Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Alfano incontra l’Inviato Speciale del presidente Trump per la coalizione Anti-Daesh

peri300

 

“L’Italia considera la lotta contro Daesh una priorità strategica della sua politica estera e di difesa. A questo proposito, apprezziamo la sostanziale continuità della strategia americana per affrontare l’ISIL, salvaguardando la Coalizione e il suo approccio multidimensionale”. Con queste parole Angelino Alfano, ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, ha accolto  alla Farnesina, Brett McGurk, Inviato Speciale del Presidente degli Stati Uniti per la Coalizione anti-Daesh.

Nel colloquio, Alfano ha confermato la disponibilità dell’Italia a impegnarsi in Iraq per rendere sostenibili i successi militari conseguiti contro Daesh, contribuendo ad alcune necessarie riforme nel Paese, in particolare quella del settore di sicurezza. Il titolare della Farnesina ha altresì ribadito l’aspettativa che la funzione di leadership dell’Arma dei Carabinieri sia preservata anche nelle attività post-liberazione in Iraq. “Siamo consapevoli che l’attenzione al momento è sulle operazioni militari per liberare Mosul e Raqqa, ma dobbiamo essere altrettanto consapevoli delle sfide post-liberazione che ci attendono”, ha sottolineato Alfano. “La governance di Mosul metterà alla prova la capacità irachena di stabilizzare la città, ma anche di far convivere pacificamente componenti diverse della sua società”, ha aggiunto.

Con riferimento alla Siria, Alfano ha dichiarato di accogliere con favore la ripresa del dialogo USA-Russia sul ‘deconfliction’ in territorio siriano, auspicando una maggiore cooperazione in chiave anti-ISIL.

Alfano meets Trump’s Special Presidential Envoy for the Coalition to Counter ISIL-Daesh

“Italy considers fighting Daesh a strategic priority in its foreign and defence policy. In this respect, we appreciate the substantial continuity in America’s strategy to combat ISIL, safeguarding the Coalition and its multi-dimensional approach,” said the Minister of Foreign Affairs and International Cooperation, Angelino Alfano, when greeting Brett McGurk, the U.S. Special Presidential Envoy for the Coalition to Counter ISIL-Daesh, at the Farnesina today.

During the talks, Mr Alfano confirmed Italy’s willingness to engage in Iraq to help make the military successes against ISIL sustainable by contributing to putting in place some of the Country’s necessary reforms, especially in the security sector. The Foreign Minister reaffirmed that he expects the Carabinieri military police to continue to play a leading role also in Iraq’s post-liberation activities. “We understand that attention is currently focused on the military operations to liberate Mosul and Raqqa but we must be equally aware of the post-liberation challenges that await us,” said Mr Alfano. He added: “Governing Mosul will test Iraq’s capacity to stabilise the city but also its capability to make the different components of its society coexist in peace.”  

Referring to Syria, Mr Alfano said he welcomed the resumption of USA-Russia talks on the ‘deconfliction’ of the Syrian territory, hoping for tighter cooperation in combating ISIL.

Ti potrebbe interessare anche..