Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Made in Italy della moda protagonista a Bruxelles

Made in Italy della moda protagonista a Bruxelles
Made in Italy della moda protagonista a Bruxelles

In occasione del primo anniversario della campagna di nation branding #beIT, l’Ambasciata d’Italia a Bruxelles ha dato vita ad una nuova iniziativa di diplomazia economica dedicata alla promozione del Made in Italy. Si tratta del progetto “ApritiModa”, organizzato in collaborazione con la Farnesina, le Rappresentanze Permanenti Presso l’Unione Europea e la NATO, la Camera Nazionale della Moda e la Fondazione Cologni per le Arti e i Mestieri. Un’iniziativa che mira a far conoscere al grande pubblico il “dietro le quinte” dei grandi marchi della moda italiana, rappresentato dalle maestranze artigianali del settore.

Per l’occasione, la Residenza dell’Ambasciatore italiano a Bruxelles si è trasformata in una vetrina per la promozione delle eccellenze del Made in Italy nel settore della moda, con l’esposizione di grandi marchi, tra i quali Armani, Alberta Ferretti, Dolce e Gabbana, Aquaflor, Fratelli Rossetti, Moncler, Borsalino, Sartoria Litrico, Martina Vidal, Francesco Maglia, Marcolin, Cilento e Omega Gloves, tutte case partner del progetto “ApritiModa”. Nel corso della serata, è stato anche proiettato per la prima volta in Belgio un video realizzato da Giorgio Armani per la campagna #beIT.

L’Ambasciatore italiano a Bruxelles, Francesco Genuardi, ha sottolineato l’importanza della moda, filiera strategica per l’export italiano con una cifra complessiva che arriva agli 80 miliardi e che rappresenta, anche attraverso le filiere artigianali presenti in tutti i territori italiani, una eccellenza nel mondo

All’evento sono intervenuti anche il Rappresentante Permanente presso l’UE, Amb. Pietro Benassi, il Presidente della Camera Nazionale della Moda, Carlo Capasa, il Presidente della Fondazione Cologni, Alberto Cavalli, e Cinzia Sasso ideatrice del progetto “ApritiModa”.

Gallery

Ti potrebbe interessare anche..