Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

MADRID – Nuova biblioteca all’Istituto Italiano di Cultura

Ha aperto i battenti la nuova Biblioteca/Mediateca dell’Istituto Italiano di Cultura di Madrid, realizzata grazie ai finanziamenti erogati da MAE, MIBAC, MIUR e MISE. Sono stati restaurati circa 180 metri quadrati situati al pianoterra del prestigioso Palacio de Abrantes, sede dell’Istituto.


La nuova biblioteca, oltre a fornire ai nostri studenti dei corsi di lingua un appoggio didattico fondamentale, sarà un centro vitale per tutti coloro che si sentono attratti dall’Italia, dalla sua storia, dal suo patrimonio culturale e artistico.


Esposizioni e eventi culturali


La struttura non offrirà solo la consultazione di libri, riviste e quotidiani (questi ultimi solo in versione digitale), ma sarà anche luogo per esposizioni culturali ed eventi di varia natura (il primo dei quali sarà inserito nella madrilena ‘Noche de los libros’ del 23 di aprile prossimo, evento coordinato dal Comune di Madrid, quando la struttura rimarrà aperta, come moltissime altre, sino alle ore 24; si parlerà de ”La dominazione spagnola a Milano: influenze sulla letteratura e sulla cucina’).


Dotazioni multimediali


Lo spazio si caratterizza per la dotazione multimediale che, attraverso computer a disposizione degli utenti, permetterà la consultazione e l’accesso di banche dati di istituzioni italiane altrimenti non consultabili. Per tale ragione, si stanno stringendo accordi bilaterali con diverse realtà ed eccellenze del nostro Paese, dalle Biblioteca Nazionali agli Enti del Turismo, da FMR al Gambero Rosso, tanto per fare solo degli esempi.


30.000 volumi

Il fondo della biblioteca, completamente informatizzato, possiede attorno ai 30.000 volumi, dedicati completamente all’italianistica (articolati nei settori di letteratura, teatro, arte, musica, filosofia, politica, storia, design, moda, gastronomia, letteratura infantile) arrivando a costituire cosi’ un fondo unico nel panorama madrileno.