Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

G7 FOREIGN MINISTERS’ STATEMENT

Preamble

We, the G7 Foreign Ministers of Canada, France, Germany, Italy, Japan, the United Kingdom, and the United States of America, and the High Representative of the European Union, underline our strong sense of unity and our unshakable commitment to uphold the rules-based international order and to protect the rights of all, including the most vulnerable.

All Members of the United Nations must refrain from the threat or use of force against the sovereignty and territorial integrity of any state in accordance with the United Nations Charter. Violations of universally agreed and legally binding fundamental principles such as peaceful cooperation, sovereignty, self-determination, and territorial integrity are unacceptable. We are clear in our commitment to hold those responsible for egregious violations of such basic principles of international law to account.

  1. Russia’s war against Ukraine

We again call on Russia to immediately stop its war of aggression against Ukraine and withdraw all of its forces and military equipment. Together with the Ukrainian Foreign Minister Dmytro Kuleba we condemn Russia’s recent escalation, including its attacks against civilians and civilian infrastructure, in particular energy and water facilities, across Ukraine using missiles and Iranian drones and trainers. Through these attacks, Russia is trying to terrorize the civilian population. Indiscriminate attacks against civilian population and infrastructure constitute war crimes and we reiterate our determination to ensure full accountability for these and crimes against humanity. We also condemn the violation of Moldovan airspace.

Russia’s irresponsible nuclear rhetoric is unacceptable. Any use of chemical, biological, or nuclear weapons by Russia would be met with severe consequences. We also reject Russia’s false claims that Ukraine is preparing a radiological “dirty bomb”. The inspections by the International Atomic Energy Agency (IAEA) confirmed that these allegations are baseless, and we commend Ukraine for its transparency.

We also condemn Russia’s continued seizure and militarization of Ukraine’s Zaporizhzhya Nuclear Power Plant, the abduction and reported abuse of Ukrainian personnel, and the willful destabilization of its operations. We support the IAEA’s efforts to establish a Safety and Security Zone.

We will continue to impose economic costs on Russia and on other countries, individuals or entities providing military support for Moscow’s war of aggression, as several of us have already done regarding Iran’s provision of Unmanned Aerial Vehicles (UAV) to Russia.

We reiterate our call for the Belarusian authorities to stop enabling Russia’s war of aggression, including permitting Russia’s armed forces to use Belarusian territory to launch missiles targeting Ukraine. If the Belarusian authorities more directly involve Belarus in Russia’s war, the G7 will impose overwhelming additional costs on the regime.

We reiterate our unwavering commitment to continue providing the financial, humanitarian, defense, political, technical, and legal support Ukraine needs to alleviate the suffering of its people and to uphold its sovereignty and territorial integrity within its internationally recognized borders. We salute the bravery and resilience of the Ukrainian people in the face of Russia’s unprovoked aggression, and we are committed to helping Ukraine meet its winter preparedness needs.

Today we establish a G7 coordination mechanism to help Ukraine repair, restore and defend its critical energy and water infrastructure. We look forward to the 13 December international conference in Paris aimed at supporting Ukraine’s civilian resilience, organized by France and Ukraine. We also welcome the outcomes of the 25 October International Experts Conference in Berlin and remain committed to contribute to the recovery, reconstruction and modernization of Ukraine. We will stand firmly with Ukraine for as long as it takes.

We reaffirm our support for press freedom and access to reliable information globally. We will continue to counter Russia’s disinformation, including false allegations concerning bioweapons. We are strengthening the G7 Rapid Response Mechanism’s capacity for a coordinated response.

Recalling the 11 October G7 Leaders’ statement, we welcome President Zelenskyy’s readiness for a just peace based on respect for Ukraine’s territorial integrity, sovereignty, and its legitimate right to defend itself from aggression. Russia’s calls for negotiations are not credible when it continues to escalate the war and issue new threats and disinformation.

  1. Global consequences of Russia’s war against Ukraine

Russia’s war of aggression is a driver of the most severe global food and energy crises in recent history. We condemn Russia’s attempts to leverage energy and food exports as a tool of geopolitical coercion. The resulting turmoil is hitting vulnerable countries and communities around the world particularly hard, exacerbating an already dire situation caused by the climate crisis, the COVID-19 pandemic, and existing conflicts. We will continue to coordinate among the G7 and beyond to help mitigate the consequences of Russia’s war of aggression on global economic stability and international food, nutrition and energy security by both addressing acute needs and making medium to long term investments in resilient systems.

We strongly support the United Nations Secretary-General’s call for the extension of the Black Sea Grain Initiative (BSGI), which has reduced global food prices. We urge Russia to heed the Secretary-General’s call. The G7 is also leading other vital international initiatives, including the Global Alliance for Food Security (GAFS) and the EU-led Solidarity Lanes. We are also accelerating our work to get fertilizers to the most vulnerable. We commit to promote more sustainable, resilient, and inclusive food systems globally and call on the G20 to support these efforts.

We continue to encourage oil-producing countries to increase production, which will decrease volatility in energy markets. We will finalize implementation of the price cap on seaborne Russian oil in the coming weeks.

  1. Global issues

We reaffirm the need to strengthen and modernize the United Nations, with a view to making it more effective in the face of mounting global challenges, and we express our support for the vision of the UN Secretary-General’s Our Common Agenda.

We are committed to strengthening arms control, disarmament and non-proliferation efforts for a more secure, more stable and safer world. We are strengthening export controls, including through international export control regimes, on materials, technology and research that could be used to develop weapons of mass destruction and their means of delivery. In this context, we support India’s early entry into the Nuclear Suppliers Group.

We will also continue to enhance our coordination and cooperation, within and beyond the G7, including on economic security challenges, and we will stand up to acts of economic coercion.

We reaffirm our intention to increase debt transparency and find solutions to debt vulnerabilities, especially by ensuring the swift delivery of results through the Common Framework for Debt Treatments beyond the Debt Service Suspension Initiative (DSSI).

Underscoring a geostrategic and global approach to connectivity, we renew our commitment to implement the G7 Partnership for Global Infrastructure and Investment (PGII), including by mobilizing up to 600 billion US-Dollars in public and private investments over the next five years.

  1. Iran

We, the G7 members, express our support for the fundamental aspiration of the people of Iran for a future where human security and their universal human rights are respected and protected. We condemn the violent death of the young Iranian woman “Jina” Mahsa Amini after her arrest by Iran’s so called “morality police.” We further condemn the brutal and disproportionate use of force against peaceful protesters and children. We urge Iranian authorities to honor their international obligations under international law, including the International Covenant on Civil and Political Rights (ICCPR).

We advocate the right of all Iranians to access information, and we deplore the Iranian government’s erosion of civil space, and independent journalism, its targeting of human rights defenders, including by shutting down the internet and social media. We urge the Iranian authorities to treat women as equal, respecting the universal rights provided to them under the relevant international human rights treaties. We also call on the Iranian authorities to release unjustly detained prisoners, including recently arrested protesters, children, journalists and human rights defenders, and ensure accountability for perpetrators of human rights violations and abuses. We will continue to use all available diplomatic measures to hold the Iranian authorities to account. We call on Iran to allow access to the country for relevant UN Human Rights Special Procedures mandate holders.

We strongly reject Iran’s practice of unfairly detaining dual and foreign citizens and call upon Iran to end the repellent practice of such unjust detentions in hopes of political gain.

We strongly support international efforts to hold Iran to account for its downing of PS752, which killed 176 innocent civilians. We demand that Iran fulfill its international legal obligations without delay.

We strongly condemn Iran’s continued destabilizing activities in and around the Middle East. These include Iran’s activities with both ballistic and cruise missiles, as well as unmanned aerial vehicles (UAVs), i.e. drones, and transfers of such advanced weaponry to state and non-state actors. Such proliferation is destabilizing for the region and escalates already high tensions. We urge Iran to cease its support to violent state and non-state actors and proxy groups and fully abide by all relevant United Nations Security Council Resolutions (UNSCRs), including UNSCR 2231. We also support efforts at the United Nations to hold Russia and Iran accountable for their blatant violations of UNSCR 2231.

We reiterate our clear determination that Iran must never develop a nuclear weapon. The G7 will continue working together, and with other international partners, to address Iran’s nuclear escalation and insufficient cooperation with the IAEA regarding its Non-Proliferation Treaty (NPT) safeguards agreement. We remain deeply concerned by the unabated expansion of Iran’s nuclear program, which has no credible civilian justification. We call on Iran to change course and fulfill its legal obligations and political commitments in the field of nuclear non-proliferation without further delay. We note that despite many months of intense negotiations on a return to the JCPoA, Iran has not made the necessary decisions.

  1. Democratic People’s Republic of Korea (DPRK)

We, the G7 members, strongly condemn the unprecedented series of unlawful ballistic missile launches conducted by the DPRK in 2022, including multiple intercontinental ballistic missiles, and the intermediate-range ballistic missile launch on 4 October 2022, which was recklessly launched over Japan. These launches demonstrate the DPRK’s continued efforts to expand its ballistic missile capabilities and are flagrant violations of multiple UNSCRs.

We reiterate our demand that the DPRK abandon its nuclear weapons, existing nuclear programs, and any other weapons of mass destruction and ballistic missile programs in a complete, verifiable and irreversible manner, in accordance with all relevant UNSCRs. We urge the DPRK to immediately halt its destabilizing activity, fully abide with all legal obligations under the relevant UNSCRs, and fully comply with the NPT and IAEA safeguards.

Any nuclear test or other reckless action must be met with a swift, united, and robust international response. We call on all states to fully and effectively implement all UNSCRs and vigilantly monitor, prevent, and penalize sanctions evading activities. We call on the DPRK to cease further escalation and engage in meaningful diplomacy concerning its unlawful nuclear and ballistic programs. We remain committed to working with all relevant partners toward the goal of a permanent peace on the Korean Peninsula, and upholding the rules-based international order.

We commend the work of the UNSC 1718 Committee, which has swiftly approved all COVID-19 related sanctions exemption requests for humanitarian assistance for the DPRK. We call on the DPRK to allow the re-establishment of UN and diplomatic access, in line with appropriate and reasonable COVID-19 regulations. We continue to condemn the DPRK’s systematic widespread and gross human rights violations and abuses and urge the DPRK to cooperate with all relevant UN bodies and to resolve the abductions issue immediately. We remain gravely concerned regarding the humanitarian situation in the DPRK, which is the result of the DPRK’s choice to prioritize its unlawful WMD and ballistic missile programs over the welfare of its own people.

  1. Indo-Pacific

We, the G7 members, reiterate the importance of maintaining a free and open Indo-Pacific that is inclusive and based on the rule of law, the protection of human rights and fundamental freedoms, democratic principles, transparency, territorial integrity, and the peaceful and inclusive resolution of disputes. We are committed to protecting and promoting the rules-based international order, improving regional connectivity, strengthening free and fair trade, enhancing national resilience, supporting inclusive economic growth, promoting global health security, as well as confronting the climate crisis and the loss of biodiversity. We reaffirm our intention to work together with countries in the region and our support for the unity and centrality of ASEAN and commit to explore concrete cooperation in line with the ASEAN Outlook on the Indo-Pacific (AOIP).

  1. East and South China Seas

We remain seriously concerned about the situation in and around the East and South China Seas. We strongly oppose any moves that increase tensions and undermine regional stability and the rules-based international order. We emphasize the universal and unified character of the United Nations Convention on the Law of the Sea (UNCLOS), and reaffirm UNCLOS’ important role in setting out the legal framework that governs all activities in the ocean and the seas. We reiterate that the award rendered by the Arbitral Tribunal on 12 July 2016 is a significant milestone, legally binding upon the parties1, and a useful basis for peacefully resolving disputes. We reaffirm the need to uphold the principle of the UN Charter on peaceful settlement of disputes.

  1. China

We, the G7 members, aim for constructive cooperation with China, where possible and in our interest, in particular on global challenges like peace and security, global health, the climate and biodiversity crisis and the conservation of natural resources. These challenges can only be tackled successfully through cooperation within the rules-based international order.

We remind China of the need to uphold the principles of the UN Charter on peaceful settlement of disputes and to abstain from threats, coercion, intimidation, or the use of force. We strongly oppose any unilateral attempts to change the status quo by force or coercion.

We reaffirm the importance of peace and stability across the Taiwan Strait and call for the peaceful resolution of cross-Strait issues. There is no change in the basic positions of G7 members on Taiwan, including stated one China policies.

We will continue to raise our concerns with China on its reported human rights violations and abuses, including in Xinjiang and Tibet. We reiterate our concerns over the continued erosion of Hong Kong’s rights, freedoms and autonomy, and call on China to act in accordance with its international commitments and legal obligations.

We also call on China to treat foreign diplomats in accordance with its obligations under the Vienna Convention on Diplomatic Relations and the Vienna Convention on Consular Relations.

  1. Central Asia

We, the G7 members, discussed the multiple challenges facing the five Central Asian countries, ranging from the economic and geopolitical consequences of Russia’s war of aggression against Ukraine, to regional security issues and disputes, to climate change. We are committed to strengthening our cooperation with Central Asian countries and working with their governments and people on socio-economic development, respect for human rights, implementation of domestic and institutional reforms, as well as regional security. We will also work together to foster connectivity, transportation, and trade links.

  1. Africa

We, the G7 members, underscore the geopolitical and strategic importance of the African continent. Close cooperation with our African partners remains vital. Africa is particularly affected by multiple global crises such as the climate crisis, the ongoing COVID-19 pandemic, food insecurity and malnutrition, energy insecurity, the socio-economic consequences of Russia’s war against Ukraine, democratic backsliding, and massive global economic headwinds. Our cooperation with and support for Africa are guided by the objectives of the AU Agenda 2063, the 2030 Agenda for Sustainable Development, the goals of the Paris Agreement, and the principles of the UN Charter. We will continue to work with our African partners to build resilient and sustainable agri-food and energy systems, mitigate climate change, and address disinformation.

We remain committed to investing in quality infrastructure in Africa based on the G20 Principles for Quality Infrastructure Investment, including through the G7 Partnership for Global Infrastructure and Investment. We will continue to support regional manufacturing capacity for vaccines and other essential medical products supported by sustainable markets.

We are deeply concerned by the continuing deterioration of the political, security and humanitarian situation, including humanitarian access, in the Sahel. We are appalled by the violations and abuses of human rights against civilian populations, including those committed by terrorist groups and the Russia-affiliated Wagner Group forces in Mali. We call for accountability of all those responsible for human rights violations or abuses. We express our concern over the growing presence of Russian affiliated forces in Mali and elsewhere on the continent and their potentially destabilizing impact. We call for timely preparation of free and fair elections and comprehensive implementation of the transition charters in Mali, Burkina Faso, and Guinea, and reaffirm our support to the Economic Community of West African States and the African Union in this regard. We condemn the violence against protestors in Chad and the failure of that transitional government to adhere to African Union principles and communiques. We reiterate our strong commitment to support the populations of the Sahel countries, especially youth, and emphasize the need to work with people and governments of the littoral states in the Gulf of Guinea to strengthen their resilience to the threat of terrorism in a comprehensive way.

We remain concerned about peace and security in the Horn of Africa and the acute humanitarian needs, including famine in Somalia, and which disproportionally impact women and girls. We will work with the countries, institutions and civil society in the region to address these challenges. We welcome the announcement of the agreement reached by the Government of Ethiopia and the Tigray People’s Liberation Front (TPLF) brokered by the African Union, South Africa and Kenya, to settle the conflict in northern Ethiopia. We urge the Government of Ethiopia and the TPLF to fully honor and implement this commitment. Human rights violations, atrocities and abuses must cease immediately. Perpetrators of these violations and abuses must be held to account; survivors and victims must obtain justice.

We commend Somalia on the election of a new government and call for a concerted international effort to support President Hassan Sheikh Mohamud’s reform priorities and the fight against al-Shabaab. We firmly condemn the heinous attack by al-Shabaab on civilians on 29 October and express our heart-felt condolences to the families of the victims. More than one year after the military takeover in Sudan, we continue to urge the military to respect the commitment they made to withdraw from politics and maintain our call for a return to a civilian-led government based on broad support from the Sudanese people.

We are increasingly concerned by the ongoing, escalating violence and conflict in the eastern Democratic Republic of the Congo (DRC) as well as regional tensions in the Great Lakes. We urge restraint by the M23 armed movement and call for a cessation of its current offensive. We welcome recent steps taken towards more stability in the region, including through talks with armed groups in the framework of the “EAC DRC Peace Process” and regional mediation by Angola. We call on all involved to participate in these efforts in good faith and to act in accordance with international law. We are convinced that only broad, multi-sectoral and cross-border cooperation can bring about lasting stability in the region.

  1. Haiti

We express our deep concern at the worsening humanitarian situation in Haiti, particularly the increased spread of cholera and the deepening food and fuel crisis. We condemn the violence perpetrated by armed groups and those who support them. They are terrorizing and holding the population hostage. We reiterate our commitment to support all efforts to quickly resolve the current security and humanitarian crisis. We call on all stakeholders in Haiti to restore order and security and to allow the delivery of the aid required to meet the urgent needs of the population. We commend the UNSC for adopting a sanctions regime on 21 October. We reiterate the importance of establishing the conditions necessary to allow for free and fair elections.

 

1editorial amendment on 17 November 2022

 

*****

Traduzione di cortesia

DICHIARAZIONE DEI MINISTRI DEGLI ESTERI DEL G7

 

Preambolo

Noi, Ministri degli Esteri del G7 di Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone, Regno Unito e Stati Uniti d’America, e l’Alto Rappresentante dell’Unione Europea, sottolineiamo il nostro forte senso di unità ed il nostro incrollabile impegno a sostenere l’ordine internazionale basato sulle regole e a tutelare i diritti di tutti, ivi compresi i più vulnerabili.

Tutti i membri delle Nazioni Unite devono astenersi dalla minaccia o dall’uso della forza contro la sovranità e l’integrità territoriale di qualsiasi Stato, in conformità con la Carta delle Nazioni Unite. Le violazioni dei principi fondamentali universalmente concordati e giuridicamente vincolanti, quali la cooperazione pacifica, la sovranità, l’autodeterminazione e l’integrità territoriale, sono inaccettabili. Siamo chiari nel nostro impegno a chiedere conto ai responsabili delle gravi violazioni di tali principi fondamentali del diritto internazionale.

  1. La guerra della Russia contro l’Ucraina

Chiediamo nuovamente alla Russia di fermare immediatamente la sua guerra di aggressione contro l’Ucraina e di ritirare tutte le sue forze e i suoi equipaggiamenti militari. Insieme al Ministro degli Esteri ucraino, Dmytro Kuleba, condanniamo la recente escalation della Russia, ivi compresi gli attacchi contro i civili e le infrastrutture civili, in particolare le strutture energetiche ed idriche, in tutta l’Ucraina, utilizzando missili e droni ed addestratori iraniani. Tramite questi attacchi, la Russia sta cercando di terrorizzare la popolazione civile. Gli attacchi indiscriminati contro la popolazione e le infrastrutture civili costituiscono crimini di guerra e ribadiamo la nostra determinazione a garantire che i responsabili rispondano appieno la piena responsabilità per questi attacchi e per i crimini contro l’umanità. Condanniamo inoltre la violazione dello spazio aereo moldavo.

L’irresponsabile retorica nucleare della Russia è inaccettabile. Qualsiasi utilizzo di armi chimiche, biologiche o nucleari da parte della Russia avrebbe gravi conseguenze. Respingiamo anche le false affermazioni della Russia secondo cui l’Ucraina starebbe preparando una “bomba sporca” radiologica. Le ispezioni dell’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica (AIEA) hanno confermato l’infondatezza di queste affermazioni ed elogiamo l’Ucraina per la sua trasparenza.

Condanniamo inoltre il perdurante sequestro e la militarizzazione da parte della Russia della centrale nucleare ucraina di Zaporizhzhya, il rapimento e l’abuso del personale ucraino e la destabilizzazione intenzionale delle sue operazioni. Sosteniamo gli sforzi dell’AIEA per istituire una zona di sicurezza.

Continueremo a imporre costi economici alla Russia e ad altri Paesi, individui o entità che forniscono sostegno militare alla guerra di aggressione di Mosca, come molti di noi hanno già fatto con riferimento alla fornitura di veicoli aerei senza equipaggio (UAV) alla Russia da parte dell’Iran.

Ribadiamo il nostro appello alle autorità bielorusse affinché smettano di consentire la guerra di aggressione della Russia, anche permettendo alle forze armate russe di utilizzare il territorio bielorusso per lanciare missili contro l’Ucraina. Se le autorità bielorusse coinvolgeranno più direttamente la Bielorussia nella guerra contro la Russia, il G7 imporrà al regime costi aggiuntivi spropositati.

Ribadiamo il nostro incrollabile impegno a continuare a fornire il sostegno finanziario, umanitario, di difesa, politico, tecnico e giuridico di cui l’Ucraina ha bisogno per alleviare le sofferenze del suo popolo e per sostenere la sua sovranità ed integrità territoriale all’interno dei suoi confini internazionalmente riconosciuti. Rendiamo omaggio al coraggio e alla resistenza del popolo ucraino di fronte all’aggressione immotivata della Russia e ci impegniamo ad aiutare l’Ucraina a soddisfare le sue esigenze di preparazione all’inverno.

Oggi istituiamo un meccanismo di coordinamento del G7 per aiutare l’Ucraina a riparare, ripristinare e difendere le sue infrastrutture energetiche ed idriche critiche. Attendiamo con ansia la Conferenza internazionale del 13 dicembre a Parigi, organizzata da Francia e Ucraina per sostenere la resilienza civile dell’Ucraina. Accogliamo con favore anche i risultati della Conferenza internazionale di esperti del 25 ottobre a Berlino e restiamo impegnati a contribuire alla ripresa, alla ricostruzione e alla modernizzazione dell’Ucraina. Saremo fermamente al fianco dell’Ucraina per tutto il tempo necessario.

Ribadiamo il nostro sostegno alla libertà di stampa e all’accesso ad informazioni affidabili a livello mondiale. Continueremo a contrastare la disinformazione della Russia, ivi comprese le false affermazioni sulle armi biologiche. Stiamo rafforzando la capacità del Meccanismo di risposta rapida del G7 per una risposta coordinata.

Ricordando la Dichiarazione dei Capi di Stato e di governo del G7 dell’11 ottobre, accogliamo con favore la disponibilità del Presidente Zelenskyy per una pace giusta basata sul rispetto dell’integrità territoriale, della sovranità e del legittimo diritto dell’Ucraina di difendersi dalle aggressioni. Gli appelli della Russia a negoziare non sono credibili quando continua ad inasprire la guerra e a lanciare nuove minacce e disinformazione.

  1. Conseguenze mondiali della guerra della Russia contro l’Ucraina

La guerra di aggressione della Russia è il motore delle più gravi crisi alimentari ed energetiche mondiali della storia recente. Condanniamo i tentativi della Russia di sfruttare le esportazioni di energia e generi alimentari come strumento di coercizione geopolitica. Le turbolenze che ne derivano stanno colpendo in modo particolarmente duro i Paesi e le comunità vulnerabili di tutto il mondo, aggravando una situazione già disastrosa causata dalla crisi climatica, dalla pandemia da COVID-19 e dai conflitti esistenti. Continueremo a coordinarci in seno al G7 e negli altri contesti per contribuire a mitigare le conseguenze della guerra di aggressione della Russia sulla stabilità economica mondiale e sulla sicurezza alimentare, nutrizionale ed energetica internazionale, sia affrontando i bisogni urgenti che effettuando investimenti a medio e lungo termine in sistemi resilienti.

Sosteniamo con forza l’appello del Segretario generale delle Nazioni Unite per l’estensione dell’Iniziativa per i cereali del Mar Nero (BSGI), che ha ridotto i prezzi alimentari mondiali. Chiediamo alla Russia di ascoltare l’appello del Segretario Generale. Il G7 sta guidando anche altre iniziative internazionali di vitale importanza, tra cui l’Alleanza mondiale per la sicurezza alimentare (GAFS) e le corsie di solidarietà guidate dall’UE. Stiamo anche accelerando il nostro lavoro per far arrivare i fertilizzanti alle persone più vulnerabili. Ci impegniamo a promuovere sistemi alimentari più sostenibili, resilienti ed inclusivi a livello mondiale e chiediamo al G20 di sostenere questi sforzi.

Continuiamo ad incentivare i Paesi produttori di petrolio ad aumentare la produzione, il che ridurrà la volatilità dei mercati energetici. Nelle prossime settimane finalizzeremo l’attuazione del tetto ai prezzi del petrolio russo trasportato via mare.

  1. Questioni mondiali

Ribadiamo la necessità di rafforzare e modernizzare le Nazioni Unite, al fine di renderle più efficaci di fronte alle crescenti sfide mondiali ed esprimiamo il nostro sostegno alla visione della Nostra Comune Agenda del Segretario Generale delle Nazioni Unite.

Ci impegniamo a rafforzare il controllo degli armamenti, il disarmo e la non proliferazione per un mondo più sicuro, più stabile e più protetto. Stiamo rafforzando i controlli sulle esportazioni, anche tramite i regimi internazionali di controllo delle esportazioni, di materiali, tecnologie e ricerche che potrebbero essere utilizzati per sviluppare armi di distruzione di massa e i loro vettori. In questo contesto, sosteniamo il rapido ingresso dell’India nel Gruppo dei fornitori nucleari.

Continueremo inoltre a rafforzare il nostro coordinamento e la nostra cooperazione, all’interno ed all’esterno del G7, anche con riferimento alle sfide della sicurezza economica, e ci opporremo agli atti di coercizione economica.

Ribadiamo la nostra intenzione di accrescere la trasparenza del debito e di trovare soluzioni alle vulnerabilità del debito, in particolare garantendo il rapido conseguimento dei risultati tramite il Quadro comune per la gestione del debito, oltre all’Iniziativa per la sospensione del servizio del debito (DSSI).

Sottolineando un approccio geostrategico e globale alla connettività, rinnoviamo il nostro impegno ad attuare il Partenariato del G7 per le infrastrutture e gli investimenti mondiali (PGII), anche mobilitando fino a 600 miliardi di dollari in investimenti pubblici e privati nei prossimi cinque anni.

  1. Iran

Noi, membri del G7, esprimiamo il nostro sostegno alla fondamentale aspirazione del popolo iraniano per un futuro in cui la sicurezza umana e i diritti umani universali siano rispettati e protetti. Condanniamo la morte violenta della giovane donna iraniana “Jina” Mahsa Amini dopo il suo arresto da parte della cosiddetta “polizia della moralità” iraniana. Condanniamo inoltre l’utilizzo brutale e sproporzionato della forza contro manifestanti pacifici e bambini. Chiediamo alle autorità iraniane di rispettare i loro obblighi internazionali in base al diritto internazionale, ivi compreso il Patto internazionale sui diritti civili e politici (ICCPR).

Sosteniamo il diritto di tutti gli iraniani di avere accesso alle informazioni, e deploriamo l’erosione dello spazio civile e del giornalismo indipendente da parte del governo iraniano, che prende di mira i difensori dei diritti umani, anche tramite la chiusura di Internet e dei social media. Chiediamo alle autorità iraniane di trattare le donne in modo paritario, rispettando i diritti universali loro riconosciuti dai trattati internazionali sui diritti umani. Chiediamo inoltre alle autorità iraniane di rilasciare i prigionieri ingiustamente detenuti, ivi compresi i manifestanti recentemente arrestati, i bambini, i giornalisti e i difensori dei diritti umani, e di accertare le responsabilità degli autori di violazioni e abusi dei diritti umani. Continueremo ad utilizzare tutte gli strumenti diplomatici disponibili per chiedere conto alle autorità iraniane. Chiediamo all’Iran di consentire l’accesso al Paese ai titolari del mandato relativo alle procedure speciali delle Nazioni Unite per i diritti umani.

Respingiamo con forza la pratica iraniana di detenere ingiustamente i cittadini titolari di doppia cittadinanza e quelli stranieri e chiediamo all’Iran di porre fine a questa pratica ripugnante di detenzioni ingiuste nella speranza di ottenere vantaggi politici.

Sosteniamo con vigore gli sforzi internazionali per chiedere all’Iran di rispondere dell’abbattimento del PS752, che ha ucciso 176 civili innocenti. Chiediamo che l’Iran adempia senza indugio ai suoi obblighi giuridici internazionali.

Condanniamo con fermezza le continue attività destabilizzanti dell’Iran in Medio Oriente e nelle aree limitrofe. Esse includono le attività dell’Iran con missili balistici e da crociera, nonché con veicoli aerei senza equipaggio (UAV), vale a dire i droni, e i trasferimenti di tali armi avanzate ad attori statali e non statali. Tale proliferazione è destabilizzante per la regione e inasprisce le tensioni già elevate. Chiediamo all’Iran di cessare il suo sostegno agli attori statali e non statali violenti e ai gruppi per procura e a rispettare appieno tutte le pertinenti Risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, ivi compresa la Risoluzione 2231 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. Sosteniamo inoltre gli sforzi delle Nazioni Unite per ritenere la Russia e l’Iran responsabili delle palesi violazioni della Risoluzione 2231 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

Ribadiamo il nostro chiaro convincimento che l’Iran non dovrà mai sviluppare un’arma nucleare. Il G7 continuerà a operare insieme, e con altri partner internazionali, per affrontare l’escalation nucleare dell’Iran e l’insufficiente cooperazione con l’AIEA in merito all’accordo di salvaguardia del Trattato di non proliferazione (TNP). Restiamo profondamente preoccupati per l’espansione senza sosta del programma nucleare iraniano, che non ha alcuna giustificazione civile credibile. Chiediamo all’Iran di cambiare rotta e di adempiere ai suoi obblighi giuridici e ai suoi impegni politici nel campo della non proliferazione nucleare senza ulteriori ritardi. Notiamo che, nonostante molti mesi di intensi negoziati per un ritorno all’Accordo sul nucleare iraniano (JCPoA), l’Iran non ha assunto le decisioni necessarie.

  1. Repubblica popolare democratica di Corea (RPDC)

Noi, membri del G7, condanniamo fermamente la serie senza precedenti di lanci illegali di missili balistici condotti dalla RPDC nel 2022, tra cui diversi missili balistici intercontinentali de il lancio di un missile balistico a raggio intermedio il 4 ottobre 2022, che è stato sconsideratamente lanciato sul Giappone. Questi lanci dimostrano i continui sforzi della RPDC per espandere le sue capacità missilistiche balistiche e sono flagranti violazioni di varie Risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

Ribadiamo la nostra richiesta che la RPDC abbandoni le armi nucleari, i programmi nucleari esistenti e qualsiasi altra arma di distruzione di massa e i programmi di missili balistici in modo completo, verificabile e irreversibile, in conformità con tutte le pertinenti Risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. Chiediamo alla Repubblica Democratica Popolare di Corea di cessare immediatamente le sue attività destabilizzanti, di rispettare appieno tutti gli obblighi giuridici previsti dalle pertinenti risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, nonché il TNP e le salvaguardie dell’AIEA.

Qualsiasi test nucleare o altra azione sconsiderata deve essere affrontata con una risposta internazionale rapida, unita e forte. Chiediamo a tutti gli Stati di attuare appieno ed efficacemente tutte le risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite e di monitorare con attenzione, prevenire e sanzionare le attività che eludono le sanzioni. Chiediamo alla Repubblica Democratica Popolare di Corea di cessare l’ulteriore escalation e di impegnarsi in una diplomazia significativa riguardo ai suoi programmi nucleari e balistici illegali. Restiamo impegnati a collaborare con tutti i partner interessati per conseguire l’obiettivo di una pace permanente nella penisola coreana e per sostenere l’ordine internazionale basato sulle regole.

Elogiamo il lavoro del Comitato 1718 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, che ha approvato rapidamente tutte le richieste di esenzione dalle sanzioni connesse al COVID-19 per l’assistenza umanitaria alla RPDC. Chiediamo alla RPDC di consentire il ripristino dell’accesso diplomatico e delle Nazioni Unite, in linea con i regolamenti COVID-19 appropriati e ragionevoli. Continuiamo a condannare le sistematiche, diffuse e gravi violazioni ed abusi dei diritti umani da parte della RPDC e le chiediamo di cooperare con tutti gli organi competenti delle Nazioni Unite e di risolvere immediatamente la questione dei rapimenti. Continuiamo ad essere seriamente preoccupati per la situazione umanitaria nella RPDC, che è il risultato della scelta della RPDC di dare priorità ai suoi programmi illegali di armi di distruzione di massa e di missili balistici rispetto al benessere del suo stesso popolo.

  1. Indo-Pacifico

Noi, membri del G7, ribadiamo l’importanza di mantenere un Indo-Pacifico libero e aperto, inclusivo e basato sullo Stato di diritto, sulla tutela dei diritti umani e delle libertà fondamentali, sui principi democratici, sulla trasparenza, sull’integrità territoriale e sulla risoluzione pacifica ed inclusiva delle controversie. Ci impegniamo a tutelare e promuovere l’ordine internazionale basato sulle regole, a migliorare la connettività regionale, a rafforzare il commercio libero ed equo, a migliorare la resilienza nazionale, a sostenere una crescita economica inclusiva, a promuovere la sicurezza sanitaria mondiale, nonché ad affrontare la crisi climatica e la perdita di biodiversità. Ribadiamo la nostra intenzione di operare insieme ai Paesi della regione, nonché il nostro sostegno all’unità e alla centralità dell’ASEAN e ci impegniamo ad esplorare la possibilità di una cooperazione concreta in linea con l’ASEAN Outlook on the Indo-Pacific (AOIP).

  1. Mar della Cina orientale e meridionale

Continuiamo a essere seriamente preoccupati per la situazione nel Mar della Cina orientale e meridionale e nelle aree limitrofe. Ci opponiamo con fermezza a qualsiasi iniziativa che aumenti le tensioni e minacci la stabilità regionale e l’ordine internazionale basato sulle regole. Sottolineiamo il carattere universale ed unitario della Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare (UNCLOS) e ribadiamo l’importante ruolo dell’UNCLOS nel definire il quadro giuridico che regola tutte le attività nell’oceano e nei mari. Ribadiamo che il lodo reso dal Tribunale arbitrale il 12 luglio 2016 è una pietra miliare significativa, giuridicamente vincolante per le parti1, e una base utile per risolvere pacificamente le controversie. Ribadiamo la necessità di sostenere il principio della Carta delle Nazioni Unite sulla risoluzione pacifica delle controversie.

  1. Cina

Noi, membri del G7, puntiamo a una cooperazione costruttiva con la Cina, laddove possibile e nel nostro interesse, in particolare sulle sfide globali come la pace e la sicurezza, la salute mondiale, la crisi del clima e della biodiversità e la conservazione delle risorse naturali. Queste sfide possono essere affrontate con successo solo tramite la cooperazione nell’ambito dell’ordine internazionale basato sulle regole.

Ricordiamo alla Cina la necessità di sostenere i principi della Carta delle Nazioni Unite sulla risoluzione pacifica delle controversie e di astenersi da minacce, coercizione, intimidazione o uso della forza. Ci opponiamo con fermezza a qualsiasi tentativo unilaterale di modificare lo status quo con la forza o la coercizione.

Ribadiamo l’importanza della pace e della stabilità attraverso lo Stretto di Taiwan e chiediamo la risoluzione pacifica delle questioni tra le due sponde dello Stretto. Non vi è alcun cambiamento nelle posizioni di base dei membri del G7 su Taiwan, ivi comprese le politiche dichiarate di una sola Cina.

Continueremo a sollevare le nostre preoccupazioni con la Cina in merito alle violazioni e agli abusi dei diritti umani che sono stati denunciati, anche nello Xinjiang e in Tibet. Ribadiamo le nostre preoccupazioni per la continua erosione dei diritti, delle libertà e dell’autonomia di Hong Kong e chiediamo alla Cina di agire in conformità ai suoi impegni internazionali e ai suoi obblighi giuridici.

Chiediamo inoltre alla Cina di trattare i diplomatici stranieri in conformità agli obblighi previsti dalla Convenzione di Vienna sulle relazioni diplomatiche e della Convenzione di Vienna sulle relazioni consolari.

  1. Asia centrale

Noi, membri del G7, abbiamo discusso le molteplici sfide che i cinque Paesi dell’Asia centrale devono affrontare, dalle conseguenze economiche e geopolitiche della guerra di aggressione della Russia contro l’Ucraina, alle questioni di sicurezza regionale e alle controversie, fino al cambiamento climatico. Siamo impegnati a rafforzare la nostra cooperazione con i Paesi dell’Asia centrale e a lavorare con i loro governi e le loro popolazioni sullo sviluppo socio-economico, sul rispetto dei diritti umani, sull’attuazione delle riforme interne ed istituzionali e sulla sicurezza regionale. Opereremo insieme anche per promuovere la connettività, i trasporti e i collegamenti commerciali.

  1. Africa

Noi, membri del G7, sottolineiamo l’importanza geopolitica e strategica del continente africano. La stretta collaborazione con i nostri partner africani rimane fondamentale. L’Africa è particolarmente colpita da molteplici crisi mondiali quali la crisi climatica, la pandemia da COVID-19 in corso, l’insicurezza alimentare e la malnutrizione, l’insicurezza energetica, le conseguenze socio-economiche della guerra della Russia contro l’Ucraina, l’arretramento democratico e i forti venti economici mondiali. La nostra cooperazione e il nostro sostegno all’Africa sono guidati dagli obiettivi dell’Agenda 2063 dell’UA, dall’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, dagli obiettivi dell’Accordo di Parigi e dai principi della Carta delle Nazioni Unite. Continueremo ad operare con i nostri partner africani per costruire sistemi agroalimentari ed energetici resilienti e sostenibili, mitigare il cambiamento climatico e affrontare la disinformazione.

Restiamo impegnati ad investire in infrastrutture di qualità in Africa sulla base dei Principi del G20 per l’investimento in infrastrutture di qualità, anche tramite il Partenariato del G7 per le infrastrutture e gli investimenti mondiali. Continueremo a sostenere la capacità produttiva regionale per i vaccini e altri dispositivi e presidi medici essenziali supportati da mercati sostenibili.

Siamo profondamente preoccupati per il continuo deterioramento della situazione politica, di sicurezza e umanitaria, ivi compreso l’accesso umanitario, nel Sahel. Siamo sconcertati dalle violazioni e dagli abusi dei diritti umani nei confronti delle popolazioni civili, ivi compresi quelli commessi da gruppi terroristici e dalle forze del Gruppo Wagner affiliate alla Russia in Mali. Chiediamo che tutti i responsabili di violazioni o abusi dei diritti umani siano chiamati a risponderne. Esprimiamo preoccupazione per la crescente presenza di forze affiliate alla Russia in Mali e in altri paesi del continente e per il loro impatto potenzialmente destabilizzante. Chiediamo la preparazione tempestiva di elezioni libere ed eque e la piena e completa attuazione degli statuti di transizione in Mali, Burkina Faso e Guinea e ribadiamo il nostro sostegno alla Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale e all’Unione africana a questo proposito. Condanniamo le violenze contro i manifestanti in Ciad e l’incapacità del governo di transizione di aderire ai principi e ai comunicati dell’Unione Africana. Ribadiamo il nostro forte impegno a sostenere le popolazioni dei Paesi del Sahel, in particolare i giovani, e sottolineiamo la necessità di operare con le popolazioni e i governi degli Stati costieri del Golfo di Guinea per rafforzare la loro resilienza alla minaccia del terrorismo in modo globale.

Restiamo preoccupati per la pace e la sicurezza nel Corno d’Africa e per i gravi bisogni umanitari, tra cui la carestia in Somalia, che hanno un impatto sproporzionato su donne e ragazze. Opereremo con i Paesi, le istituzioni e la società civile della regione per affrontare queste sfide. Accogliamo con favore l’annuncio dell’accordo raggiunto dal Governo dell’Etiopia e dal Fronte di Liberazione del Popolo del Tigrai (TPLF) con la mediazione dell’Unione Africana, del Sudafrica e del Kenya, per risolvere il conflitto nel nord dell’Etiopia. Chiediamo al governo etiope e al TPLF di onorare e attuare appieno questo impegno. Le violazioni dei diritti umani, le atrocità e gli abusi devono cessare immediatamente. Gli autori di tali violazioni e abusi devono essere chiamati a risponderne; i sopravvissuti e le vittime devono ottenere giustizia.

Lodiamo la Somalia per l’elezione di un nuovo governo e chiediamo uno sforzo internazionale concertato per sostenere le priorità di riforma del Presidente Hassan Sheikh Mohamud e la lotta contro al-Shabaab. Condanniamo con fermezza l’efferato attacco di al-Shabaab contro i civili del 29 ottobre ed esprimiamo le nostre più sentite condoglianze alle famiglie delle vittime. A più di un anno dalla presa di potere militare in Sudan, continuiamo a chiedere ai militari di rispettare l’impegno assunto di ritirarsi dalla politica e a mantenere il nostro appello per il ritorno ad un governo a guida civile basato su un ampio sostegno del popolo sudanese.

Siamo sempre più preoccupati per l’escalation di violenza e conflitto in corso nella Repubblica Democratica del Congo (RDC) e per le tensioni regionali nei Grandi Laghi. Esortiamo alla moderazione il movimento armato M23 e chiediamo la cessazione della sua attuale offensiva. Accogliamo con favore i recenti passi compiuti verso una maggiore stabilità nella regione, anche tramite i colloqui con i gruppi armati nel quadro del “Processo di pace EAC DRC” e la mediazione regionale dell’Angola. Chiediamo a tutte le parti coinvolte di partecipare a questi sforzi in buona fede e di agire in conformità con il diritto internazionale. Siamo convinti che solo una cooperazione ampia, multisettoriale e transfrontaliera possa portare a una stabilità duratura nella regione.

  1. Haiti

Esprimiamo viva preoccupazione per il peggioramento della situazione umanitaria ad Haiti, in particolare per l’aumento della diffusione del colera e per l’aggravarsi della crisi alimentare e del carburante. Condanniamo la violenza perpetrata dai gruppi armati e da coloro che li sostengono. Essi stanno terrorizzando e tenendo in ostaggio la popolazione. Ribadiamo il nostro impegno a sostenere tutti gli sforzi per risolvere rapidamente l’attuale crisi umanitaria e di sicurezza. Chiediamo a tutte le parti interessate ad Haiti di ripristinare l’ordine e la sicurezza e di consentire l’invio degli aiuti necessari a soddisfare le urgenti necessità della popolazione. Lodiamo il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite per aver adottato un regime di sanzioni il 21 ottobre. Ribadiamo l’importanza di stabilire le condizioni necessarie per consentire elezioni libere ed eque.

 

1modifica redazionale del 17 novembre 2022

Ti potrebbe interessare anche..