Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Rottami ferrosi

Disposizioni in tema di approvvigionamento di materie prime critiche ex art. 30, comma 4, del Decreto Legge n.21 del 21 marzo 2022, convertito, con modificazioni dalla Legge n. 51 del 20 maggio 2022. Obbligo di notifica a MISE e MAECI delle esportazioni di rottami ferrosi al di fuori dell’Unione europea.” 

Il decreto-legge 21 marzo 2022, n. 21 recante “Misure urgenti per contrastare gli effetti economici e umanitari della crisi ucraina” ha, tra l’altro, introdotto disposizioni in tema di approvvigionamento di materie prime critiche.

In particolare l’articolo 30 detta una specifica disciplina per l’ipotesi di esportazioni al di fuori dell’Unione Europea prevedendo uno specifico obbligo di notificazione nonché, per il caso di inadempimento, l’applicazione di una sanzione amministrativa pecuniaria.

La predetta disposizione, nel demandare ad apposito DPCM l’individuazione delle materie critiche per le quali le operazioni di esportazione al di fuori dell’Unione europea sono soggette a notifica, prevede, altresì, che i rottami ferrosi, anche non originari dell’Italia, costituiscano materie prime critiche e che la loro esportazione, sino al 30 settembre 2022 [1], sia soggetta all’obbligo di notifica di cui al comma 2.

A detti fini si dispone che le imprese italiane, o stabilite in Italia, che intendono esportare, direttamente o indirettamente, fuori dall’Unione europea, rottami ferrosi di cui al comma 1 dell’articolo 30 del DL 21 marzo 2022, n. 21, sono tenute a notificare, almeno dieci giorni prima dell’avvio dell’operazione, una informativa completa dell’operazione, al Ministero dello sviluppo economico e al Ministero degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale.

In difetto di comunicazione – ovvero in caso di comunicazione incompleta –è prevista l’irrogazione di una sanzione amministrativa pecuniaria pari al 30 per cento del valore dell’operazione e, comunque, non inferiore a euro 30.000 per ogni singola operazione.

In vista di una compiuta ed immediata applicazione della richiamata disciplina vincolistica si è ritenuto di adottare un modello uniforme di informativa e di fornire, altresì, le seguenti indicazioni operative.

Per ottemperare all’obbligo di notifica al MISE e al MAECI sono state attivate le seguenti due caselle email

nerf@pec.mise.gov.it

dgue.10@cert.esteri.it

alle quali le imprese di cui al comma 2 dell’art. 30 del d.l. 21/2022 [2] devono inviare congiuntamente specifica informativa da redigersi secondo l’allegato documento Excel nel quale indicare

  • la partita Iva e la ragione sociale dell’esportatore,
  • il paese di destinazione finale,
  • la ragione sociale del cliente,
  • il codice doganale (TARIC) completo,
  • il peso complessivo,
  • il valore in euro,
  • la data prevista di avvio dell’operazione,
  • eventuali note.

Si precisa che verranno effettuati controlli su mancate notifiche ovvero su notifiche incomplete di concerto con la Guardia di Finanza e l’Agenzia delle Dogane.

Il file di notifica denominato “Modulo di notifica ex art. 30 DL 22.03.2022 – rottami ferrosi” dovrà essere inviato alle caselle PEC di cui sopra, sia in formato Excel che in formato PDF firmato digitalmente. In caso di differenze tra le due versioni del file saranno prese in considerazione le informazioni contenute in quello in PDF firmato digitalmente. 

 

Ministero dello sviluppo economico

Direzione Generale per la politica industriale, l’innovazione e le piccole e medie imprese

dgpicpmi.segreteria@mise.gov.it

 

Ministero degli Affari Esteri

e della Cooperazione Internazionale

Direzione Generale per l’Europa e la politica commerciale internazionale

dgue-10@esteri.it

 

[1]L’articolo 18-ter della Legge n.91 del 15 luglio 2022 (Proroga di disposizioni in tema di approvvigionamento di materie prime critiche) ha modificato l’articolo 30, comma 4, del Decreto Legge n. 21 del 21 marzo 2022, convertito, con modificazioni, dalla Legge n. 51 del 20 maggio 2022, sostituendo le parole: “31 luglio 2022” con: “30 settembre 2022”.

[2]Le imprese italiane o stabilite in Italia (intendendosi per stabilite quelle che abbiano stabile organizzazione in Italia anche ai sensi dell’art. 162 TUIR)