Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Il Ministro Luigi Di Maio ha partecipato all’incontro annuale di Medici con l’Africa CUAMM

Il Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Luigi Di Maio, ha partecipato oggi a Padova all’incontro annuale di Medici con l’Africa CUAMM. L’edizione 2021, intitolata “Ripartire”, è stata dedicata alla ripartenza dopo la fase più acuta della pandemia e al rilancio dell’impegno del CUAMM in Africa.
Nel suo intervento, il Ministro Di Maio ha riconosciuto il grande impegno di Medici per l’Africa sin dalla sua fondazione, in tanti paesi africani e in Italia, in un’opera di assistenza e formazione a tutela della salute delle popolazioni africane, ma anche di divulgazione scientifica, sensibilizzazione e promozione della responsabilità sociale presso istituzioni e opinione pubblica.
Il titolare della Farnesina ha riaffermato l’attenzione prioritaria rivolta all’Africa dall’Italia, nel quadro della sua azione multilaterale in veste di Presidenza G20 e nel solco della strategia di partenariato strategico coltivato dal nostro Paese con i partner africani. Al riguardo, il Ministro Di Maio ha richiamato la Conferenza “Incontri con l’Africa”, ospitata il 7-8 ottobre a Roma, che ha visto la partecipazione di ben 30 Ministri africani. Egli ha altresì confermato l’impegno prioritario della Cooperazione italiana nel Continente africano, che si articola in interventi per lo sviluppo sostenibile e in risposta alle principali crisi umanitarie. Ha poi ricordato come nel Disegno di legge di bilancio 2022-2024 sia stato previsto un aumento degli stanziamenti di Cooperazione verso l’obiettivo di allineare progressivamente l’aiuto pubblico allo sviluppo alla percentuale dello 0,7%.
Il Ministro Di Maio ha infine attirato l’attenzione sull’importanza di intensificare gli sforzi per la vaccinazione in Africa, al fine di contribuire a raggiungere l’impegno, assunto al Vertice G20 di Roma, per l’immunizzazione del 40% della popolazione mondiale entro la fine del 2021 e del 70% entro la metà del 2022.

Ti potrebbe interessare anche..