Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

In Sudafrica il Festival del Cinema Italiano

In Sudafrica il Festival del Cinema Italiano
In Sudafrica il Festival del Cinema Italiano

L’Ambasciata d’Italia a Pretoria insieme all’Istituto Italiano di Cultura, il Consolato Generale d’Italia a Johannesburg, il Consolato d’Italia a Cape Town e l’Ambasciata d’Italia in Zimbabwe, presentano  “The Italian Film Focus in Southern Africa 2021” sulla piattaforma MYmovies.

La XXI edizione del festival del cinema italiano si svolgerà dal 3 al 16 dicembre 2021 sulla piattaforma online MYmovies, geolocalizzata per Sud Africa, Namibia, Botswana e Zimbabwe. Il programma prevede 11 film italiani di qualità presentati nei più importanti festival internazionali del 2021 e apprezzati dal pubblico. Tutti i film saranno introdotti da una breve presentazione del regista o di un interprete. Il pubblico potrà interagire nella chat dedicata. Si comincerà quindi il 3 dicembre alle ore 18:45 con il grande affresco del teatro popolare napoletano di “Qui rido io” di Mario Martone. Il film sarà preceduto dalla presentazione del presidente di Controluce Antonio Falduto e di Fabio Ferzetti, critico cinematografico de “L’Espresso”; infine, dal saluto registrato del regista Mario Martone.

Sabato 4 dicembre sarà la volta del film di Nanni Moretti, “Tre piani”, tratto dall’omonimo romanzo dello scrittore israeliano Eshkol Nevo. La pellicola sarà introdotta da uno degli interpreti e da Oscar Cosulich, critico cinematografico de “Il Mattino”. Domenica 5 dicembre sarà invece il turno di “Ariaferma” di Leonardo Di Costanzo, con Toni Servillo e Silvio Orlando. Anche in questo caso è previsto un saluto registrato del regista, preceduto dall’introduzione in diretta di Flavio Natalia, direttore della rivista “Ciak”. Dalle ore 21,30 di venerdì 3 dicembre saranno poi disponibili sulla piattaforma anche gli altri otto film, un caleidoscopio di situazioni e personaggi contemporanei, che spaziano dal nord al sud dell’Italia e tra generi diversi, dalla commedia popolare e ben rodata di “Come un gatto in tangenziale – Ritorno a Coccia di Morto” di Riccardo Milani, all’intimità romantica di “Lei mi parla ancora” di Pupi Avati.