Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

A Sofia convegno su settore florovivaistico italiano

A Sofia convegno su settore florovivaistico italiano
A Sofia convegno su settore florovivaistico italiano

L’Ambasciata d’Italia a Sofia ha organizzato un evento in collaborazione con l’Associazione Nazionale Vivaisti Esportatori (ANVE) e l’Associazione dei Produttori di Piante Ornamentali in Bulgaria incentrato sulle esportazioni italiane di piante vive in Bulgaria.

Nel 2021 questo dato è infatti cresciuto del 50%, per un ammontare di circa 4 milioni e quattrocento mila euro. L’Italia è in particolare il terzo fornitore della Bulgaria di piante vive con una quota del 10,69% del mercato bulgaro, preceduta dai Paesi Bassi (principali leader mondiali nella produzione di bulbi e rizomi) e dalla Repubblica di Macedonia del Nord, a riprova dell’importante potenziale di sviluppo di collaborazioni nel settore tra i due Paesi.

L’evento, aperto dall’Ambasciatrice Giuseppina Zarra, ha visto l’intervento di esperti del settore che hanno illustrato le particolarità e le eccellenze del settore vivaistico ornamentale italiano e bulgaro е approfondito le possibilità di cooperazione tra le aziende dei due Paesi. Nel 2021 l’Italia ha esportato nel mondo piante vive per un totale di circa un miliardo e 150 mila euro, registrando una crescita del +20% rispetto al 2020. Il florovivaismo italiano costituisce oltre il 5% della produzione agricola nazionale e l’Italia è il secondo paese in Europa nel settore florovivaistico, con circa il 21 % delle aziende (27.000 aziende) e il 17,4% della superficie dedicata (29.000 ettari coltivati).