Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Declaration of the Summit for Democracy

We, the leaders of the Summit for Democracy, reaffirm our shared belief that democracy – government reflecting the effective participation and will of the people – is humanity’s most enduring means to advance peace, prosperity, equality, sustainable development, and security.  Democracy is necessary to ensure that every voice is heard, that the human rights of all are respected, protected, and fulfilled, online and offline, and that the rule of law is upheld.  We recognize that democracy can take many forms, but shares common characteristics, including free and fair elections that are inclusive and accessible; separation of powers; checks and balances; peaceful transitions of power; an independent media and safety of journalists; transparency; access to information; accountability; inclusion; gender equality; civic participation; equal protection of the law; and respect for human rights, including freedoms of expression, peaceful assembly, and association.  To meet the rising challenges to democracy worldwide, we commit to strengthen democratic institutions and processes and build resilience.  We acknowledge that freedom and democracy are strengthened through cooperation, and we commit to building stronger domestic, regional, and global partnerships that are more assertive in countering authoritarianism and corruption and that demonstrate that democracy delivers peace, stability, and prosperity for all.  We believe democratic institutions, which take time and concerted effort to develop, are best supported by an inclusive society that respects diversity, promotes decent work for all, and enables everyone to freely pursue their aspirations, exercise their human rights and fundamental freedoms, and live without fear of violence and threats to their safety.

Globally, we commit to put the strength of our democracies into action to revitalize, consolidate, and strengthen an international rules-based order that delivers equitable, sustainable development for all people and to deepen international cooperation to accelerate progress on the 2030 Agenda for Sustainable Development and the 17 Sustainable Development Goals.  We acknowledge that eradicating poverty is critical to strengthening inclusivity and building confidence and stability in democracies globally.  We recognize that democracies that respect human rights are the best means by which to solve the 21st Century’s most critical challenges.  We remain united in supporting one another in our efforts to bolster democracy domestically, regionally, and internationally, combat authoritarian trends, advance multilateral and multistakeholder dialogue and cooperation, and safeguard the full and effective exercise of human rights, including civil and political rights, as well as the progressive realization of economic, social, and cultural rights.  We are determined to save the present and succeeding generations from the scourge of war.  To this end we unite the strength of our democracies to secure and maintain domestic, regional and international peace and security.

We reiterate our firm resolve to support countries and people around the world that adhere to the values of freedom and democracy, against direct or indirect attempts or threats to undermine them.  We recognize the fundamental principles of the UN Charter that all states shall refrain in their international relations from the threat or use of force against the territorial integrity or political independence of any state and shall settle their international disputes by peaceful means.  We recognize the inherent right of individual or collective self-defense of States consistent with Article 51 of the Charter of the United Nations. We underscore the need to reach, as soon as possible, a comprehensive, just and lasting peace in Ukraine in line with the principles of the UN Charter. We deplore the dire human rights and humanitarian consequences of the aggression by the Russian Federation against Ukraine, including the continuous attacks against critical infrastructure across Ukraine with devastating consequences for civilians, and express our grave concern at the high number of civilian casualties, including women and children, the number of internally displaced persons and refugees in need of humanitarian assistance, and violations and abuses committed against children. We are deeply concerned by the adverse impact of the war on global food security, energy, nuclear security and safety and the environment. We demand that Russia immediately, completely, and unconditionally withdraw all of its military forces from the territory of Ukraine within its internationally recognized borders and call for a cessation of hostilities.  We also call for the parties to the armed conflict to adhere to their obligations under international law, including international humanitarian law.  We call also for the complete exchange of prisoners of war, the release of all unlawfully detained persons and the return of all internees and of civilians forcibly transferred and deported, including children. We strongly support accountability for the most serious crimes under international law committed on the territory of Ukraine through appropriate, fair and independent investigations and prosecutions at the national or international level, and to ensure justice for all victims and the prevention of future crimes.

We acknowledge that protecting and strengthening democratic societies is an ever-evolving process, and that we are all striving towards better adoption and implementation of democratic principles.  Such a society contributes to sustainable development in all its forms – economic, environmental, and social – and serves as a foundation for peace.  We, the Summit for Democracy participants, call upon other leaders to join us in these efforts.

We are jointly dedicated to:

First, reaffirm our commitments or obligations to respect, protect, and fulfill human rights and fundamental freedoms as set out in the Universal Declaration of Human Rights on its 75th anniversary and applicable international human rights instruments.  We commit to hold accountable alleged perpetrators of human rights violations and abuses.

Second, commit to respecting the right of all citizens to elect their governments through periodic, free and fair elections, which are inclusive and transparent.  We reaffirm that every citizen should have the effective right and opportunity to participate in elections on an equal basis, without undue restrictions, interference, or intimidation, including through systemic discrimination or marginalization.  External or internal interference or intimidation in elections, in any way, shape, or form, undermines the right of citizens to select their governments and other representatives.  We deplore the use of violence in all its forms, during and beyond elections, including threats targeting elected officials, lawmakers, and other public figures who carry out official duties and responsibilities.

Third, promote and uphold the rule of law and promote equal access to justice for all through a fair, effective, and impartial justice system.  We commit to strengthen efforts that focus on people and deliver fair, inclusive, relevant, and timely justice that upholds and respects human rights.  We deplore any attempts to abuse legal systems to interfere with the exercise of human rights and fundamental freedoms or to obstruct accountability efforts for human rights violations and abuses, whether at home or abroad, including by unlawfully pressuring, influencing, or raising unfounded criminal charges against judges.  We commit to strengthen the rule of law and justice systems that create opportunities for people to participate fully in their economies and societies and that ensure impartial, independent, and accessible judicial systems which provide checks and balances and can hold governments, authorities, and other stakeholders accountable.

Fourth, support civilian control of the military and hold accountable those responsible for human rights violations and abuses, including those committed by non-state actors.  We demand that all parties to armed conflict fully comply with their obligations under international humanitarian law including those regarding the protection of civilians, with particular consideration of populations in marginalized or vulnerable situations.  We commit to fight against impunity and promote accountability for violations of international law, particularly genocide, war crimes, the crime of aggression and crimes against humanity, including where such crimes involve sexual and gender-based violence.  We acknowledge the important role played by the ICC as a permanent and impartial tribunal complementary to national jurisdictions in advancing accountability for the most serious crimes under international law.

Fifth, respect, protect, and fulfill the right to freedom of opinion and expression; enhance access to information and the free flow of information, both online and offline, as a fundamental pillar of building a democratic society; and call on all states to release all political prisoners.  We highlight the essential role that a free, independent, diverse, and inclusive media plays in resilient democracies, and commit to ensuring the safety of journalists and other media workers, both online and offline.  We commit to investigate, prosecute, and punish threats and acts of violence, within our jurisdictions, committed against journalists and other media workers, and to strengthen and coordinate efforts for their protection in crises and conflict.  In this regard, we recognize the central facilitating role of governments and authorities in providing transparent and easily accessible information from official sources promoting media sustainability.  We are concerned by the increasing negative impact of disinformation campaigns, which threaten democracy by suppressing political engagement, engendering or deepening distrust towards democratic institutions and processes, and hindering informed participation in political and public affairs.  We commit to take appropriate steps, in a human rights-respecting manner, to address threats from, and build resilience against, misinformation and disinformation, and to refrain from conducting or sponsoring disinformation campaigns.  We commit to strengthen the resilience of our societies against these threats, including by expanding digital inclusion, media literacy education, and fact checking, as well as fostering intercultural understanding and continuing to counter, by all possible means, the propaganda disseminated by autocratic regimes that undermines the free flow of information in all societies.

Sixth, work collectively to prevent and combat corruption and illicit finance in all their forms, promote good governance, and ensure integrity.  We reaffirm our strong commitment to implement anti-corruption measures, consistent with the United Nations Convention against Corruption (UNCAC), the most comprehensive international anti-corruption instrument, as well as the commitments made in the UN General Assembly Special Session (UNGASS) of 2021 Political Declaration.  We also recognize the critical role of the OECD Convention on Combatting Bribery of Foreign Public Officials in International Business Transactions, as well as domestic, international, and regional anti-corruption conventions, bodies, institutions, and initiatives.  We acknowledge the importance of implementing existing anti-corruption obligations and commitments, including those regarding financial transparency, anti-corruption training, and education, initiating and implementing anti-bribery reforms, and countering illicit finance.  We reaffirm our commitment to the effective implementation of the Financial Action Task Force Recommendations.  We commit to maintain and build upon existing and effective tools to address all forms of corruption.  We reaffirm our commitment to ensuring anti-corruption bodies have the necessary independence and competence, and, where necessary, to strengthening their institutional capacity, in accordance with the fundamental principles of domestic legal systems. We recognize that investigations of kleptocracy, particularly where such investigations involve acts of public official corruption, including embezzlement, bribery, misappropriation of public funds, and related money laundering are critical.  We stress the need to promote the wider participation of the private sector, civil society, academia, and the independent media as part of an inclusive, multistakeholder, and holistic approach to preventing and countering corruption and illicit finance.  We reaffirm our commitment to provide effective protection from retaliation or intimidation to any person who identifies, detects, or reports corruption-related offenses in accordance with domestic legal frameworks.  We recognize the need for effective, efficient, and responsive international cooperation in asset recovery and return and mutual legal assistance without undue delay, to ensure that those who engage in corruption offenses are held accountable for such conduct and are denied the enjoyment of the proceeds of their crimes, and that such proceeds are returned consistent with the UNCAC and domestic laws. We commit to hold corrupt actors accountable, and to take practical measures to deny them the ability to hide their illicit proceeds and access our respective jurisdictions and the international financial system, in accordance with respective domestic laws.

Seventh, respect and uphold the freedoms of peaceful assembly and association as essential components of democracy, both online and offline.  Civil society should have the opportunity and space, consistent with international human rights law, to operate, raise resources, represent the views and concerns of society, including persons in marginalized or vulnerable situations, and monitor and advocate to hold governments and authorities accountable.  This is essential in building and upholding trust between citizens and public authorities.  A strong, independent, inclusive, and diverse civil society empowers communities, contributes to good governance, and provides a voice to the powerless.  We commit to promote a safe, accessible, and enabling environment for civil society and human rights defenders, including through the implementation of domestic legislation in compliance with applicable obligations under international human rights law.  We support active citizenship, including that of youth, and civic education on democracy and human rights to increase participation in democratic life and guarantee political participation and representation of citizens in all areas.

Eighth, promote respect for human rights and equality for all individuals and combat all forms of discrimination and exclusion on any grounds, consistent with international human rights law, including multiple and intersecting forms of discrimination, including on the basis of gender, race, ethnicity, color, religion or belief, national or social origin, property, birth, indigeneity, disability, sexual orientation, gender identity and expression, pregnancy, political opinion, class, genetic information, or age, and promote inclusion and the full and equal participation of all individuals in marginalized or vulnerable situations, including internally displaced persons.

Ninth, commit to protecting and upholding the human rights of all women and girls in all their diversity.  Women’s rights are human rights.  We commit to promoting women’s full, equal, and meaningful participation and leadership in all aspects of policymaking and decision-making, peace processes, and governance at all levels, and to ensuring the equal protection of all their rights before the law.  We commit to address gender inequalities, including discriminatory structures, social norms, and gender stereotypes, and sexual and gender-based violence, both online and offline, which prevent women’s full, equal, and meaningful participation and enjoyment of human rights.  We commit to advancing their sexual and reproductive health and rights consistent with the Programme of Action of the International Conference on Population and Development and the Beijing Platform for Action and the outcome documents of their review conferences.  The perpetrators of violence against women and girls in all their diversity should be held accountable, and governments and authorities should take appropriate measures to create a safe, enabling, and violence-free environment for all.  In order to achieve gender equality, we need the commitment of all, including men and boys, to engage, show solidarity, and participate in the struggle and process of change.  We commit to ensure equal access for women in the labor market, especially in returning after the pandemic, to emphasize the education of and increase women’s participation in technology sectors, and to strive to ensure equal pay for equal work or work of equal value.

Tenth, shape a fair, accessible, inclusive, and secure future of work with full, productive, decent, and freely chosen employment, through efforts to respect, promote, and realize fundamental labor rights, including the rights to freedom of association and collective bargaining, and through measures to promote decent work for all including a world of work free from violence, exploitation, and harassment.  We recognize that women, persons with disabilities, and all those facing multiple and intersecting forms of discrimination face additional barriers in the world of work and in accessing decent work, and we commit to tackling these barriers.  We commit to protecting and advancing decent work and economic inclusion at home and around the world by protecting the fundamental rights to form and join independent trade unions and employer organizations, and through strengthened labor laws and enforcement.  We commit to nondiscrimination, equitable treatment, equal opportunity, and the participation of all in the world of work, in addition to the principle of equal pay for equal work or work of equal value, and international cooperation to strengthen economic resilience in developing countries.

Eleventh, promote an open, free, global, interoperable, reliable, accessible, and secure Internet, and protect human rights across the digital ecosystem so as to enhance the security, prosperity, and well-being of people around the world.  We affirm that the ways in which technologies, including new and emerging ones such as artificial intelligence, biotechnologies, and quantum technologies, are designed, developed, maintained, governed, acquired, funded, sold, and used should be shaped by a commitment to democratic principles including equality, inclusion, sustainability, transparency, accountability, diversity, and respect for human rights including privacy.  All people should have access to the opportunities offered by technology, with no one left behind, and we recognize the importance of bridging many forms of digital divides, including the gender digital divide, and expanding accessibility for persons with disabilities.  In this regard, we commit to champion the importance of inclusion using accessible digital technologies, and we reaffirm a vision of a human-centered, inclusive, secure, and development-oriented information society and technology ecosystem.  We underline that existing international law applies to state behavior in cyberspace and continue our efforts to promote the framework for responsible state behavior in cyberspace affirmed by the UN General Assembly.

Twelfth, affirm that the responsible use of digital and emerging technologies has the potential to strengthen democracy and combat corruption, with due respect for the rule of law, and note our commitment to defending democratic institutions and processes from threats related to misuse of technology.  We recognize and commit to guarding against the chilling and dangerous effects of online abuse, harassment, and disinformation on the freedom of expression and civil and political participation of women, girls, and populations in marginalized or vulnerable situations and their potential connections to violent extremism.

Thirteenth, promote access to the Internet, protect civic space, enable the enjoyment of human rights online, commit to supporting information communications technology infrastructure projects in underserved communities, and work to prevent government-imposed Internet disruptions and restrictions online that violate international human rights law obligations.  We also recognize the importance of ensuring that surveillance technology is used in a manner consistent with democratic principles and with respect for applicable human rights obligations and commitments.  We highlight the importance of technology platform accountability and underline that platforms have a responsibility to respect human rights, consistent with the UN Guiding Principles on Business and Human Rights.  We expect technology platforms to take appropriate action to anticipate, identify, prevent, and mitigate adverse human rights impacts directly linked to their operations and address violence, exploitation, and abuses taking place on their platforms.  We underscore the need for technology companies to behave responsibly, including by enabling robust protections of individuals’ privacy, safety, and health, with a focus on even stronger protections for children and youth, transparency and accountability related to platforms’ algorithms and content moderation decisions, and strong protections against misuse and discrimination related to the use of algorithms, recognizing that populations in marginalized or vulnerable situations are disproportionately at risk to suffer negative consequences.  In addition, we stress the importance of strengthening regional and global partnerships to increase collaboration while mitigating the risks posed by new and emerging technologies.  We are guided by a commitment to a strengthened multistakeholder approach to Internet governance and more robust cooperation among governments and authorities on relevant public policies issues pertaining to digital ecosystems in order to achieve inclusive, comprehensive, coherent, and enduring solutions.

Fourteenth, reinforce our commitment to the UN Guiding Principles on Business and Human Rights and protect against human rights abuses, within our territories and/or jurisdictions, by third parties, including business enterprises, by taking appropriate steps to prevent, investigate, punish, and redress such abuse through effective policies, legislation, regulations, and adjudication.  We are committed to working towards consensus-based multi-stakeholder efforts that build upon the UN Guiding Principles on Business and Human Rights to strengthen international cooperation and consistency, including, but not limited to, protecting rights holders, addressing instances of abuses, and supporting remedy.

Fifteenth, work together to defend against transnational threats, including foreign information manipulation and interference, which includes disinformation that is discriminatory and targets women and girls and populations in marginalized or vulnerable situations.  We commit to defend against foreign interference, including in elections; transnational organized crimes; corruption; forced labor in global supply chains; terrorism; and transnational repression, including that of human rights defenders, whatever their origin.  We commit to strengthen international cooperation and reinforce our support for an effective multilateral system, including the United Nations.

Sixteenth, affirm that arbitrarily arresting, detaining, and sentencing individuals for leverage in state-to-state relations is unacceptable, unjust, and contrary to international law.  We acknowledge the Declaration Against Arbitrary Detention in State-to-State Relations and speak against this practice, recognizing that citizens of any country could be targeted at any time.

Seventeenth, commit to working together to address the most critical global challenges. We are committed to protecting the environment as an essential element in achieving sustainable development and advancing sustainable, inclusive, and functional democracies.  We recognize that sustainable development, in its three dimensions (social, economic, and environmental), and a clean, healthy, and sustainable environment contributes to and promotes the full enjoyment of all human rights.  Pollution, climate change, and environmental degradation, including loss of biodiversity, and their adverse effects, which includes resource scarcity, shortage of water, and food insecurity, negatively impact the enjoyment of human rights and present a challenge to the social, economic, and political stability of societies around the world, while having a disproportionate impact on populations in marginalized or vulnerable situations.  Our cooperation is essential to reduce the adverse effects of climate change and pollution and to halt and reverse biodiversity loss by delivering on global commitments to address these challenges including by scaling up relevant financial resources while advancing more resilient, innovative, and long-term transformative and inclusive governance models that protect a clean, healthy, and sustainable environment.  We commit to strengthen transparent and effective democratic institutions that can support global efforts to advance health goals, including building stronger and more resilient health systems, and advancing pandemic prevention, preparedness, and response for all.  We also commit to continue to work to build, sustain, and finance the capacities we need to prevent, detect, and respond to not only emerging COVID-19 variants, but also to current and future health crises in a more rapid, transparent, accountable, safe, equitable, and secure manner.  International cooperation remains essential to create the systems we need to end the COVID-19 pandemic, save lives, and build better health security and health systems for all.

 

*****

Traduzione di cortesia

 

Dichiarazione del Vertice per la democrazia

 

Noi, Capi di Stato e di governo partecipanti al Vertice per la Democrazia, riaffermiamo la nostra convinzione comune che la democrazia – un governo che riflette l’effettiva partecipazione e volontà del popolo – sia il mezzo più duraturo a disposizione dell’umanità per promuovere la pace, la prosperità, l’uguaglianza, lo sviluppo sostenibile e la sicurezza.  La democrazia è necessaria per far sì che ogni voce sia ascoltata, che i diritti umani di tutti siano rispettati, tutelati e realizzati, sia online che offline, e che lo Stato di diritto sia sostenuto.  Riconosciamo che la democrazia può assumere molte forme, ma condivide caratteristiche comuni, tra cui elezioni libere ed eque, inclusive e accessibili; separazione dei poteri; pesi e contrappesi, ovvero controlli ed equilibri, transizioni pacifiche di potere, media indipendenti e sicurezza dei giornalisti, trasparenza, accesso alle informazioni, responsabilità, inclusione, uguaglianza di genere, partecipazione civica, uguale tutela della legge, rispetto dei diritti umani, ivi comprese la libertà di espressione, di riunione pacifica e di associazione.  Per affrontare le crescenti sfide alla democrazia in tutto il mondo, ci impegniamo a rafforzare le istituzioni e i processi democratici e a costruire la resilienza. Riconosciamo che la libertà e la democrazia si rafforzano tramite la cooperazione e ci impegniamo a costruire partenariati nazionali, regionali e mondiali più forti, che siano più assertivi nel contrastare l’autoritarismo e la corruzione e che dimostrino che la democrazia apporta pace, stabilità e prosperità per tutti.  Crediamo che le istituzioni democratiche, il cui sviluppo richiede tempo e sforzi concertati, siano meglio sostenute da una società inclusiva che rispetti la diversità, promuova un lavoro dignitoso per tutti e consenta a ciascuno di perseguire liberamente le proprie aspirazioni, esercitare i propri diritti umani e le libertà fondamentali e vivere senza temere la violenza e le minacce alla propria sicurezza.

A livello mondiale, ci impegniamo a mettere in campo la forza delle nostre democrazie per rivitalizzare, consolidare e rafforzare un ordine internazionale basato su regole che garantisca uno sviluppo equo e sostenibile per tutti e ad approfondire la cooperazione internazionale per accelerare i progressi dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile e dei 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile. Prendiamo atto del fatto che l’eliminazione della povertà è fondamentale per rafforzare l’inclusione e costruire la fiducia e la stabilità nelle democrazie a livello mondiale.  Riconosciamo che le democrazie che rispettano i diritti umani sono i mezzi migliori per affrontare le sfide più importanti del XXI secolo.  Restiamo uniti nel sostenerci reciprocamente nei nostri sforzi per rafforzare la democrazia a livello nazionale, regionale e internazionale, combattere le tendenze autoritarie, far progredire il dialogo e la cooperazione multilaterale e quella tra più soggetti e salvaguardare il pieno ed effettivo esercizio dei diritti umani, ivi compresi i diritti civili e politici, nonché la progressiva realizzazione dei diritti economici, sociali e culturali.  Siamo determinati a salvare le generazioni presenti e future dal flagello della guerra.  A tal fine, uniamo la forza delle nostre democrazie per garantire e mantenere la pace e la sicurezza interna, regionale e internazionale.

Ribadiamo la nostra ferma volontà di sostenere i Paesi e i popoli di tutto il mondo che aderiscono ai valori della libertà e della democrazia, contro i tentativi diretti o indiretti o le minacce di minarli.  Riconosciamo i principi fondamentali della Carta delle Nazioni Unite secondo cui tutti gli Stati devono astenersi, nelle loro relazioni internazionali, dalla minaccia o dall’uso della forza contro l’integrità territoriale o l’indipendenza politica di qualsiasi Stato e devono risolvere le loro controversie internazionali con mezzi pacifici.  Riconosciamo il diritto intrinseco di autodifesa individuale o collettiva degli Stati, in conformità con l’Articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite. Sottolineiamo la necessità di conseguire al più presto una pace globale, giusta e duratura in Ucraina in linea con i principi della Carta delle Nazioni Unite. Deploriamo le terribili conseguenze umanitarie e sui diritti umani dell’aggressione della Federazione Russa contro l’Ucraina, ivi compresi i continui attacchi contro le infrastrutture critiche in tutta l’Ucraina con conseguenze devastanti per i civili, ed esprimiamo la nostra grave preoccupazione per l’elevato numero di vittime civili, tra cui donne e bambini, per il numero di sfollati interni e di rifugiati che necessitano di assistenza umanitaria, e per le violazioni e gli abusi commessi nei confronti dei bambini. Siamo profondamente preoccupati per l’impatto negativo della guerra sulla sicurezza alimentare mondiale globale, sull’energia, sulla sicurezza nucleare e sull’ambiente. Chiediamo che la Russia ritiri immediatamente, completamente e incondizionatamente tutte le sue forze militari dal territorio dell’Ucraina, all’interno dei suoi confini internazionalmente riconosciuti, e chiediamo la cessazione delle ostilità. Chiediamo inoltre che le parti del conflitto armato rispettino gli obblighi derivanti dal diritto internazionale, ivi compreso il diritto umanitario internazionale.  Chiediamo inoltre lo scambio completo dei prigionieri di guerra, il rilascio di tutti coloro che sono detenuti illegalmente e il ritorno di tutti i reclusi e dei civili trasferiti e deportati con la forza, ivi compresi i bambini. Sosteniamo con forza l’assunzione di responsabilità per i più gravi crimini di diritto internazionale commessi sul territorio ucraino tramite indagini e procedimenti giudiziari appropriati, equi e indipendenti a livello nazionale o internazionale, e per garantire giustizia a tutte le vittime e la prevenzione di crimini futuri.

Riconosciamo che la protezione e il rafforzamento delle società democratiche è un processo in continua evoluzione e che tutti noi ci sforziamo di migliorare l’adozione e l’attuazione dei principi democratici.  Una società di questo tipo contribuisce allo sviluppo sostenibile in tutte le sue forme – economica, ambientale e sociale – e funge da base per la pace.  Noi, partecipanti al Vertice per la democrazia, invitiamo gli altri Capi di Stato e di governo ad unirsi a noi in questi sforzi.

Ci impegniamo congiuntamente a:

  1. riaffermare i nostri impegni o obblighi di rispettare, tutelare e realizzare i diritti umani e le libertà fondamentali, come stabilito nella Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo nel suo 75° anniversario e negli strumenti internazionali applicabili in materia di diritti umani.  Ci impegniamo a ritenere responsabili i presunti autori di violazioni e abusi dei diritti umani;
  2. rispettare il diritto di tutti i cittadini di eleggere i propri governi tramite elezioni periodiche, libere ed eque, che siano inclusive e trasparenti.  Ribadiamo che ogni cittadino deve avere l’effettivo diritto e l’opportunità di partecipare alle elezioni su base paritaria, senza indebite restrizioni, interferenze o intimidazioni esercitate anche tramite la discriminazione o l’emarginazione sistematica.  L’interferenza o l’intimidazione esterna o interna nelle elezioni, in qualsiasi modo, forma o genere, mina il diritto dei cittadini di scegliere i propri governi ed altri rappresentanti.  Deploriamo l’uso della violenza in tutte le sue forme, durante e dopo le elezioni, ivi comprese le minacce rivolte a funzionari eletti, legislatori e altre figure pubbliche che svolgono funzioni e hanno responsabilità ufficiali;
  3. promuovere e sostenere lo Stato di diritto e favorire un accesso paritario alla giustizia per tutti tramite un sistema giudiziario equo, efficace e imparziale.  Ci impegniamo a rafforzare gli sforzi che si concentrano sulle persone e a fornire una giustizia equa, inclusiva, mirata e tempestiva che sostenga e rispetti i diritti umani.  Deploriamo qualsiasi tentativo di abusare dei sistemi giuridici per interferire con l’esercizio dei diritti umani e delle libertà fondamentali o per ostacolare gli sforzi di accertamento delle responsabilità per le violazioni e gli abusi dei diritti umani, sia in patria che all’estero, anche facendo pressioni illegali, influenzando o sollevando accuse penali infondate nei confronti dei giudici.  Ci impegniamo a rafforzare lo stato di diritto e i sistemi giudiziari che creano opportunità per i cittadini di partecipare appieno alle loro economie e società e che garantiscono sistemi giudiziari imparziali, indipendenti e accessibili che forniscono pesi e contrappesi, ovvero controlli ed equilibri, e possono ritenere i governi, le autorità e le altre parti interessate responsabili;
  4. sostenere il controllo civile delle forze armate e ritenere responsabili coloro che perpetrano violazioni e abusi dei diritti umani, ivi compresi quelli commessi da attori non statali. Chiediamo che tutte le parti in conflitto armato rispettino appieno gli obblighi previsti dal diritto umanitario internazionale, ivi compresi quelli relativi alla protezione dei civili, con particolare attenzione rivolta alle popolazioni in situazioni di emarginazione o vulnerabilità.  Ci impegniamo a combattere l’impunità e a promuovere l’accertamento delle responsabilità per le violazioni del diritto internazionale, in particolare per il genocidio, i crimini di guerra, il crimine di aggressione e i crimini contro l’umanità, anche quando tali crimini comportano violenza sessuale e di genere. Riconosciamo l’importante ruolo svolto dalla CPI come tribunale permanente e imparziale, complementare alle giurisdizioni nazionali, nel promuovere l’accertamento delle responsabilità per i più gravi crimini, ai sensi del diritto internazionale;
  5. rispettare, proteggere e realizzare il diritto alla libertà di opinione e di espressione, a migliorare l’accesso all’informazione e il libero flusso di informazioni, sia online che offline, come pilastro fondamentale della costruzione di una società democratica, e a chiedere a tutti gli Stati di rilasciare tutti i prigionieri politici.  Sottolineiamo il ruolo essenziale che i media liberi, indipendenti, diversificati e inclusivi svolgono nelle democrazie resistenti e ci impegniamo a garantire la sicurezza dei giornalisti e degli altri operatori dei media, sia online che offline.  Ci impegniamo a indagare, perseguire e punire le minacce e gli atti di violenza, nell’ambito delle nostre giurisdizioni, commessi nei confronti dei giornalisti e degli altri operatori dei media, e a rafforzare e coordinare gli sforzi per la loro tutela nelle crisi e nei conflitti.  A questo proposito, riconosciamo il ruolo centrale di facilitatori svolto dai governi e dalle autorità nel fornire informazioni trasparenti e facilmente accessibili da fonti ufficiali che promuovano la sostenibilità dei media.  Siamo preoccupati per il crescente impatto negativo delle campagne di disinformazione, che minacciano la democrazia reprimendo l’impegno politico, generando o accrescendo la sfiducia nelle istituzioni e nei processi democratici e ostacolando la partecipazione informata agli affari politici e pubblici.  Ci impegniamo ad adottare misure appropriate, nel rispetto dei diritti umani, per affrontare le minacce derivanti dalla disinformazione e per costruire una resistenza contro di esse, e ad astenerci dal condurre o sponsorizzare campagne di disinformazione.  Ci impegniamo a rafforzare la resilienza delle nostre società contro queste minacce, anche espandendo l’inclusione digitale, l’educazione all’alfabetizzazione mediatica e il fact-checking, oltre a promuovere la comprensione interculturale e a continuare a contrastare, con tutti i mezzi possibili, la propaganda diffusa dai regimi autocratici che mina il libero flusso di informazioni in tutte le società;
  6. operare collettivamente per prevenire e combattere la corruzione e la finanza illecita in tutte le sue forme, promuovere il buon governo e garantire l’integrità. Riaffermiamo il nostro forte impegno ad attuare misure anticorruzione, in linea con la Convenzione delle Nazioni Unite contro la corruzione (UNCAC), lo strumento internazionale anticorruzione più completo, nonché con gli impegni assunti nella Dichiarazione politica della sessione speciale dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite (UNGASS) del 2021.  Riconosciamo inoltre il ruolo fondamentale della Convenzione OCSE sulla lotta alla corruzione di pubblici ufficiali stranieri nelle transazioni commerciali internazionali, nonché delle convenzioni, degli organismi, delle istituzioni e delle iniziative anticorruzione nazionali, internazionali e regionali.  Riconosciamo l’importanza di attuare gli obblighi e gli impegni esistenti in materia di anticorruzione, ivi compresi quelli relativi alla trasparenza finanziaria, alla formazione e all’istruzione in materia di anticorruzione, all’avvio e all’attuazione di riforme anticorruzione e alla lotta contro i finanziamenti illeciti.  Riaffermiamo il nostro impegno per l’effettiva attuazione delle Raccomandazioni del Gruppo di Azione Finanziaria Internazionale.  Ci impegniamo a mantenere e sviluppare gli strumenti esistenti ed efficaci per affrontare tutte le forme di corruzione. Ribadiamo il nostro impegno a garantire che gli organismi anticorruzione abbiano la necessaria indipendenza e competenza e, ove necessario, a rafforzare la loro capacità istituzionale, in conformità con i principi fondamentali dei sistemi giuridici nazionali. Riconosciamo che le indagini sulla cleptocrazia, in particolare quelle che riguardano atti di corruzione di pubblici ufficiali, tra cui appropriazione indebita, corruzione, appropriazione indebita di fondi pubblici e relativo riciclaggio di denaro, sono fondamentali.  Sottolineiamo la necessità di promuovere una più ampia partecipazione del settore privato, della società civile, del mondo accademico e dei media indipendenti come parte di un approccio inclusivo, multistakeholder e olistico per prevenire e contrastare la corruzione e la finanza illecita.  Riaffermiamo il nostro impegno a fornire un’efficace tutela da ritorsioni o intimidazioni a chiunque individui, rilevi o denunci reati legati alla corruzione, in conformità con i quadri giuridici nazionali.  Riconosciamo la necessità di una cooperazione internazionale efficace, efficiente e reattiva nel recupero e nella restituzione dei beni e nell’assistenza legale reciproca senza indebiti ritardi, per garantire che coloro che commettono reati di corruzione siano ritenuti responsabili di tale condotta e che sia loro negato il godimento dei proventi derivanti dai loro crimini, e che tali proventi siano restituiti in conformità con le disposizioni dell’UNCAC e con le leggi nazionali. Ci impegniamo a ritenere responsabili i soggetti corrotti e ad adottare misure pratiche per negare loro la possibilità di occultare i proventi illeciti e di accedere alle nostre rispettive giurisdizioni e al sistema finanziario internazionale, in conformità con le rispettive leggi nazionali;
  7. rispettare e sostenere le libertà di riunione e associazione pacifica come componenti essenziali della democrazia, sia online che offline.  La società civile deve avere l’opportunità e lo spazio, in linea con il diritto internazionale dei diritti umani, per operare, raccogliere risorse, rappresentare i punti di vista e le preoccupazioni della società, anche di coloro che si trovano in situazioni di emarginazione o vulnerabilità, e monitorare e sostenere la responsabilità dei governi e delle autorità.  Ciò è essenziale per costruire e mantenere la fiducia tra i cittadini e le autorità pubbliche.  Una società civile forte, indipendente, inclusiva e diversificata dà potere alle comunità, contribuisce al buon governo e dà voce a chi non ha potere.  Ci impegniamo a promuovere un ambiente sicuro, accessibile e favorevole alla società civile e ai difensori dei diritti umani, anche tramite l’attuazione della legislazione nazionale in conformità con gli obblighi previsti dal diritto internazionale dei diritti umani.  Sosteniamo la cittadinanza attiva, anche quella dei giovani, e l’educazione civica alla democrazia e ai diritti umani per accrescere la partecipazione alla vita democratica e garantire la partecipazione politica e la rappresentanza dei cittadini in tutti i settori;
  8. promuovere il rispetto dei diritti umani e l’uguaglianza per tutti e combattere tutte le forme di discriminazione e di esclusione per qualsiasi motivo, in linea con il diritto internazionale dei diritti umani, ivi comprese le forme multiple e intersezionali di discriminazione, anche sulla base di sesso, razza, etnia, colore della pelle, religione o credo, origine nazionale o sociale, proprietà, nascita, indigenità, disabilità, orientamento sessuale, identità ed espressione di genere, gravidanza, opinione politica, classe, informazioni genetiche o età, nonché promuovere l’inclusione e la piena ed equa partecipazione di tutti coloro che si trovano in situazioni di emarginazione o vulnerabilità, ivi compresi gli sfollati interni;
  9. tutelare e sostenere i diritti umani di tutte le donne e le ragazze in tutta la loro diversità.  I diritti delle donne sono diritti umani.  Ci impegniamo a promuovere la piena, equa e significativa partecipazione e leadership delle donne in tutti gli aspetti del processo politico e decisionale, dei processi di pace e della governance a tutti i livelli, nonché a garantire la pari tutela di tutti i loro diritti di fronte alla legge.  Ci impegniamo ad affrontare le disuguaglianze di genere, ivi comprese le strutture discriminatorie, le norme sociali e gli stereotipi di genere, e la violenza sessuale e di genere, sia online che offline, che impediscono alle donne una piena, equa e significativa partecipazione e il godimento dei diritti umani.  Ci impegniamo a far progredire la loro salute e i loro diritti sessuali e riproduttivi in linea con il Programma d’azione della Conferenza internazionale sulla popolazione e lo sviluppo e con la Piattaforma d’azione di Pechino e i documenti finali delle loro conferenze di revisione.  Gli autori di violenze nei confronti delle donne e delle ragazze, in tutta la loro diversità, devono essere ritenuti responsabili e i governi e le autorità devono adottare misure appropriate per creare un ambiente sicuro, favorevole e privo di violenza per tutti.  Per conseguire l’uguaglianza di genere, abbiamo bisogno dell’impegno di tutti, compresi uomini e ragazzi, per impegnarsi, mostrare solidarietà e partecipare alla lotta e al processo di cambiamento.  Ci impegniamo a garantire la parità di accesso per le donne al mercato del lavoro, specialmente nel ritorno al lavoro dopo la pandemia, a dare importanza all’istruzione e ad aumentare la partecipazione delle donne nei settori tecnologici, nonché a lottare per garantire la parità di retribuzione per lo stesso lavoro o per un lavoro di pari valore;
  10. dare forma a un futuro lavorativo equo, accessibile, inclusivo e sicuro, con una piena occupazione produttiva, dignitosa e liberamente scelta, tramite sforzi per rispettare, promuovere e realizzare i diritti fondamentali del lavoro, ivi compresi i diritti alla libertà di associazione e alla contrattazione collettiva, e tramite misure per promuovere un lavoro dignitoso per tutti, ivi compreso un mondo del lavoro libero da violenza, sfruttamento e molestie.  Riconosciamo che le donne, le persone con disabilità e tutti coloro che si trovano ad affrontare forme multiple e intersezionali di discriminazione incontrano ulteriori barriere nel mondo del lavoro e nell’accesso al lavoro dignitoso, e ci impegniamo ad affrontare queste barriere.  Ci impegniamo a proteggere e a far progredire il lavoro dignitoso e l’inclusione economica in patria e nel mondo, tutelando i diritti fondamentali di formare e aderire a sindacati indipendenti e a organizzazioni datoriali, e rafforzando le leggi sul lavoro e la loro applicazione.  Ci impegniamo a garantire la non discriminazione, l’equo trattamento, le pari opportunità e la partecipazione di tutti al mondo del lavoro, oltre al principio della parità di retribuzione per lo stesso lavoro o per un lavoro di pari valore, e alla cooperazione internazionale per rafforzare la resilienza economica nei Paesi in via di sviluppo;
  11. promuovere un Internet aperto, libero, globale, interoperabile, affidabile, accessibile e sicuro, e tutelare i diritti umani in tutto l’ecosistema digitale in modo da aumentare la sicurezza, la prosperità e il benessere dei cittadini in tutto il mondo.  Affermiamo che la modalità in cui le tecnologie, ivi comprese quelle nuove ed emergenti come l’intelligenza artificiale, le biotecnologie e le tecnologie quantistiche, vengono progettate, sviluppate, mantenute, governate, acquisite, finanziate, vendute e utilizzate debba essere improntata all’impegno verso i principi democratici, tra cui uguaglianza, inclusione, sostenibilità, trasparenza, responsabilità, diversità e rispetto dei diritti umani, ivi compresa la privacy.  Tutti devono avere accesso alle opportunità offerte dalla tecnologia, senza lasciare nessuno indietro, e riconosciamo l’importanza di colmare molte forme di divario digitale, ivi compreso il divario digitale di genere, e di espandere l’accessibilità per le persone con disabilità.  A tale proposito, ci impegniamo a sostenere l’importanza dell’inclusione utilizzando tecnologie digitali accessibili e riaffermiamo la visione di una società dell’informazione e di un ecosistema tecnologico incentrati sull’uomo, inclusivi, sicuri e orientati allo sviluppo.  Sottolineiamo che il diritto internazionale esistente si applica al comportamento degli Stati nel cyberspazio e continuiamo ad impegnarci per promuovere il quadro di riferimento per un comportamento responsabile degli Stati nel cyberspazio affermato dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite;
  12. affermare che l’uso responsabile delle tecnologie digitali ed emergenti ha il potenziale per rafforzare la democrazia e combattere la corruzione, nel rispetto dello Stato di diritto. Prendiamo atto del nostro impegno a difendere le istituzioni e i processi democratici dalle minacce legate all’utilizzo improprio della tecnologia.  Riconosciamo e ci impegniamo a vigilare sugli effetti agghiaccianti e pericolosi che gli abusi, le molestie e la disinformazione online hanno sulla libertà di espressione e sulla partecipazione civile e politica delle donne, delle ragazze e delle popolazioni in situazioni di emarginazione o di vulnerabilità, nonché sui loro potenziali legami con l’estremismo violento;
  13. promuovere l’accesso a Internet, tutelare lo spazio civico, consentire il godimento dei diritti umani online, impegnarsi a sostenere progetti di infrastrutture per le tecnologie dell’informazione e della comunicazione nelle comunità meno servite e adoperarsi per prevenire le interruzioni e le restrizioni online imposte dai governi che violano gli obblighi di legge internazionali sui diritti umani. Riconosciamo inoltre l’importanza di far sì che le tecnologie di sorveglianza sia utilizzata in modo coerente con i principi democratici e con il rispetto degli obblighi e degli impegni in materia di diritti umani.  Evidenziamo l’importanza della responsabilità delle piattaforme tecnologiche e sottolineiamo che le piattaforme hanno la responsabilità di rispettare i diritti umani, in linea con i Principi guida delle Nazioni Unite su imprese e diritti umani.  Ci aspettiamo che le piattaforme tecnologiche intraprendano azioni appropriate per prevedere, individuare, prevenire e mitigare gli impatti negativi sui diritti umani direttamente collegati alle loro operazioni e affrontino la violenza, lo sfruttamento e gli abusi che avvengono sulle loro piattaforme.  Sottolineiamo la necessità che le aziende tecnologiche si comportino in modo responsabile, anche consentendo una solida tutela della privacy, della sicurezza e della salute dei cittadini, con particolare attenzione a una tutela ancora più forte per i bambini e i giovani, alla trasparenza e alla responsabilità connesse agli algoritmi e alle decisioni di moderazione dei contenuti delle piattaforme, e a una forte protezione contro l’abuso e la discriminazione legati all’utilizzo degli algoritmi, riconoscendo che le popolazioni in situazioni di emarginazione o vulnerabilità sono sproporzionatamente a rischio di subire conseguenze negative.  Inoltre, sottolineiamo l’importanza di rafforzare i partenariati regionali e mondiali per accrescere la collaborazione e mitigare i rischi posti dalle tecnologie nuove ed emergenti.  Siamo guidati dall’impegno a rafforzare l’approccio multistakeholder alla governance di Internet e a rafforzare la cooperazione tra i governi e le autorità sulle questioni di politica pubblica relative agli ecosistemi digitali, al fine di conseguire soluzioni inclusive, complete, coerenti e durature;
  14. rafforzare il nostro impegno nei confronti dei Principi Guida delle Nazioni Unite su Imprese e Diritti Umani e proteggere contro le violazioni dei diritti umani, all’interno dei nostri territori e/o giurisdizioni, da parte di terzi, ivi comprese le imprese commerciali, adottando misure appropriate per prevenire, indagare, punire e rimediare a tali abusi tramite politiche, leggi, regolamenti e procedimenti giudiziari efficaci.  Ci impegniamo ad operare per ottenere un consenso da parte di più parti interessate che si basi sui Principi guida delle Nazioni Unite su imprese e diritti umani per rafforzare la cooperazione e la coerenza internazionale, anche, ma non solo, per tutelare i titolari dei diritti, affrontare i casi di abuso e sostenere i rimedi;
  15. operare insieme per difenderci dalle minacce transnazionali, tra cui la manipolazione e l’interferenza dell’informazione straniera, che comprende la disinformazione discriminatoria e rivolta a donne e ragazze e a popolazioni in situazioni di emarginazione o vulnerabilità.  Ci impegniamo a difendere dalle interferenze straniere, anche nelle elezioni, dal crimine organizzato transnazionale, dalla corruzione, dal lavoro forzato nelle catene di fornitura mondiali, dal terrorismo e dalla repressione transnazionale, ivi compresa quella dei difensori dei diritti umani, indipendentemente dalla loro origine.  Ci impegniamo a rafforzare la cooperazione internazionale e a consolidare il nostro sostegno ad un sistema multilaterale efficace, ivi comprese le Nazioni Unite;
  16. affermare che l’arresto, la detenzione e la condanna arbitraria di persone che fanno leva sulle relazioni tra Stati è inaccettabile, ingiusta e contraria al diritto internazionale. Riconosciamo la Dichiarazione contro la detenzione arbitraria nelle relazioni tra Stati e ci esprimiamo contro questa pratica, riconoscendo che i cittadini di qualsiasi Paese possono essere presi di mira in qualsiasi momento;
  17. operare insieme per affrontare le sfide mondiali più critiche. Ci impegniamo a proteggere l’ambiente come elemento essenziale per il conseguimento dello sviluppo sostenibile e per la promozione di democrazie sostenibili, inclusive e funzionali.  Riconosciamo che lo sviluppo sostenibile, nelle sue tre dimensioni (sociale, economica e ambientale), e un ambiente pulito, sano e sostenibile contribuiscono e promuovono il pieno godimento di tutti i diritti umani.  L’inquinamento, il cambiamento climatico e il degrado ambientale, ivi compresa la perdita di biodiversità, e i loro effetti negativi, tra cui la scarsità di risorse, la mancanza d’acqua e l’insicurezza alimentare, hanno un impatto negativo sul godimento dei diritti umani e rappresentano una sfida alla stabilità sociale, economica e politica delle società di tutto il mondo, con un impatto sproporzionato sulle popolazioni in situazioni di emarginazione o vulnerabilità.  La nostra cooperazione è essenziale per ridurre gli effetti negativi del cambiamento climatico e dell’inquinamento e per arrestare e invertire la perdita di biodiversità, mantenendo gli impegni mondiali per affrontare queste sfide, anche aumentando le relative risorse finanziarie e promuovendo modelli di governance trasformativi ed inclusivi più resilienti, innovativi e a lungo termine che proteggano un ambiente pulito, sano e sostenibile.  Ci impegniamo a rafforzare istituzioni democratiche trasparenti ed efficaci che possano sostenere gli sforzi mondiali per far progredire gli obiettivi sanitari, tra cui la costruzione di sistemi sanitari più forti e resilienti e la promozione della prevenzione, della preparazione e della risposta alle pandemie per tutti.  Ci impegniamo inoltre a continuare ad operare per costruire, sostenere e finanziare le capacità di cui abbiamo bisogno per prevenire, individuare e rispondere non solo alle varianti emergenti del COVID-19, ma anche alle crisi sanitarie attuali e future in modo più rapido, trasparente, responsabile, sicuro, equo e garantito. La cooperazione internazionale rimane essenziale per creare i sistemi necessari a porre fine alla pandemia da COVID-19, salvare vite umane e costruire sistemi sanitari e di sicurezza migliori per tutti.

 

Ti potrebbe interessare anche..