Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Incontro con il MAE israeliano Katz per una riunione su “Food for Gaza”

Il Vice Presidente del Consiglio e Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, On. Antonio Tajani, ha ricevuto oggi alla Farnesina il Ministro degli Affari Esteri israeliano, Israel Katz, per una riunione operativa sull’iniziativa “Food for Gaza”, lanciata il mese scorso a Roma dal Vicepremier in risposta alla crisi umanitaria a Gaza.

“Ho presentato al Ministro Katz l’iniziativa “Food for Gaza” in una riunione cui hanno preso parte tutti gli attori coinvolti per chiedere che Israele apra più valichi terrestri e renda subito operativo il corridoio marittimo per facilitare l’arrivo nella Striscia di Gaza di beni essenziali per la popolazione, in particolare aiuti alimentari, oltre a beni sanitari di prima necessità”, ha commentato il Vicepremier, aggiungendo che “siamo estremamente allarmati per la gravissima situazione sul terreno e l’iniziativa che abbiamo messo in campo ha l’obiettivo di contribuire fattivamente a evitare una catastrofe umanitaria a Gaza”.

“Ho anche proposto al Ministro Katz di far partecipare al tavolo tecnico di Food for Gaza un rappresentante dell’Ambasciata israeliana a Roma per migliorare ulteriormente il coordinamento e l’efficacia dello strumento” – ha dichiarato Tajani, sottolineando come questa proposta sia subito stata accettata da Katz che ha definito l’iniziativa italiana “un modello”.

Alla riunione erano presenti, oltre ai due Ministri, rappresentanti di FAO e PAM, assieme al capo dipartimento della Protezione Civile italiana Fabrizio Curcio e al Presidente della Croce Rossa italiana Rosario Valastro che ha rappresentato anche la Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa (FICROSS). Hanno partecipato anche il Rappresentante Permanente presso la FAO e il Direttore Generale della Cooperazione allo Sviluppo, responsabili dell’iniziativa per il Ministero degli Esteri.

Nel corso della riunione sono state condivise azioni concrete da perseguire per incrementare in modo sostanziale e determinante gli aiuti umanitari diretti alla Striscia di Gaza. Il Governo italiano rimane inoltre in prima linea nel fornire assistenza, da ultimo con un ulteriore stanziamento di 20 milioni di euro da parte della Cooperazione allo Sviluppo, e cure mediche alla popolazione palestinese, sia attraverso l’attività di nave Vulcano sia attraverso il trasferimento in Italia di 58 minori palestinesi bisognosi di trattamenti sanitari, oltre che con l’invio di squadre mediche negli Emirati Arabi Uniti.

Il Ministro Tajani e il Ministro Katz hanno anche discusso degli scenari attuali. “Ho ribadito che l’Italia ha sempre ritenuto senza ambiguità che il diritto di Israele a difendersi dopo il barbaro attacco del 7 ottobre non potesse e non dovesse travalicare i precisi obblighi derivanti dal rigoroso rispetto del diritto internazionale umanitario. Il numero di civili innocenti rimasti uccisi a Gaza non è in alcun modo giustificabile. Anche per gli effetti devastanti che ciò comporterebbe sulla già martoriata popolazione civile a Gaza, l’Italia continua a lavorare per la pace –anche come presidenza G7 – ed è fermamente contraria a un’eventuale operazione via terra a Rafah da parte dell’esercito israeliano”, ha dichiarato Tajani. “Chiediamo – ha aggiunto- un cessate il fuoco immediato per assicurare la consegna degli aiuti umanitari e arrivare alla liberazione degli ostaggi, dalla quale non si può prescindere, per poi giungere a un cessate il fuoco sostenibile e prolungato”.

Come già aveva avuto modo di confermare telefonicamente nei giorni scorsi al nuovo Primo Ministro e Ministro degli Esteri palestinese, Mohammad Mustafa, Tajani ha ricordato a Katz il sostegno del Governo italiano alla soluzione “due popoli, due Stati” e l’impegno del nostro Paese a contribuire a una riflessione sul futuro di Gaza che preveda anche il coinvolgimento dei Paesi arabi.

Il Vicepremier ha inoltre posto l’accento sull’importanza di assicurare una rigorosa tutela dei diritti umani dei palestinesi e del personale umanitario, come quello della ong WCK, tragicamente coinvolto in operazioni militari che non trovano alcuna giustificazione.

Tajani ha inoltre avuto, insieme a Katz, un incontro con una rappresentanza di familiari degli ostaggi israeliani detenuti da Hamas, a cui ha rinnovato i sentimenti di vicinanza e solidarietà del Governo, che continua a dedicare costante attenzione al tema degli ostaggi, in particolare del trattamento intollerabile riservato alle donne prigioniere, la cui liberazione deve avvenire immediatamente e senza condizioni.

Ti potrebbe interessare anche..