Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Comunicato congiunto degli Inviati Speciali nell’ambito dello US-Europe Group sull’Afghanistan

Special Envoys and Representatives for Afghanistan of the European Union, France, Germany, Italy, Norway, the United Kingdom and the United States met in Washington D.C. on September 15, 2022, to discuss the situation in Afghanistan. Other officials from Japan, Qatar, Switzerland and UNAMA also participated in the meeting as observers, which included technical sessions with the World Bank and the Asian Development Bank.

The Special Envoys and Representatives for Afghanistan:

  1. Expressed grave concerns with the continued undermining of human rights and fundamental freedoms of Afghans; welcomed the recent report by the UN Special Rapporteur on the Situation of Human Rights in Afghanistan to the UN Human Rights Council; denounced violations of international humanitarian law and abuses of rights protected under international human rights treaties and conventions to which Afghanistan is a State Party, including abuses of the rights of members of ethnic and religious minority groups or other marginalized groups; condemned, in particular, abuses of the rights of Afghan women and girls throughout the country, including restrictions on freedom of movement, as well as their exclusion from political, economic, educational and social spaces; noted the issuance of no fewer than 16 Taliban announcements and policies since August 2021 that have restricted women’s and girls’ enjoyment of their rights; and called for the immediate reversal of the Taliban’s ban on girls’ attendance in schools in grades 7 to 12, noting girls have not attended school at these levels for the last year throughout most of the country.
  2. Denounced increasing restrictions on freedom of opinion and expression, notably through media repression, including of female reporters, and condemned the detentions of both Afghan and foreign journalists.
  3. Stressed the urgency in continuing to address the grave humanitarian crisis in the country, including through steps to prepare the Afghan population for the upcoming winter; highlighted the substantial humanitarian assistance provided for Afghanistan since August 2021 from their respective governments and organizations; affirmed the need for all relevant actors to adhere to applicable international law and to ensure the independence of humanitarian organizations; emphasized the importance of all humanitarian staff – men and women – having unimpeded access to any areas of the country necessary to performing their jobs effectively; called for adherence to humanitarian principles and for the removal of any restrictions and obstacles to the provision of humanitarian assistance; and emphasized the importance of equitable and direct access to humanitarian aid, as well as to aid intended to address basic human needs, with appropriate consideration for vulnerable populations, including women and women-led households, children and ethnic and religious communities.
  4. Expressed grave concern about the continued presence and operations of terrorists and terrorist groups in Afghanistan, including al-Qa’ida and other groups with a stated aim to target countries in the region and beyond; and specifically condemned the recent presence of al-Qa’ida leader Ayman al-Zawahiri in Afghanistan and emphasized that Zawahiri’s presence in Kabul was a clear example of the Taliban’s failure to meet their counter-terrorism commitments.
  5. Highlighted the need for the Taliban to take sustained and verifiable steps, consistent with their commitments and applicable international law, including international humanitarian law, against all terrorist groups and activity occurring in Afghanistan; condemned recent ISIS-K attacks against civilians, the diplomatic community and areas where civilians gather, including mosques; acknowledged active operations by the Taliban against ISIS-K; and called on the Taliban to protect at-risk ethnic and religious communities from attacks by members of ISIS-K and other terrorists, as well as to take all possible steps to ensure perpetrators of such attacks are held accountable.
  6. Emphasized that enduring peace and stability in Afghanistan requires a credible and inclusive national dialogue leading to a constitutional order with a representative political system; noted that the risk of armed conflict is likely to increase significantly without a broadly representative and accountable government chosen through a credible process in which all adult Afghan women and men can participate; and called on the Taliban to fulfill their commitment made in the February 2020 Doha Agreement to participate in intra-Afghan dialogue and negotiations over a political roadmap that leads to a new Afghan Islamic government.
  7. Underscored the importance of the Taliban fulfilling their commitments to counter drug production and trafficking.
  8. Noted that the Taliban have committed to allow safe and orderly passage to and from Afghanistan of foreign nationals and Afghans – both women and men – who are properly documented.
  9. Discussed the recent lapse of the exceptions to the UN travel ban on certain Taliban leaders and called on all countries to act responsibly in implementing their UN obligations.
  10. Emphasized that foreign assistance to Afghanistan is for the benefit of the Afghan people and not a sign of progress toward normalization of relations with the Taliban; and noted that engagement by members of the international community with the Taliban should not be interpreted as progress toward normalization.
  11. Highlighted the need for the Taliban to focus on the country’s economic crisis and to create an enabling environment for greater investment through, among other things, adherence to fair and transparent rule of law; stressed that humanitarian assistance and assistance for basic human needs are not sufficient to prevent further deterioration of the country’s economy; discussed other ways to help sustain Afghan livelihoods through economic stabilization and by increasing liquidity in the country; emphasized the importance of reviving Afghanistan’s banking and financial sector and to facilitating licit cross-border money flows; raised the need to expand the capability, transparency and professionalism of the Afghan central bank as part of efforts to increase liquidity and to stabilize the economy; noted the recent establishment of the Afghan Fund in Switzerland that aims to preserve and protect Afghan central bank reserves and to make targeted disbursements from those reserves for the benefit of the people of Afghanistan; and emphasized the need for the Afghan central bank to (1) demonstrate its independence from political influence and interference; (2) demonstrate it has instituted adequate anti-money laundering and countering-the-financing-of-terrorism (AML/CFT) controls; and (3) complete a third-party needs assessment and onboard a reputable third-party monitor.
  12. Welcomed the appointment by UN Secretary General Antonio Guterres of Ms. Roza Otunbayeva as the new Special Representative for Afghanistan and head of UNAMA; and called on the Taliban, other Afghans and members of the international community to cooperate with SRSG Otunbayeva as she implements UNAMA’s mandate, including on the promotion of dialogue among all relevant Afghan stakeholders aimed at achieving inclusive, responsive, representative and participatory governance at national and subnational levels and on the monitoring of the human rights situation; and expressed support for the renewal by the UN Human Rights Council of the mandate of the UN Special Rapporteur on the Situation of Human Rights in Afghanistan, called for the strengthening of its role on gender rights and an increase in the position’s financial resources, and welcomed the work done to date in this role by Mr. Richard Bennett.
  13. Welcomed UNAMA’s mandate to promote transitional justice and called on the Taliban and other Afghans to work in good faith toward addressing the country’s legacy of war crimes and other violence; acknowledged that grievances exist on all sides of the conflict and noted that sustainable peace is unlikely without a reconciliation process that emphasizes healing and restorative justice over retribution; and noted the importance of adherence to the Taliban’s policy of amnesty for former Islamic Republic officials and to upholding accountability for those who violate this policy.
  14. Highlighted the need for all members of the international community, particularly Afghanistan’s neighbors, other partners in the region and Muslim-majority countries, to cooperate in Afghanistan with the interest of the Afghan people in mind.
  15. Expressed their appreciation to the United States for organizing these consultations and hosting the meeting.

 

*****

Traduzione di cortesia

Comunicato congiunto degli Inviati Speciali nell’ambito dello US-Europe Group sull’Afghanistan

Gli inviati speciali e i rappresentanti per l’Afghanistan di Unione Europea, Francia, Germania, Italia, Norvegia, Regno Unito e Stati Uniti si sono incontrati a Washington D.C. il 15 settembre 2022 per discutere della situazione in Afghanistan. Altri funzionari di Giappone, Qatar, Svizzera e UNAMA hanno partecipato, in qualità di osservatori, all’incontro che ha compreso sessioni tecniche con la Banca Mondiale e la Banca Asiatica di Sviluppo.

Gli inviati e rappresentanti speciali per l’Afghanistan:

  1. hanno espresso grave preoccupazione per il continuo indebolimento dei diritti umani e delle libertà fondamentali degli afghani; hanno accolto con favore il recente rapporto del Relatore speciale delle Nazioni Unite sulla situazione dei diritti umani in Afghanistan al Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite; hanno denunciato le violazioni del diritto umanitario internazionale e gli abusi dei diritti tutelati dai trattati e dalle convenzioni internazionali sui diritti umani di cui l’Afghanistan è parte, ivi compresi gli abusi dei diritti degli appartenenti a gruppi etnici e religiosi minoritari o di altri gruppi emarginati; hanno condannato, in particolare, le violazioni dei diritti delle donne e delle giovani afghane in tutto il Paese, ivi comprese le restrizioni alla libertà di movimento, nonché la loro esclusione dagli spazi politici, economici, educativi e sociali; hanno preso atto dell’emissione di non meno di 16 annunci e politiche talebane dall’agosto 2021 che hanno limitato il godimento dei diritti delle donne e delle giovani; e hanno chiesto l’immediata revoca del divieto imposto alle ragazze dai Talebani di frequentare le scuole di grado 7-12, facendo notare che, nell’ultimo anno, le ragazze non hanno frequentato la scuola di questo grado nella maggior parte del Paese;.
  2. hanno denunciato le crescenti restrizioni alla libertà di opinione e di espressione, in particolare tramite la repressione dei media, anche nei confronti delle giornaliste, e hanno condannato le detenzioni di giornalisti afghani e stranieri;
  3. hanno sottolineato l’urgenza di continuare ad affrontare la grave crisi umanitaria nel Paese, anche tramite misure per preparare la popolazione afghana all’imminente inverno; hanno evidenziato la sostanziale assistenza umanitaria fornita all’Afghanistan dall’agosto 2021 dai rispettivi governi e dalle rispettive organizzazioni; hanno affermato la necessità che tutte le parti interessate aderiscano al diritto internazionale applicabile e garantiscano l’indipendenza delle organizzazioni umanitarie; hanno sottolineato l’importanza che tutto il personale umanitario – uomini e donne – abbia libero accesso a tutte le aree del Paese necessarie per svolgere efficacemente il proprio lavoro; hanno chiesto l’adesione ai principi umanitari e l’eliminazione di qualsiasi restrizione ed ostacolo alla fornitura di assistenza umanitaria; hanno sottolineato l’importanza di un accesso equo e diretto agli aiuti umanitari, nonché agli aiuti destinati a soddisfare i bisogni umani fondamentali, con un’adeguata considerazione per le popolazioni vulnerabili, comprese le donne e le famiglie in cui le donne sono capofamiglia, i bambini e le comunità etniche e religiose;
  4. hanno espresso grave preoccupazione per la costante presenza e le continue operazioni di terroristi e gruppi terroristici in Afghanistan, tra cui al-Qaeda ed altri gruppi con l’obiettivo dichiarato di colpire i Paesi della regione e non solo; hanno specificamente condannato la recente presenza del leader di al-Qaeda, Ayman al-Zawahiri, in Afghanistan e hanno sottolineato che la presenza di Zawahiri a Kabul è un chiaro esempio del mancato rispetto degli impegni antiterrorismo da parte dei Talebani;
  5. hanno  sottolineato la necessità che i Talebani adottino misure sostenute e verificabili, coerenti con i loro impegni e con il diritto internazionale applicabile, ivi compreso il diritto umanitario internazionale, contro tutti i gruppi e le attività terroristiche che si svolgono in Afghanistan; hanno condannato i recenti attacchi dell’ISIS-K contro i civili, la comunità diplomatica e le aree in cui i civili si riuniscono, ivi comprese le moschee; hanno preso atto delle operazioni attive dei Talebani contro l’ISIS-K; e hanno invitato i Talebani a proteggere le comunità etniche e religiose a rischio dagli attacchi di membri dell’ISIS-K e di altri terroristi, nonché ad adottare tutte le misure possibili per garantire che gli autori di tali attacchi siano ritenuti responsabili;
  6. hanno sottolineato che una pace e una stabilità durature in Afghanistan richiedono un dialogo nazionale credibile ed inclusivo che porti ad un ordine costituzionale con un sistema politico rappresentativo; hanno osservato che il rischio di un conflitto armato rischia di aumentare in modo significativo senza un governo ampiamente rappresentativo e responsabile, scelto tramite un processo credibile a cui possano partecipare tutte le donne e gli uomini afghani adulti; hanno invitato i Talebani a rispettare l’impegno assunto nell’accordo di Doha del febbraio 2020 di partecipare al dialogo e ai negoziati intra-afghani su una tabella di marcia politica che porti ad un nuovo governo islamico afghano;
  7. hanno sottolineato l’importanza che i Talebani rispettino gli impegni assunti per contrastare la produzione e il traffico di droga.
  8. hanno rilevato che i Talebani si sono impegnati a consentire il passaggio sicuro ed ordinato da e verso l’Afghanistan di cittadini stranieri e afghani – sia donne che uomini – che siano adeguatamente muniti di documenti;
  9. hanno discusso la recente decadenza delle eccezioni al divieto di viaggio delle Nazioni Unite nei confronti di alcuni leader talebani e hanno invitato tutti i Paesi ad agire responsabilmente nell’attuazione dei loro obblighi ONU;
  10. hanno sottolineato che l’assistenza straniera all’Afghanistan è a beneficio del popolo afghano e non è un segnale di progresso verso la normalizzazione delle relazioni con i Talebani; hanno osservato che l’impegno dei membri della comunità internazionale nei confronti dei Talebani non deve essere interpretato come un segnale di progresso verso la normalizzazione;
  11. hanno evidenziato la necessità che i Talebani si concentrino sulla crisi economica del Paese e creino un ambiente favorevole a maggiori investimenti anche tramite l’adesione ad uno Stato di diritto equo e trasparente; hanno sottolineato che l’assistenza umanitaria e l’assistenza per i bisogni umani di base non sono sufficienti a prevenire un ulteriore deterioramento dell’economia del Paese; hanno discusso di altre modalità per contribuire a fornire i mezzi di sussistenza agli afghani tramite la stabilizzazione economica e l’aumento della liquidità nel Paese; hanno sottolineato l’importanza di rilanciare il settore bancario e finanziario dell’Afghanistan e di facilitare i flussi leciti di denaro transfrontalieri; hanno rilevato il fatto che vi è la necessità di espandere la capacità, la trasparenza e la professionalità della banca centrale afghana, nell’ambito degli sforzi per aumentare la liquidità e stabilizzare l’economia; hanno preso atto della recente istituzione del Fondo afghano in Svizzera, che mira a preservare e proteggere le riserve della banca centrale afghana e ad effettuare esborsi mirati da tali riserve a beneficio del popolo afghano; e hanno sottolineato la necessità che la banca centrale afghana (1) dimostri la propria indipendenza da influenze ed interferenze politiche; (2) dimostri di aver istituito controlli adeguati contro il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo (AML/CFT); e (3) completi una valutazione indipendente delle esigenze e istituisca un responsabile affidabile di monitoraggio indipendente;
  12. .hanno accolto con favore la nomina, da parte del Segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, di Roza Otunbayeva quale nuovo Rappresentante speciale per l’Afghanistan e Capo dell’UNAMA; e hanno invitato i Talebani, gli altri afghani e i membri della comunità internazionale a cooperare con il Rappresentante Speciale del Segretario Generale, Otunbayeva, nell’attuazione del mandato dell’UNAMA, anche per quanto riguarda la promozione del dialogo tra tutte le parti interessate afghane al fine di conseguire una governance inclusiva, reattiva, rappresentativa e partecipativa a livello nazionale e sub-nazionale ed il monitoraggio della situazione dei diritti umani; hanno espresso il proprio sostegno al rinnovo, da parte del Consiglio dei Diritti Umani delle Nazioni Unite, del mandato del Relatore Speciale delle Nazioni Unite sulla situazione dei diritti umani in Afghanistan; hanno chiesto il rafforzamento del suo ruolo sui diritti di genere ed un aumento delle risorse finanziarie per la sua posizione; e hanno accolto con favore il lavoro svolto finora in questo ruolo da Richard Bennett;
  13. hanno accolto con favore il mandato dell’UNAMA di promuovere la giustizia di transizione e hanno invitato i Talebani e gli altri afghani ad adoperarsi in buona fede al fine di affrontare le conseguenze per il paese dell’eredità dei crimini di guerra e delle altre violenze perpetrate; hanno riconosciuto che esistono recriminazioni di tutte le parti del conflitto e hanno osservato che è improbabile conseguire una pace sostenibile senza un processo di riconciliazione che ponga l’accento sul risanamento delle ferite e sulla giustizia riparativa piuttosto che su un approccio punitivo; hanno rilevato l’importanza di aderire alla politica dei Talebani di amnistia per gli ex-funzionari della Repubblica islamica e di sostenere la necessità di considerare responsabili coloro che violano questa politica;
  14. hanno sottolineato la necessità che tutti i membri della comunità internazionale, in particolare i vicini dell’Afghanistan, gli altri partner della regione e i Paesi a maggioranza musulmana, cooperino in Afghanistan tenendo presente l’interesse del popolo afghano;
  15. hanno espresso il loro apprezzamento agli Stati Uniti per aver organizzato queste consultazioni ed ospitato la riunione.