Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

New York – Lo ‘Stato di plastica’ della Finucci

Dopo le tappe di Parigi, Venezia, Madrid e Roma, e’ in arrivo a New York il “Garbage Patch State” dell’artista italiana Maria Cristina Finucci, che intende cosi’ portare nel cuore delle Nazioni Unite il suo messaggio contro i residui plastici che inquinano gli oceani. Lo ‘Stato di plastica’ rappresenta la superficie occupata dai rifiuti di plastica, pari a di 16 milioni di chilometri quadrati divisi in cinque gigantesche “isole” formate da oggetti usati magari una sola volta e poi gettati.


“Garbage Patch State”


In occasione del semestre di presidenza italiana del Consiglio Ue, l’installazione arriva nell’atrio del Palazzo di Vetro, luogo in cui si dibattono e condividono le politiche e le strategie internazionali per la tutela dell’ambiente e l’uso sostenibile delle limitate risorse naturali del pianeta. Si tratta di un grido d’allarme di fronte a una grave minaccia, troppo spesso ignorata: per vari motivi, infatti, questa distesa di plastica dispersa nei mari non si riesce a vedere dai satelliti ed e’ difficile catturarne un’immagine unitaria. L’iniziativa, ospite a New York dal 29 settembre al 19 ottobre, ha visto la luce all’Unesco a Parigi nell’aprile 2013, prima di trasferirsi alla Biennale di Venezia nel cortile della Ca’Foscari.


Ti potrebbe interessare anche..