Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

A Dakar seminario sulla gestione sostenibile dell’acqua

A Dakar seminario sulla gestione sostenibile dell’acqua
A Dakar seminario sulla gestione sostenibile dell’acqua

L’Ambasciata d’Italia a Dakar ha organizzato un seminario scientifico dal titolo “Il contributo dell’idrogeologia alla gestione sostenibile dell’acqua” cui hanno partecipato rappresentanti di istituzioni di ricerca ed università del Senegal e dell’Università di Bologna. L’evento ha permesso di condividere le esperienze, le conoscenze e la didattica nell’ambito dell’idrogeologia, della distribuzione e dei movimenti delle acque all’interno dei suoli e delle rocce della crosta terrestre.

L’incontro si è svolto presso il Centre de Suivi Ecologique, una struttura di eccellenza specializzata nel monitoraggio ambientale e nella gestione sostenibile delle risorse naturali del paese e vi hanno preso parte quasi 40 partecipanti tra ricercatori, professori e studenti dell’Università Cheikh Anta Diop e dell’Università Amadou Mahtar Mbow, entrambe di Dakar.

Nel portare i saluti dell’Ambasciatore d’Italia a Dakar, Giovanni Umberto De Vito, l’Addetto Scientifico dell’Ambasciata, Eugenio Cavallo, ha ricordato la forte volontà dell’Italia di promuovere la reciproca conoscenza tra istituzioni scientifiche italiane e dell’Africa Occidentale e favorire l’integrazione dei sistemi di ricerca, innovazione e dell’educazione superiore. Nel corso del seminario, il Prof. Luigi Cantelli ha riferito le attività pedagogiche e di ricerca e le opportunità di collaborazione con l’Università di Bologna nell’ambito dell’idrogeologia. La Dott.sa Beatrice Giambastiani ha illustrato un progetto biennale di monitoraggio ed individuazione di tecniche di gestione ed impiego dell’acqua di superficie e di falda condotta in Senegal, nella zona di Kafrine, nel centro del paese, finanziato direttamente dall’Università di Bologna e realizzato con il supporto dell’ONG COMI.

Ti potrebbe interessare anche..