Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Myanmar: Joint Peace Fund, finito semestre presidenza Italia

“A sei mesi di distanza ritengo che l’Italia abbia impresso una chiara direzione di marcia al Joint Peace Fund, delineando un percorso chiaro ed efficace per ogni futura iniziativa”, così si è espresso l’Ambasciatore Pier Giorgio Aliberti al termine del semestre di Presidenza italiana del Joint Peace Fund (JPF), un fondo multi-donatori di cui fanno parte – tra gli altri – anche Stati Uniti, Giappone e Unione Europea, istituito con l’obiettivo di sostenere il processo di pace birmano. Nel corso degli ultimi sei mesi, in particolare, l’attività italiana si è concentrata sulla razionalizzazione delle risorse disponibili, sull’ampliamento del portafoglio delle iniziative finanziate (ben 22 per 11 milioni complessivi di dollari USA) e sul rafforzamento dei rapporti con tutti gli interlocutori chiave del processo, a partire dalle istituzioni governative e dai gruppi etnici, aumentando così la visibilità degli interventi e consolidando il ruolo del JPF quale interlocutore autorevole ed equidistante nel complesso processo di riconciliazione nazionale in corso in Myanmar.

Ambasciata d’Italia in Myanmar
https://ambyangon.esteri.it/ambasciata_yangon/it/

Ti potrebbe interessare anche..