionata cooperazione con l’AIEA. Esortiamo l’Iran a porre fine alla revoca delle autorizzazioni di accesso agli ispettori dell’AIEA, che incide pesantemente sulla capacità dell’Agenzia di condurre efficacemente le proprie ispezioni in Iran. Una soluzione diplomatica resta il modo migliore per risolvere le preoccupazioni internazionali.

Esprimiamo grave preoccupazione per le altre attività destabilizzanti dell’Iran, quali lo sviluppo di programmi di missili balistici, anche sotto forma di veicoli di lancio nello spazio, il trasferimento di missili, veicoli aerei senza equipaggio e relative tecnologie ad attori statali e non statali, nonché l’addestramento e il finanziamento di attori non statali. L’Iran deve smettere di sostenere la guerra di aggressione della Russia contro l’Ucraina. Inoltre, sottolineiamo l’importanza di garantire la sicurezza marittima nelle vie d’acqua della regione del Golfo e chiediamo all’Iran di non interferire con il legittimo esercizio dei diritti e delle libertà di navigazione da parte di tutte le imbarcazioni.

Esprimiamo inoltre profonda preoccupazione per il deterioramento della situazione dei diritti umani in Iran, anche per quanto riguarda le donne, le ragazze e le minoranze, e condanniamo il fatto che vengano presi di mira individui al di fuori dell’Iran, tra cui giornalisti e dissidenti.

7.  Africa

Restiamo saldi nel nostro impegno ad approfondire i partenariati con i Paesi africani e le organizzazioni regionali e continentali. Accogliamo con favore l’Unione africana (UA) quale membro permanente del G20, come risulta dalla Dichiarazione dei Capi di Stato e di governo del G20 di Nuova Delhi. Continueremo a sostenere una rappresentanza africana più forte in altri consessi internazionali, ivi compreso il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. Accogliamo con favore il ruolo dell’UA e delle Comunità e dei Meccanismi Economici Regionali nella promozione dell’Agenda 2063 e nella mediazione di controversie e conflitti. Esprimiamo preoccupazione per il peggioramento della situazione politica, di sicurezza ed umanitaria in alcune parti del continente. Ribadiamo il nostro impegno a sostenere il mantenimento della pace, della stabilità e del buon governo e a promuovere la crescita e lo sviluppo sostenibile in tutta l’Africa. Continueremo a sostenere i governi della regione per affrontare le condizioni di fondo che favoriscono la diffusione di conflitti, terrorismo, estremismo violento, instabilità, persecuzioni, immigrazione irregolare e sofferenze umane. Chiediamo che le parti in conflitto rispettino il diritto umanitario internazionale e il diritto internazionale dei diritti umani, che gli operatori umanitari abbiano accesso sicuro e senza ostacoli a chi ne ha bisogno e che i responsabili delle atrocità commesse durante i conflitti armati siano chiamati a risponderne.

Ribadiamo il nostro sostegno alle Nazioni Unite nei loro sforzi per far avanzare il processo politico libico al fine di tenere elezioni vere, libere, eque e inclusive senza ulteriori indugi. Incentiviamo la Tunisia ad attuare riforme per migliorare la sua stabilità economica e istituzionale.

Ti potrebbe interessare anche..